L’AVIS provinciale di Catanzaro ricorda i suoi donatori defunti
Menu

L’AVIS provinciale di Catanzaro ricorda i suoi donatori defunti

avis provincialeSi è svolta Domenica 17 Settembre in Conflenti la Manifestazione della “Quarta giornata della Memoria del Donatore Defunto”.  L’evento voluto ed organizzato da AVIS provinciale Catanzaro ha visto riunite in Conflenti tutte le Comunali AVIS del Territorio Catanzarese le quali accompagnate - per area di afferenza - dalla “Fiaccola a ricordo” e dalla “Intenzione di Preghiera da deporre ai piedi della Madonna della Quercia di Visora”, hanno ricordato e pregato per i propri donatori defunti. Alla Manifestazione erano presenti anche il Presidente AVIS Provinciale Catanzaro Franco P. Parrottino con tutto il suo Consiglio Esecutivo e Consiglio Direttivo ed il Presidente AVIS Regionale Calabria. Alla Manifestazione tra tutti i Labari delle Comunali AVIS ,presente anche il Labaro della GADCO – il Gruppo AVIS donatrici Cordone Ombelicale. Questa Quarta edizione della “Giornata della Memoria” -come si apprende dagli organizzatori- al fine di meglio esprimere il sentimento di preghiera a ricordo è stata segnata dalle precedenti tre “Giornate del Raccoglimento” svoltesi nelle Comunali di Zagarise, Squillace e San Mango d’Aquino le quali nel raccoglimento comune, sulla propria area di afferenza, hanno espresso un’unica intenzione di preghiera portata nella giornata di Domenica 17 ai piedi della Madonna di Visora. La giornata della Memoria iniziata nel primo pomeriggio in Piazza Pontano ha visto il Corteo dei Labari, preceduti dalle tre fiaccole a ricordo e dalle tre intenzioni di Preghiera, arrivare in Piazza Visora dove ad accogliere il Corteo c’erano i “Pensieri Solidali”; un Angolo di ricordi solidali accompagnato da tante candele accese a ricordo delle tante persone che con i loro gesti d’amore infinito, hanno tracciato il sentiero della speranza percorso oggi da tutti gli avisini. Sul Sagrato della Basilica della Madonna della Quercia di Visora si sono svolte tutte le funzioni commemorative che hanno visto per prima la scopertura della “Goccia a ricordo” offerta con atto gratuito ad AVIS Provinciale Catanzaro; con le sue tre gocce incastonate una nell’altra e di colori differenti (rosso, blu, e vari colori) identifica – come espresso dal cerimoniere – “diverse realtà che si intrecciano a formare un’unica rete umana senza vincoli e senza distinzioni ma con un solo obiettivo, quello di lavorare tutti insieme per regalare il sorriso attraverso la voce della speranza”. Il successivo momento molto suggestivo è stato la deposizione da parte del Presidente AVIS Provinciale F.P. Parrottino di una Coroncina ai piedi della “Goccia a Ricordo”, gesto accompagnato dalla frase del cerimoniere che ha scandito un “Grazie di cuore”. “Nel Trovarmi qui a vedere una piazza piena di labari – afferma il Presidente di AVIS Provinciale F.P. Parrottino – osservo tutti questi segni che rappresentano l’identità di AVIS, osservo i volti dei tanti volontari, ascolto il silenzio che rappresenta il ringraziamento in memoria di chi non e’ più tra noi ed è allora che sento nel mio cuore una grande tenerezza, una forza che mi spinge ad andare oltre me stesso per riuscire a dissetare la sofferenza di quelli che attendono, sicuri che quell’attesa non è vana”. Anche quest’anno  il volo di due bianche colombe ha voluto segnare il momento del saluto agli angeli del Cielo; tutti con lo sguardo rivolto in alto quasi a raccomandare alle colombe, simbolo di pace e di speranza, di portare ai loro cari donatori defunti i pensieri più belli espressi nell’angolo dei “ricordi solidali”.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa