Vertenza Call&Call. Azienda, rifiuta mediazioni del governo e va avanti sui licenziamenti.
Menu

Vertenza Call&Call. Azienda, rifiuta mediazioni del governo e va avanti sui licenziamenti.

call locri«Si è riconvocato oggi il tavolo per la vertenza Call&Call Lokroi al MiSE sospeso mercoledì scorso. Il dirigente dell'ufficio crisi, dopo aver sentito il ministero del lavoro ed averne verificato la fattibilità, ha proposto all'azienda di ritirare i licenziamenti ed utilizzare la cassa integrazione in attesa di giungere ad una soluzione per scongiurare definitivamente i licenziamenti, raccogliendo le proposte sindacali. L'azienda ha rifiutato la proposta di mediazione continuando a ribadire la sua volontà di continuare con la procedura di mobilità per 129 dipendenti, adducendo che questa manovra è l'unica possibilità per poter salvaguardare il sito di Locri e l'azienda in generale». Lo rendono noto in una nota le segreterie regionali di Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil della Calabria.
«Successivamente – dicono ancora - il Mise ha contattato Engie Italia ricevendo dalla stessa la disponibilità a lasciare temporaneamente una parte delle attività per dar tempo a tutti i soggetti coinvolti di ricercare ulteriori soluzioni. Anche questa disponibilità di Engie non viene considerata dall'azienda che conferma i 129 esuberi.
Ci troviamo davanti un’azienda irresponsabile che ha dimostrato di non aver alcun interesse a ricercare soluzioni alternative per mantenere l'occupazione sul sito di Locri. Una scelta scellerata che lunedì manderà per strada 129 famiglie, pregiudicano seriamente la tenuta dell'intero sito produttivo con conseguenti ricadute economiche negative su tutto il territorio».
«Come sindacati, forti del fattivo sostegno della Regione Calabria rappresenta al tavolo ministeriale dall'onorevole Seby Romeo e dal dg. Varone abbiamo proposto all'azienda molteplici strumenti utili a ridurre l'esposizione economica e finanziaria (anche queste proposte non considerate interessanti dall'azienda) e manterremo, accesa la protesta. Inoltre dopo essersi confrontati con i lavoratori, nelle prossime ore decideremo le strade da percorrere per contrastare l'ennesimo atto di depauperamento del territorio calabrese.Siamo stanchi di imprenditori che investono al sud facendo il pieno di contributi pubblici per poi scappare quando le agevolazioni, frutto dei soldi dei contribuenti, terminano. Non permetteremo – concludono - questo ennesimo furto di dignità alla nostra terra sollecitando anche il Presidente della Repubblica a prendere posizione a salvaguardia di una delle aree più povere del Paese».

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa