all
Menu

Coldiretti: Calabria, Pietro Molinaro confermato presidente

Pietro MolinaroCatanzaro  - Pietro Molinaro e' stato confermato all'unanimita' presidente di Coldiretti Calabria per il quinquennio 2018-2023. L'elezione e' avvenuta durante l'assemblea regionale, e dopo una intensa fase dei rinnovi dirigenziali delle federazioni provinciali. E' stato eletto anche il nuovo Consiglio della Coldiretti Calabria, formato dallo stesso Pietro Molinaro e da Stefano Bivone (vice presidente), Fabio Borrello, Franco Aceto, Vincenzo Abbruzzese, Antonio Genovese, Andrea Cefalu', Giuseppe Lavorata, Salvatore Quattrone, Giuseppe Porcelli, Pasquale Russo, Franco Fazio. Faranno parte di diritto del Consiglio Rita Licastro (Donne Impresa), Erika Lopez (Giovani Impresa), Elvira Leuzzi (Pensionati). Presidente dei probiviri Antonino Fonsi e dei revisori Alessandro Guzzo.
Molinaro nel ringraziare tutti i dirigenti presenti, con una larghissima maggioranza di giovani, ha evidenziato "la strategia lungimirante, estensiva ed espansiva di questi anni della maggiore organizzazione agricola nazionale e regionale che e' cresciuta nei numeri e nell'appeal e reputazione verso le istituzioni e societa'. Nel sottolineare altresi' un sempre piu' stretto rapporto tra etica delle convinzioni ed etica della responsabilita' ha annunciato un impegno particolare per l'affermazione della legalita' a tutto campo in particolare per sconfiggere lo sfruttamento della manodopera assicurando il reddito giusto agli agricoltori".

Montepaone, nel libro di Giovanna Vecchio la magia dei sogni e delle emozioni

nonna“Un libro da leggere non solo perché è bello ed emozionante, ma anche perché capace di aprirci finalmente le porte del cuore”. Parole che illuminano il successo di “Nonna, raccontaci ...” (Macabor Editore, 2017) della scrittrice di Montepaone Giovanna Vecchio: la magia di tante storie raccontate, a bassa e alta voce, rincorrendo sogni ed emozioni, cercando le parole giuste per far comprendere ai bambini, ma anche e soprattutto ai grandi, quanto bella sia la vita se ritorniamo a rispettare la natura e a vivere con amore la nostra esistenza. Contenuti che esprimono la qualità di un'opera che sta accompagnando l'autrice in un tour di presentazioni in tutta la Calabria. Molto partecipato, in particolare, il recente incontro culturale che si è svolto nell'ambito della Festa del Volontariato, a Catanzaro. Il libro si compone di cinque racconti: “Le Lucciole e l’Olmo”, “Lilli e Dodo”, “Marta e Giovanni”, “Laky, un cane supereroe”, “Il vento, la pioggia e la roccia”. “La narrazione parla di quotidiano, di gesti ed esempi reali che concretano valori, autoconsapevolezza, identità” spiega Giovanna Vecchio. “Qui siamo di fronte a un meta racconto - analizza Emma Scopelliti, psicologa e psicoterapeuta - c'è una nonna che racconta di favole narrate ai propri nipotini, c'è il loro quotidiano, la loro esperienza di vita. E così leggiamo come siano importanti l’ascolto, la capacità di comunicare anche tematiche complesse come la perdita e il lutto, ma soprattutto come siano importanti la conoscenza delle proprie radici per la costruzione identitaria di un individuo e lo sviluppo di un buon grado di benessere psicologico”. In “Nonna, raccontaci” Giovanna Vecchio racchiude, infine, i momenti indimenticabili vissuti con i nipoti, Sofia e Lorenzo. Favole belle, utili e buone. Per tutti i bambini del mondo.

Settembre al Parco 2018. Noemi sarà a Catanzaro venerdì 21 settembre

NoemiCATANZARO – “Noemi sarà a Catanzaro venerdì 21 settembre alle ore 22 per concludere con il botto la manifestazione Settembre al Parco 2018 che quest’anno è stata davvero straordinaria, nella programmazione e nella partecipazione”. E’ quanto comunica il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, nell’annunciare che dopo il rinvio del concerto di Noemi, che sabato scorso non si è potuta esibire nella spianata del Parco a causa del maltempo, la data sarà recuperata proprio in occasione dell’ultima giornata della kermesse culturale prevista per venerdì 21 settembre. “Abbiamo lavorato con grande determinazione per avere Noemi a Catanzaro – ha affermato il presidente Bruno – proprio per chiudere in bellezza una manifestazione che ci ha dato grande soddisfazione in termini di coinvolgimento, gradimento e apprezzamento della qualità degli eventi che hanno coinvolto tanto i talenti locali, quanto i grandi nomi nazionali come Avion Travel ed Eugenio Finardi. Ci tenevamo particolarmente, dopo aver deciso il rinvio per motivi di sicurezza. Quindi, vi aspettiamo venerdì per seguire il concerto di Noemi alle 22 e anche gli altri appuntamenti culturali”.

Davoli la presentazione del libro “Soverato tra mare e terra” venerdì 21 Settembre

presentaz.libro biblioteca vincenziani davoliCon l’auspicio di risvegliare l’attenzione dei cittadini del comprensorio soveratese, ed a testimonianza di un piccolo tassello del panorama culturale calabrese dove la conoscenza archeologica non è diffusa in maniera capillare come dovrebbe, venerdì 21 settembre presenteremo nella Biblioteca pubblica dell’Associazione Volontariato Vincenziano di Davoli il libro: SOVERATO TRA MARE E TERRA, archeologia e paesaggi a cura di A. Maida, M.A. Pisano e R. Riverso. Il volume, che segue la realizzazione del libro Il Tesoretto di Soverato nei documenti di Paolo Orsi (2010), comprende i contributi di esperti come: G. Lena, A. Ruga, C. Raimondo, G. Macrì, S. Mariottini. Esso è il risultato di una ricerca pluriennale compiuta sul territorio e aggiunge nuovi elementi alla conoscenza della storia di Soverato evidenziandole potenzialità ‘archeologiche’ provate fin dai primi decenni del Novecento e confermate dalle recenti indagini della Soprintendenza Archeologica. Nel testo, frutto di lunghi anni di ricerca, si presentano i risultati delle campagne di ricognizioni di superficie e della ricerca archivistica e storica-fotografica condotta dal Gruppo archeologico Paolo Orsi. Il ricco corredo fotografico si propone di restituire alla memoria di chi legge persone e luoghi di un tempo auspicando un maggiore rispetto del territorio ormai profondamente trasformato ma ancora ricco di risorse.L’elaborazione di tavole tematiche assolve lo scopo di restituire graficamente una parte dell’ampio mosaico dell’antica viabilità soveratese, la mappatura delle risorse idriche e, attraverso un’attenta analisi dei dati raccolti, la localizzazione dei resti dell’antico porto di Soverato. A compendio del volume viene pubblicata la prima ‘Carta Archeologica e dei Beni Culturali di Soverato, quale strumento di conoscenza e tutela nella pianificazione e gestione del territoriale e, infine, i documenti originali provenienti dall’archivio storico della soprintendenza archeologica di Reggio C.

Settembre al Parco 2018. Continua l’appuntamento con il Catanzaro Jazz Fest: ieri i Camera Soul, oggi Daria Biancardi Quartet

DSCN8709CATANZARO – La musica d’autore del Catanzaro Jazz Fest, il teatro classico con la compagnia di teatro Eschilo. E ancora: una grande festa al Parco curata dalla cooperativa sociale “Arcobaleno dei sogni”, senza dimenticare le Visioni urbane a cura della DICO e l’ultima cartolina del cabarettista Enzo Colacino. Sono questi alcuni degli appuntamenti che hanno animato la decima giornata di “Settembre al Parco 2018”, la kermesse storicizzata organizzata dalla Provincia di Catanzaro, guidata dal presidente Enzo Bruno - che si avvale sostegno economico della Regione con i fondi destinati ad interventi per la valorizzazione del sistema dei beni culturali e per la qualificazione e
il rafforzamento dell’attuale offerta culturale annualità 2018 – e che continua fino a venerdì 21 settembre. Le cartoline del grande Enzo Colacino, accompagnato dal fisarmonicista Raffaele Provenzano, hanno allietato la spianata del Parco con racconti e battute dedicate a usanze, vizi e virtù dei catanzaresi. Colacino ha rivisitato, strappando applausi e risate, alcuni dei più peculiari caratteri del cittadino catanzarese con un excursus sulle differenze tra come eravamo e come siamo oggi, a partire dai giochi di una volta, per arrivare alle ricorrenze e a come queste si siano evolute a contatto con il progresso e la tecnologia.
L’anfiteatro del Parco ha ospitato l’Agamennone della compagnia teatro Eschilo, con la regia, le scene e i costumi di Nino Galea (aiuto Regia, Maria Dardano). Nell’Agamennone, dramma dell’angoscia e dell’oppressione, ha luogo l’assassinio del re di Argo ad opera della moglie Clitennestra, istigata dall’amante Egisto. Qui la regina giustifica il suo gesto con la moglie della figlia Ifinegia, che era stata precedentemente uccisa per mano di Agamennone come vittima sacrificale perché la flotta greca, bloccata in Autide dai venti contrari, e dal volere degli dei, potesse giungere a Troia. In scena nella traduzione di Pierpaolo Pasolini per l’Orestea di Eschilo: Scolta, Maria Dardano; Capo Coro Alessio Servino; Agamennone, Salvatore cannistrà; Clitemnestra, Flavia Rugiero; Cassandra Valentina Falbo; Egisto, Luciano Leuzzi, Coro degli Argivi: Patrizio Mirante, Marcello Godino, Antonella Talarico, Patrizia Rizzi, TeresaPignieri;
Serve di Corte: Maria Dardano, Filomena Dardano. La prima serata del Catanzaro Jazz Fest si apre con i Camera Soul Octet (Maria Enrica Lotesoriere voce - Pippo Lombardo tastiere - Alex Milella chitarra elettrica - Beppe Sequestro basso elettrico Fabio Delle Foglie batteria - Liviana Ferri percussioni - Gianni Binetti sax alto - Bruno Tassone sax tenore). Si tratta di un progetto originale tra il jazz, il soul ed il funk che già col primo album Words don´t speak si propone all´attenzione internazionale, tanto da essere recensito su importanti riviste americane e in UK. Il secondo album Not for ordinary people é un piccolo miracolo e realizza una permanenza di 3 mesi nella prestigiosa UK Soul Chart dove raggiunge un incredibile secondo posto alle spalle solo dei mitici Earth Wind & Fire. La definitiva consacrazione si realizza col terzo album Dress Code del 2015 che raggiunge il primo posto nella UK Soul Chart per ben tre settimane di fila, cosa mai realizzata da una band italiana. Il brano dal titolo Now, tratto dall'ultimo album, Connections, è stato inserito nella prestigiosa compilation londinese Luxury Soul 2017. Il festival prodotto dalla cooperativa Atlantide, diretto da Francesco Panaro, dedicato alla musica afro-americana, il jazz, il blues, il soul e il funky, le produzioni originali e, grazie alla lungimiranza dell’Amministrazione Provinciale, propone quest’anno, la diciottesima edizione della storica rassegna calabrese, che fin dal 1997 e nelle passate diciassette edizioni, ha ospitato grandi artisti italiani, europei e internazionali, raggiungendo importanti risultati di fidelizzazione del pubblico, riconoscibilità del brand, innovazione nella comunicazione culturale, con buoni riscontri anche sulla stampa nazionale. Continua anche oggi e domani: oggi alle ore 21,30 tocca al Daria Biancardi Quartet, mentre domani al Museo Marca, Contaminazioni (Alessandro Guido, chitarra ed elettronica – Rocco Riccelli, tromba ed elettronica). Anche oggi, al Musmi dalle 18 “Dal Jazz al Rap: storia ed evoluzione della musica afroamericana” a cura di Andrea Tommaso Mellace.

Il presidente della Provincia di Catanzaro, all’inaugurazione dell’anno scolastico al liceo scientifico “Galileo Galilei” di Lamezia Terme

inaugurazione anno scolastico 1CATANZARO – “Apriamo l’anno scolastico tra tante difficoltà ma nella consapevolezza che il sistema funziona. cI siamo impegnati al massimo per garantire ai nostri studenti servizi di eccellenza e soprattutto condizioni di sicurezza in cui svolgere le attività quotidiane. Gli istituti di competenza della nostra Provincia sono sicuri”. E’ quanto ha affermato il presidente dell’Amministrazione provinciale di Catanzaro, Enzo Bruno, intervenendo questa mattina alla cerimonia di benvenuto per il nuovo anno scolastico si è tenuta al liceo scientifico “Galileo Galilei” di Lamezia Terme alla presenza del commissario prefettizio Francesco Alecci, del vescovo Emerito Vincenzo Rimedio, del procuratore Marisa Manzini, del vice commissario di Polizia Maria Gaetana Ventriglia, del comandante del gruppo carabinieri di Lamezia Massimo Ribaudo e del presidente dell’Ordine degli Avvocati Antonello Bevilacqua insieme alla dirigente scolastica dell’istituto Teresa Goffredo. “Nonostante le tante difficoltà amministrative e finanziarie, in quattro anni sull’edilizia scolastica nella città di Lamezia Terme abbiamo investito tante risorse – ha affermato il presidente Bruno – e non solo in termini di sicurezza e di ampliamento degli istituti: anche in materia di dimensionamento scolastico, siamo riusciti ad ampliare l’offerta formativa. Devo ringraziare anche la Giunta regionale, guidata dal presidente Mario Oliverio, che in questi anni ha messo in campo milioni di risorse sia per quanto riguarda la sicurezza sismica sia per la sicurezza strutturale. A tutti gli studenti che oggi si ritrovano tra i banchi per la prima volta, a tutti i bambini e i ragazzi, alle loro famiglie, ai dirigenti scolastici, agli insegnanti, al personale Ata e a coloro che, con ruoli e responsabilità diverse, operano nel campo della formazione il mio sincero augurio di un anno scolastico sereno e proficuo, ricco di esperienze positive capaci di contribuire alla crescita sociale e culturale di tutti, nella consapevolezza – conclude il presidente Bruno – che la rete istituzionale lavora per garantire la risoluzione di eventuali criticità e problematiche nell’interesse prioritario degli studenti e delle loro famiglie”.

Applausi e consensi a Milano per il lavoro della Ra.gi.

ELENA SODANO GABRIELLA SALVINI PORROCatanzaro, - “Dalla famiglia alla comunità: l’innovazione al servizio della persona con demenza”, è il titolo dell’iniziativa di spessore internazionale organizzata dalla Federazione Alzheimer Italia e svolta a Milano il 14 settembre, nella splendida cornice di Palazzo Marino, in occasione della venticinquesima giornata mondiale e del settimo mese mondiale dell'Alzheimer, che ha visto protagonista anche l’esperienza dell’associazione Ra.Gi. Onlus.
Al centro del dibattito la prospettiva di cambiare la modalità di assistenza dei malati di demenze, affinché essa non sia più esclusivamente a carico della sola famiglia, ma della comunità tutta. Un traguardo che si può raggiungere rendendo gli ambienti sempre più a misura di demenze e le persone sempre più informate e sensibili alle esigenze di chi soffre di queste malattie.
Protagoniste di questa importante iniziativa tutte le Dementia Friendly Community, tra le quali non poteva mancare il borgo di Cicala, il primo in Calabria ad essere “amico delle demenze”. A raccontare l’esperienza della Ra.Gi. Onlus, il suo presidente Elena Sodano, che ha parlato della meravigliosa storia di un borgo calabrese di 900 anime, ai piedi della Sila che si è trasformato in una nuova opportunità di vita per chi soffre di demenze, grazie al progetto Dementia Friendly Community realizzato in Calabria con la collaborazione del Comune di Cicala, guidato da Alessandro Falvo e della Federazione Alzheimer Italia. La dottoressa Sodano si è soffermata anche sul lavoro svolto in dieci anni dalla Ra.Gi. Onlus sul territorio calabrese. Un intenso percorso che, attraverso studi e ricerche sul campo ha condotto all’ideazione del metodo Teci, da parte della stessa Elena Sodano, unico in Italia, per la cura ed il contenimento naturale delle demenze, applicato nei due Centro Diurni: lo Spazio Al.Pa.De. di Catanzaro e l’ “Antonio Doria” di Cicala, gestiti dall’associazione, rivoluzionando il modo di prendersi cura delle persone affette da questa malattia, in un contesto nel quale l’imprinting era solo di natura farmacologica. Tra il folto pubblico di spessore nazionale ed internazionale, era presente in sala, anche Kate Swaffer, presidente della Dementia Alleance International e malata di Alzheimer, che si è complimentata pubblicamente per la filosofia, attenta alla natura umana e alle sensazioni, condotta dalla Ra.Gi. Onlus all'interno dei suoi due centri diurni.
I prossimi appuntamenti di carattere regionale e nazionale che vedranno protagonista l’esperienza della Ra.Gi. Onlus sono: quello del 21 settembre, a Paola (CS) e poi ci sono le date di Savona, il 6 ottobre e di Udine il 16 e 17 novembre. Tutte occasioni in cui il metodo Teci sarà al centro di dibattiti sulla prospettiva di migliorare l’assistenza delle persone con demenza e delle loro famiglie con metodologie nuove e più efficaci. Una rivoluzione che parte dalla Calabria e si dimostra vincente a carattere nazionale e internazionale.
Intanto nella città di Catanzaro fervono i preparativi della grande maratona dedicata alle demenze: gli Happy Dementia Days, che si svolgeranno dal 24 al 26 settembre a Catanzaro, nei locali del Centro Polivalente di via Fontana Vecchia, per poi concludersi a Cicala.
La manifestazione, organizzata con la collaborazione del Centro Calabrese di Solidarietà, guidato da Isa Mantelli, oltre a coincidere con il decimo compleanno della Ra.Gi.Onlus, è nata per dare supporto ed ascolto a tutte le persone che ogni giorno affrontano un cammino troppo difficile da percorrere da soli. Esattamente come in una grande festa di famiglia, i quattro giorni saranno caratterizzati da felicità e leggerezza, momenti indimenticabili che avranno lo scopo di rafforzare i legami personali e dare la forza per affrontare ogni difficile situazione.
Medici, artisti ed esperti prenderanno parte agli Happy Dementia Days, dando vita ad un programma ricco di appuntamenti. Sarà dato spazio alle testimonianze delle famiglie degli ospiti dello Spazio Al.Pa.De. di Catanzaro e del Centro Diurno “A. Doria” di Cicala. Ci sarà infine la possibilità di conoscere da vicino il metodo Teci, con dei laboratori aperti al pubblico e dedicati ai malati di demenze e ai familiari; ci sarà uno spazio di ascolto con degli esperti pronti a donare il proprio supporto.

Il Catanzaro vince e convince, battuto di misura il Potenza

CATANZARO-POTENZA 1-0
CATANZARO: Golubovic; Celiento, Riggio, Pambianchi; Statella, Maita, Iuliano (78’ De Risio), Nicoletti; Giannone (60’ Kanoute), Ciccone (75’ Repossi), Fischnaller (60’ D'ursi). In panchina Elezaj,Infantino, Favalli, Signorini, Eklu, Mittica, Figliomeni, Posocco. All. Auteri
POTENZA : Ioime; Coccia, Emerson, Di Somma; Guaita (63’ Franca), Piccinni, Dettor (90’ Coppola), Sales (80’ Pepe), Giron (80’ Panico); Genchi, Strambelli. In panchina Breza, Matino, Caiazza. Matera, Mazzoleni, Fanelli, Laveque, Coppola Allenatore: Ragno
ARBITRO: Carella di Bari (Assistenti: Mittica e Gregorace di Bari)
NOTE: Pomerggio nuvoloso. Spettatori 5231 (3848 paganti di cui 361 ospiti) Ammoniti Emerson, Pambianchi, Genchi e Di Somma. Recupero 2' pt, 5' st

rigore cz potenza 1 0CATANZARO – Classico “buona la prima” per il Catanzaro 2018/19 grazie al primo successo in campionato ottenuto nel pomeriggio, davanti al proprio pubblico (oggi in grande spolvero il tifo della Curva “Capraro”), ai danni del Potenza. Il popolo giallorosso, in visibilio per l’ottima prestazione offerta dalla squadra di mister Gaetano Auteri, ha così festeggiato come merita dopo il triplice fischio di una gara molto equilibrata tra due ottime compagini; molto concreto il Catanzaro, passato in vantaggio su rigore in avvio di gara e bravissimo a gestire il risultato per il resto della gara. Mai domo invece l’undici lucano, compatto e “fisico” e spesso offensivo per cercare il pareggio, soprattutto nel secondo tempo; tuttavia non si è reso particolarmente pericoloso perché l’ottima retroguardia di casa ha saputo respingere molto bene i vari attacchi. Così ecco tre punti per le ‘Aquile’, i primi tre dopo un solo incontro; ovviamente ciò fa ben sperare tutto l’ambiente in vista di questo campionato che si preannuncia comunque difficile. Ma come si dice, chi ben comincia è a metà dell’opera, e arrivare al derby di Rende forti del primo cin-cin di certo rappresenta un ottimo biglietto da visita. Ricordati Vinicio Caliò e Carlo La Forza, tifosi giallorossi scomparsi (il primo durante la tragedia del Camping “Le Giare” nel 2000, il secondo indimenticato per aver sottoscritto l’abbonamento qualche stagione fa pur essendo in fin di vita), mentre applausi scroscianti per l’ospite d’onore Orlando Fratto, il “Guerriero” soveratese e grande sostenitore del Catanzaro, presente quest’oggi allo stadio.
curva cz potenzaLA PARTITA – Solito 3-4-3 per Auteri che lancia dal 1’ l’ala sinistra Fischnaller al fianco della punta Ciccone e dell’esterno destro Giannone; Nicoletti-Statella coppia di fascia con Maita e Iuliano a centrocampo, trio difensivo con Pambianchi, Riggio e Celiento davanti allo sloveno Golubovic. Potenza invece schierato dal tecnico Ragno con il 3-5-2, in campo gli esperti Genchi e Strambelli (coppia d’attacco), il difensore centrale Di Somma ed il trequartista Giron. Entusiasmo alle stelle per i cinquemila del “Nicola Ceravolo”, gran tifo da parte dei calorosissimi supporters giallorossi, ma molto rumorosi anche i circa trecento potentini assiepati nella Est. Parte bene la squadra di casa che si guadagna un rigore dopo appena 7’, il penalty che poi deciderà il match; Nicoletti viene falciato nettamente all’altezza del vertice destro dell’area e Ciccone spiazza dal dischetto Ioime. Non accade null’altro fino al riposo, ottimo il gioco di prima dei calabresi, molto mobili soprattutto grazie alla velocità di Giannone, mentre gli ospiti si fanno vivi solo allo scadere con un fendente di Di Somma bloccato a terra dall’attento Golubovic. Nel secondo tempo i rossoblu cercano di impensierire il portiere giallorosso soprattutto con i calci da fermo, sono infatti molto frequenti le uscite volanti del numero 1 che si salva al 70’ quando un colpo di testa di Franca, da pochi passi, finisce fuori per una questione di centimetri. Il Catanzaro da parte sua amministra il vantaggio, offre qualche scorribanda e sfiora il raddoppio al 90’ con un tiro a giro del neo entrato De Risio ben messo in corner da Ioime. Finisce tra gli applausi dei tifosi per un Catanzaro che vince e convince...

Francesco Gioffrè

Volley Soverato, primo test stagionale a Lamezia

Volley Soverato logoA conclusione della terza settimana di preparazione, il Volley Soverato ha svolto sabato pomeriggio il primo allenamento congiunto in vista del campionato che avrà inizio il prossimo 7 ottobre. La squadra guidata da coach Bruno Napolitano, in quel di Lamezia Terme, ha svolto un proficuo allenamento con la Ferraro Lamezia di coach Giangrossi che sarà ai nastri di partenza del prossimo campionato di serie B1, dopo il ripescaggio avvenuto quest’estate. Per la cronaca, sono stati disputati quattro set, vinti due per parte con le biancorosse del presidente Matozzo alla loro prima assoluta uscita stagionale; per Boldini e compagne si è trattato del primo test di squadra da quando è iniziata la preparazione. Le ragazze, ovviamente, ancora cariche di lavoro, hanno comunque fatto intravedere cose interessanti, cercando di mettere in pratica e oleare gli schemi preparati in allenamento; presente anche la schiacciatrice Alice Tanase che ha raggiunto Soverato venerdì mattina fresca di vittoria con la nazionale italiana all’europeo under 19 dove l’atleta biancorossa è stata tra le protagoniste. Quello contro Lamezia, è stato un utile test che è servito a coach Napolitano per constatare lo stato di forma delle ragazze e per acquisire il ritmo partita. Guidi e compagne adesso si ritroveranno lunedì pomeriggio al “Pala Scoppa” per la ripresa degli allenamenti e a metà settimana, 19-20 settembre, il Soverato disputerà altri allenamenti congiunti in quel di Camigliatello dove parteciperà al torneo “Chapeau 3.0”, un quadrangolare che vede la partecipazione, oltre alle “cavallucce marine”, di P2P Baronissi, A2 femminile, della Ferraro Lamezia e della compagine di serie B1 Expert Ekuba Palmi. Sarà questa, un’altra importante occasione per allenarsi al ritmo partita e mettere a punto sul campo quanto fatto durante le sedute di lavoro delle settimane precedenti.

Squillace, dopo il commissariamento del Comune i gruppi di minoranza incontrano i cittadini

Squillace minoranza incontro 2SQUILLACE - Franco Scicchitano e Aldo Zofrea, del gruppo “Riviviamo Squillace” (oltre a Vittorio Froio, impossibilitato a presenziare), Ruggero Mauro (“Aria nuova”) e Enzo Lioi e Domenico Passafaro, indipendenti, hanno voluto incontrare i cittadini, dopo il commissariamento del Comune di Squillace in seguito alla mancata approvazione dell’assestamento del bilancio 2018 da parte del consiglio comunale. Una riunione, tenutasi sabato sera nella “Casa della cultura”, per illustrare quanto è stato fatto da parte della minoranza e quanto non è stato concesso fare. Perché Scicchitano ha subito chiarito di avere trovato, nei quattro anni della consiliatura anzitempo conclusa, un vero e proprio muro di gomma innalzato dalla maggioranza guidata da Pasquale Muccari, che non ha consentito di valutare le tante proposte avanzate. «Noi, infatti – ha affermato l’ex capogruppo di “Riviviamo Squillace” – siamo stati minoranza, non opposizione. Abbiamo partecipato a tutte le 44 sedute di consiglio, sempre preparati e sempre propositivi. Convocazioni fatte in date non concordate con noi, vabbè; abbiamo detto “sì” in molti casi che ritenevamo giusti e molti “no” specie sui bilanci, perché Muccari non ha mai voluto fare il cosiddetto “bilancio partecipato”». Sul dissesto finanziario Scicchitano ha detto che è stato dichiarato subito dall’amministrazione Muccari, senza sapere a cosa si andava incontro. «Per il futuro – ha concluso – agli amici ho detto che l’esperienza della nostra compagine è da ritenere chiusa, anche se stiamo lavorando ad un progetto rivolto soprattutto a giovani volenterosi che volessero cimentarsi con l’amministrazione dell’ente. Dico solo che la situazione finanziaria del nostro comune è drammatica, c’è un non riscosso di 2 milioni di euro di tributi e anche su questo occorrerà lavorare». Passafaro, nel suo intervento, anticipando di non volersi più ricandidare come lo stesso Scicchitano, ha ricordato di essere stato eletto nella lista di maggioranza, di essere stato nominato assessore e responsabile dell’ufficio tecnico. «Ho rilevato – ha detto – diverse criticità, ho lavorato molto sulla differenziata, depurazione, cimitero e tanto altro. Ho cercato di fare il mio dovere, ma venivo criticato dalla stessa maggioranza, che mi definiva “giustizialista”. Così è venuto meno il rapporto di fiducia con la giunta Muccari e sono passato all’opposizione. Comunque, consiglio a tutti di fare l’esperienza di consigliere comunale». Eletto con Muccari è stato anche Enzo Lioi, poi transitato negli scranni della minoranza, «perché dopo l’insediamento e la nomina del presidente del consiglio e degli assessori, sono stato messo da parte, nonostante la mia performance elettorale. Ho subito contestato al sindaco che il centro storico non era adeguatamente rappresentato tra le cariche che contano; ed ho contestato il fatto che si è voluto dichiarare il dissesto. Ho poi capito che tale atteggiamento era dovuto all’incapacità amministrativa della giunta Muccari, che ha preferito far gestire le pratiche ad un commissario liquidatore. Non ha saputo, infatti, attrarre alcun finanziamento ed anzi ha pure perso quelli che aveva lasciato in eredità la giunta precedente». Infine, Ruggero Mauro ha chiarito che «Squillace ha bisogno di svegliarsi dal torpore e capire che chi ci ha amministrato finora non è adeguato». «Sono stato accusato – ha poi aggiunto – di interessi personali, quando la storia dice l’esatto contrario; e sono stato vittima di un atto di pura vigliaccheria, quando qualcuno ha strumentalizzato la mia morosità (incolpevole)per rendermi incompatibile come consigliere o per farmi votare a favore del bilancio ed evitare il commissariamento. Ma la fine di Muccari è avvenuta perché egli non ha fatto nulla del suo programma, ha perso due consiglieri e ha revocato la delega di assessore ad una terza consigliera, bruciandosi da solo». Poi l’appello finale di Mauro: «guardiamo a Cassiodoro e leggiamo le sue opere per far rinascere la nostra comunità, secondo i suoi saggi insegnamenti».

Carmela Commodaro

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa