all
Menu

Biagio Antonacci in concerto il prossimo 16 gennaio al "PalaCalafiore" di Reggio Calabria

BIAGIO 600X600Arriverà anche in Calabria il nuovo tour di Biagio Antonacci, che, dopo il debutto a dicembre a Firenze, partirà per una serie di imperdibili live in giro per tutta Italia. Per i fan calabresi di Biagio l’appuntamento sarà il prossimo 16 gennaio al PalaCalafiore di Reggio Calabria dove Antonacci arriverà fresco dell’uscita del suo nuovo album di inediti a più di tre anni di distanza dal successo del multiplatino “L’amore comporta”.

Si consolida così la collaborazione tra l’Amministrazione comunale di Reggio Calabria e la Esse Emme Musica di Maurizio Senese che organizza, dopo i grandi successi a cavallo tra 2016 e 2017 – su tutti l’eccezionale doppia data di Ligabue -, un altro imperdibile evento in riva allo Stretto. Si tratta di un’occasione unica nella regione, vero e proprio regalo da parte del promoter catanzarese alla Città metropolitana, anche a dimostrazione della riconoscenza nei confronti del suo pubblico che non si è mai fatto attendere, al PalaCalafiore.

Lui, Biagio Antonacci, arriverà a Reggio Calabria dopo il taglio del nastro del 15 dicembre al Nelson Mandela Forum di Firenze, dopo l’uscita, prevista per il 10 novembre del nuovo album (Iris/Sony music Italia).
I biglietti per il tour, prodotto da F&P Group in collaborazione con Iris srl, sono già disponibili nelle prevendite ufficiali e online del circuito TicketOne e Ticket Service Calabria.

Festa della Liberazione, iniziative dell'Anpi provinciale di Catanzaro e della sezione di Soverato

Locandina 21 aprile 2017 ITERiceviamo e pubblichiamo:

Tutto pronto per le celebrazioni del 25 Aprile, Festa della Liberazione dell’Italia dalla dittatura nazifascista. Un fitto programma di iniziative con al centro la consueta manifestazione provinciale sul lungomare di Catanzaro Lido.“ Attuare la Costituzione per cambiare l’Italia” sarà questo il tema caratterizzante scelto quest’anno dall’ANPI. Non è solo un richiamo simbolico ai valori della Carta Costituzionale, ma la convinzione che solo ripartendo dalla lungimiranza e dal grande lavoro fatto dai Padri Costituenti il nostro paese potrà risollevarsi dalla grave crisi economica e sociale in cui versa. Siamo nel 2017 nel 70° anniversario della approvazione della Costituzione. Ne vogliamo discutere e soprattutto farla conoscere meglio alle nuove generazioni. Per l’occasione del 25 Aprile - tra le tante iniziative - sarà allestita anche una mostra con gli articoli fondamentali spiegati in maniera semplice e tradotti in 12 lingue. Daremo la possibilità a chi si trova da noi perché scappato dalle guerre e dalla povertà, o per altri motivi, di conoscere e farsi un’idea almeno sulla prima parte della Costituzione. Dal mondo intero non arrivano segnali rassicuranti a nessun livello. Tra guerre e crisi economica; migranti e povertà dilaganti; razzismo e fascismi di varia natura il quadro risulta drammatico. Non bisogna farsi prendere dalla rassegnazione. Stare in piazza il 25 Aprile e celebrare degnamente questa giornata è il modo migliore per mandare un segnale alla politica chiedendo un decisivo cambio di rotta. Insieme a tante Associazioni, con la UISP e la CGIL in particolare daremo vita il 25 ad una manifestazione tra l’impegno, lo sport e la musica. Invitiamo forze politiche e sociali, cittadine e cittadini, e tutti coloro che si ritrovano nei valori antifascisti,a partecipare la mattina del 25 dalle 9 alle 13 alla manifestazione sul lungomare di Catanzaro Lido. Deve essere una festa della Resistenza e della Costituzione. Per questo chiediamo a tutti di ritrovarsi sotto le bandiere dell’ANPI e delle altre Associazioni evitando simboli di partito che a ridosso della campagna elettorale per elezioni amministrative potrebbero ingenerare qualche inutile polemica. A Soverato dalle ore 9,00 alle 13,00 Lungomare Europa e Chiaravalle Centrale Piazzetta Bellavista dalle ore 16,30 alle 20,00, saremo presenti con mostra fotografica, “Dalla Resistenza alla Costituzione”, canti e musica della resistenza.

Comitato Provinciale ANPI Catanzaro
Sezione ANPI di Soverato

Locandina 25 aprile 2017 anpi soverato

Locandina 22 aprile 2017 U.Foscolo

Volley Soverato vittorioso con Millenium Brescia in gara 1 dei quarti di finale dei play off

Soverato Brescia 3 1Vince gara 1 dei quarti di finale dei playoff promozione il Volley Soverato che al “Pala Scoppa” supera Millenium Brescia per tre set a uno, in una partita dura ma che le ragazze del presidente Matozzo hanno vinto meritatamente con grinta, cuore e determinazione. Eppure, le cose non si stavano mettendo bene per Travaglini e compagne che dopo aver vinto bene il primo set hanno subito prima il pareggio di Brescia e poi nel terzo parziale si trovavano sotto 13-20 e con una grande reazione hanno rimontato il set e vinto. Poi brave Lymareva e compagne nel finale del quarto gioco a respingere i tentativi di rimonta delle ospiti. Un successo prezioso che porta in vantaggio il Soverato nella serie, in vista di gara 2 in programma venerdì in Lombardia. Splendido come sempre il pubblico caloroso del “Pala Scoppa”.

Passiamo al match. Soverato che schiera Demichelis in regia e Manfredini opposto, al centro Travaglini e Bertone, in banda Karakasheva e Zanotto con Bisconti libero. Risponde coach Mazzola per Brescia con Prandi al palleggio e Baldi opposto, al centro Lapi e Martinelli, schiacciatrici Viganò e Saccomani mentre il libero è Portalupi. Inizia il match con le ospiti che tentano il primo allungo sul 2-4 ma Soverato pareggia subito il conto 4-4 e poco dopo con Brescia avanti 5-7 mini break delle locali che si portano avanti 10-7, mentre coach Mazzola chiama il primo time out dell’ incontro sul 12-9 per Soverato. Al rientro in campo le calabresi si portano sul più cinque, 15-10. Continua la squadra di coach Saja e martellare nella metà campo avversaria e così le padrone di casa conducono 20-14 costringendo coach Mazzola al secondo time out ma poco cambia perchè il Soverato si aggiudica il primo set con il punteggio di 25/16 con punto del capitano Travaglini.

Millenium Brescia che inizia il secondo parziale come il primo e con Baldi e due volte Saccomani si porta sul 2-6 costringendo al primo time out dell’incontro le ioniche; al rientro le padrone di casa recuperano portandosi ad una sola lunghezza con time out per Brescia, avanti adesso 7-8. Squadre in campo e Viganò e compagne riallungano nuovamente, 9-14 con il pubblico che sostiene a gran voce la squadra di casa. Time out Soverato. Il Soverato ha qualche difficoltà e coach Saja fa rifiatare Manfredini mandando in campo Lymareva sul 10-16 ma Brescia riesce a mantenere ed aumentare il vantaggio, 13-21, prima di un mini break del Soverato che si porta 16-21 con time out per coach Mazzola. Al rientro in campo, le lombarde si portano 16-23 con Soverato che con grande reazione arriva a meno due lunghezze, 21-23 con cambio nelle ospiti che mandano in campo Garavaglia per Viganò. E’ proprio l’ultima entrata a regalare tre palle set a Brescia, 21-24. Travaglini annulla il primo con un pallonetto al centro ma le ospiti chiudono 22/25.

Nuovamente dentro Manfredini nel Soverato da inizio terzo set. Sono ancora le ragazze di coach Mazzola a partire meglio in questo inizio di parziale, e si portano sul 3-7 con coach Saja costretto al tempo discrezionale. Non mollano le locali che si rifanno sotto, 7-9 ma Brescia torna a più cinque, 7-12 e 10-17 con time out calabrese. Di nuovo fuori Manfredini e dentro Lymareva. Tenta la rimonta la compagine biancorossa e sul 13-19 è time out Millenium. Ci credono Bertone e compagne che adesso sono a tre punti di distanza, 17-20, con altro time out per le ospiti. Punto di Zanotto e sul 18-20 doppio cambio Brescia, con Garavaglia e Dall’Ara al posto di Baldi e Prandi. Doppio errore Millenium e parità 20-20 in un “Pala Scoppa” adesso bollente. Zanotto e Lymareva e Soverato a più due, 22-20 ma Millenium riagguanta la parità 22-22. Errore di Prandi al servizio e vantaggio locale prima della doppia palla set Soverato 24-22; Brescia annulla la prima ma Karakasheva mette giù il 25/23.

Coach Saja tiene fuori Manfredini nel quarto set e conferma Lymareva. Avanti due set a uno, la squadra del presidente Matozzo parte meglio rispetto alle ospiti e si porta avanti 5-2 ma Saccomani e compagne non mollano e si riportano a meno uno, 5-4. Sul punteggio di 10-7 time out per Mazzola. Soverato adesso spinge forte e sul 13-8 ancora cambio con Viganò fuori e Garavaglia dentro nelle lombarde adesso in difficoltà. Muro di Travaglini e altro time out per Mazzola sul 14-8. Brescia piazza due punti consecutivi e Soverato adesso è più quattro, 15-11. Brescia è ormai vicino e coach Saja chiede time out con la sua squadra avanti di due punti, 17-15. Adesso la squadra di casa commette qualche errore dando la possibilità alle ospiti di credere nella rimonta, 17-16. Punto di Zanotto e Soverato a più tre, 20-17 ma Prandi e compagne tallonano le locali, 21-20. Fasi decisive del set adesso. Punto di Zanotto e attacco errato di Brescia portano Soverato a due punti dal match, 23-20. Intanto dentro Manfredini per Lymareva. E’ proprio bomber Manfredini a regalare quattro match point, 24-20. Baldi annulla il primo e sfuma anche la seconda opportunità, 24-22. Chiude Soverato 25/22 con attacco errato ospite. Esplode il “Pala Scoppa” per una vittoria meritata e preziosa in vista di gara 2 in programma venerdì in terra lombarda.

Saverio Maiolo
Ufficio Stampa Volley Soverato

VOLLEY SOVERATO 3
MILLENIUM BRESCIA 1

PARZIALI SET: 25/16; 22/25; 25/23; 25/22

VOLLEY SOVERATO: Vujko ne, Lymareva 9, Travaglini 13, Caforio (L) ne, Caravello ne, Bertone 11, Demichelis 3, Zanotto 17, Manfredini 12, Gennari ne, Karakasheva 10, Bisconti (L). Coach: Stefano Saja.

MILLENIUM BRESCIA: Dall’Acqua ne, Baldi 17, Garavaglia 4, Viganò 7, Portalupi (L), Biava ne, Martinelli 8, Saccomani 16, Prandi 3, Zampedri, Mazzoleni ne, Dall’Ara, Lapi 9. Coach: Enrico Mazzola.

ARBITRI: Autuori Enrico – Stancati Walter.

DURATA SET: 22’, 27’, 27’, 26’. Tot 1h42’.

MURI: Soverato 12, Brescia 9.

Il 21 aprile nuovo appuntamento all'Università della Terza Età con "Il Piccolo Principe"

Il piccolo Principe Università Terza Età locandinaSOVERATO - Prosegue la rassegna degli "Incontri culturali del venerdì" della Libera Università Popolare della Terza Età e del Tempo Libero "Magno Aurelio Cassiodoro" di Soverato. Venerdì 21 aprile alle ore 18 nella sala conferenze dell'I.T.E. "A. Calabretta" di Soverato la prof.ssa Annie Jirikovsky presenterà il libro "Il Piccolo Principe" di Antoine De Saint-Exupéry (traduzione e cura di Emanuele Trevi). 

Il 20 maggio tornano gli ECM di Villa Elisa Soverato

ecm villa elisa soverato manifestoContinua il lavoro di divulgazione scientifica di Villa Elisa Soverato che presenta il nuovo aggiornamento professionale in programma per il prossimo 20 maggio a partire dalle ore 9.00 nella sala congressi del Mirabeau Park Hotel di Gasperina. Si intitola “ECM aggiornamenti in Ortopedia, Cardiologia, Pneumologia e Neurologia” l’appuntamento che vedrà seduti al tavolo dei relatori il Dott. Tommaso Barberio, la Dott.ssa Caterina Di Masi, il dott. Bruno Froio, il dott. Salvatore Froio, il Dott. Gabriele Galli, la Dott.ssa Silvia Giordani, il Dott. Alberto Nicolucci e il Dott. Nicola Salatino.
Un programma articolato quello rivolto chirurghi, infermieri e farmacisti che sarà realizzato in collaborazione con la Service Menagement srl di Monica Minervini. L’iscrizione al corso è gratuita.

“Ti leggo di me”, recital di 32 poeti: iniziativa dell’Anvos e dell’Accademia dei Bronzi

Tutti i partecipanti“Ti leggo di me” è il nuovo appuntamento con la poesia, proposto dell’ANVoS (Associazione Nazionale di Volontariato Sociale) e dell’Accademia dei Bronzi, che si terrà il prossimo 24 aprile a Tiriolo, a partire dalle ore 15,30, ed al quale hanno aderito 32 poeti di tutta Italia.

“Sarà un appuntamento - dice Vincenzo Ursini, presidente dell’Accademia dei Bronzi - all’insegna dell’amicizia e della condivisione di una passione comune: la poesia. Passione che ha portato negli anni tantissimi autori ad affrontare lunghe distanze, pur di far parte della grande famiglia dell’Accademia dei Bronzi, dell’Anvos e dell’associazione culturale “Teura” presieduta da Antonio Montuoro. Siamo in presenza, insomma, di un nuovo modo di fare poesia, che non è ostile competizione ma amorevole proposta di tematiche universali. Poesia come riscatto e, soprattutto, come occasione di incontro”.

A “Ti leggo di me” parteciperanno: Roberto Argentero di Envie (che proporrà “Solo”), Graziella Benatti di Spilamberto (T’incontrai sulla soglia), Vittorio Bevacqua di Tiriolo (Ho vissuto), Giuseppe Brunasso di Santa Maria Capua Vetere (Tra le ortiche e le viole), Sergio Camellini di Modena (Assurda solitudine), Francesco Saverio Capria di Catanzaro (Bolla di sapone). Angelo Chiappetta di Rende (La via degli angeli), Annalena Cimino di Anacapri (La collina dei ciliegi). Antonio D’Alessandro di Paduli (Perché no?), Francesco D’Amico di Lamezia Terme (Il fante del sentiero innevato), Daria Orma di Catanzaro (Specchio), Donato Leo di Rocca di Capri Leone (Pelle d’oca), Concetta Famà di Messina (Libertà), Iolanda Erminia Ferrara di Cologno Monzese (Un cielo dipinto di rosa). Nuccia Fratto Parrello di Catanzaro (La gioia di dare), Pietro Fusco di Roma (Lo scorrere del tempo), Giuseppe Galati di Acquaro (Offese), Teresa Guadagno di Aquara (Identità), Patrizia Ianigro di St. Rhemy en Bosses, Aosta (Le parole), Maurizio Laugelli di Girifalco (Fortuna), Massimiliano Lepera di Catanzaro (La gioventù), Marinella Manca di Milano (Noi, donzelle di ieri), Giuseppe Minniti di Limpidi di Acquaro (Tante storie), Caterina Morabito di Montepaone (Ogni tanto piove), Gianni Palazzesi di Appignano (Come mio padre) Rosita Panetta di Torino (Notte), Rocco Pedatella di Trezzano sul Naviglio (L’inverno), Pasquale Annunziato Pipicelli di Soverato (Gli eroi vivono un istante in più), Massimo Ronco di Gioia del Colle (E tutto si fermò), Caterina Tagliani di Sellia Marina (Ancor mi manchi), Maria Teresa Talarico di Botricello (Donna), Cosetta Taverna di Pazzano (Sarà poesia).

“Poeti conosciuti, per aver vinto decine di concorsi, e meno noti, quindi, - aggiunge Ursini - che contribuiranno ad elevare i toni di questo territorio, così povero di serie iniziative culturali, ed offriranno significativi spunti di riflessione su tematiche universali”.

Il parco giochi

SOVERATO - Un parco giochi non è un’opera pubblica mastodontica, di quelle di cui sarebbero andati fieri i vecchi politicanti del passato che amavano presentare e dare la paternità a opere pubbliche imponenti, magari orrende e talvolta inutili, ma appariscenti, segno tangibile dell’efficienza della politica e dell’amministrazione.

Il parco giochi non è tutto questo, ma è un’opera pubblica che serve alla città, non solo perché è oggettivamente utile, ma anche perché ne eleva il tasso di civiltà. Quando qualche giornalista, opinionista, qualche intellettuale ha suggerito di pensare a opere capace di incidere sulla lunga durata, superando gli eventi usa e getta, non intendeva necessariamente opere o iniziative strabilianti, bensì cose come, appunto, il parco giochi.

Un’ opera capace di fornire un servizio alle famiglie, di offrire uno luogo di incontro e socializzazione, uno spazio - ludico ricreativo di cui la città era priva. È dovere del cronista, dell’opinionista e dell’intellettuale, esercitare il diritto di critica quando politici e amministratori propongono iniziative che non convincono, ma è corretto tributare un plauso a chi amministra quando si riesce a realizzare un’opera utile e capace di arricchire la città e mi piace anche pensare, magari sbagliandomi clamorosamente, che qualche amministratore abbia cominciato a ricredersi sugli eventi usa e getta, tanto scenografici e suggestivi, quanto fatui e spesso insensati, per cominciare a puntare su opere e iniziative capaci di incidere sulla lunga durata.

Antonio Pellegrino

Stalettì, l'emozione della "Cunfrunta"

cunfrunta stalettì 2017STALETTI’ - Bagno di folla per la tradizionale “Cunfrunta, a Stalettì. Tante persone sono accorse dal comprensorio per assistere alla significativa e antica tradizione pasquale. Intanto, durante la celebrazione eucaristica della veglia pasquale, il parroco don Roberto Corapi si è rivolto ai presenti con il monito forte a non avere paura di niente e di nessuno. «Non abbiate paura di dire la verità – ha rilevato - non abbiate paura di amare, di spalancate il cuore a Cristo risorto, lui il vivente è la nostra gioia». Nel giorno di Pasqua, solenne celebrazione eucaristica, durante la quale don Roberto, da sognatore, ha voluto pensare ad una Stalettì che toglie l’io dal proprio cuore e ogni egoismo e divisione, una Stalettì che ama; e poi ha pregato per la pace nel mondo. «Il Risorto - ha detto don Corapi - deve spazzare via i tanti venti di guerra che ci sono nel mondo intero». Dopo la santa messa, tutti in processione verso il “piano di san Gregorio” per la tradizionale “Cunfrunta”, accompagnando la Vergine Addolorata e il discepolo Giovanni, che Gesù amava tanto. E’ stato tutto emozionante: i viaggi di Maria, i sette viaggi di san Giovanni alla ricerca di Gesù Risorto, l’abito di Maria all’incontro col suo figlio che si trasforma nella luce, «perché – ha detto don Roberto - il vivente è la luce vera, e quando lo si incontra tutto si trasforma e la tua vita si illumina e il tuo volto brillerà». Tra lacrime ed emozioni, si è poi svolta la processione per le vie del paese, dove al suono della banda “Città di Borgia”, tra canti e preghiere, alla presenza del primo cittadino Concetta Stanizzi, don Roberto e i suoi giovani hanno scritto un'altra bella pagina di storia nella comunità di Stalettì. Tutti riti e tradizioni che sono patrimonio di un popolo e ricchezza di fede.

Carmela Commodaro

L'arcivescovo mons. Bertolone ha celebrato la Pasqua a Squillace

pasqua vescovo a squillace 2017SQUILLACE - «La bellezza della nostra vita è frutto di impegno e sacrificio, ma anche dell’amore al Signore. E’ questo il messaggio che spero portiate con voi tornando a casa». Con queste parole l’arcivescovo metropolita di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, ha concluso l’omelia durante la celebrazione solenne della messa del giorno di Pasqua, nella basilica cattedrale di Squillace. Con il presule hanno concelebrato il vicario episcopale per la cura delle Confraternite mons. Raffaele Facciolo e i parroci squillacesi mons. Giuseppe Megna e don Fabrizio Fittante, oltre al segretario dell’arcivescovo don Francesco Candia. Tanti i fedeli che hanno preso parte al rito, tra cui il sindaco Pasquale Muccari e altri amministratori locali e autorità civili e militari. Un altro messaggio lanciato da mons. Bertolone è stato quando ha esortato i fedeli con uno «Scuotiamoci!», che ha risuonato nella grande basilica squillacese. «Scuotiamoci – ha affermato – non solo come le donne che vanno al sepolcro di Gesù, ma vorrei che ci sentissimo chiamare ognuno per nome, per avere la gioia di essere credenti, per educarci alla pace, al rispetto, alla fiducia e alla speranza». Secondo Bertolone, «Pasqua è il giorno per eccellenza, in cui nasce un mondo nuovo: i nostri sono giorni di abbandono e di peccato, quello di oggi lo ha fatto il Signore ed è il giorno più bello, della luce». La celebrazione della messa di mezzanotte, sempre nella cattedrale di Squillace, è stata presieduta dall’arcivescovo emerito mons. Antonio Cantisani.

Carmela Commodaro

Catanzaro, vertice Coni-Federazioni: "Piena condivisione"

da sx Matacera Calzona Debilio Conforti Mirarchi Latella e MascaroPiena condivisione degli obiettivi e visione di squadra: è questo lo spirito che ha caratterizzato la riunione tra il Coni provinciale di Catanzaro e le federazioni sportive regionali, presiedute da dirigenti della città capoluogo. Al vertice, che si è tenuto nella sede del Coni Point, hanno preso parte il delegato provinciale Giampaolo Latella e i presidenti Aldo Calzona (Fgi, neoeletto vicepresidente del Coni Calabria), Nino Conforti (Figh), Antonio Debilio (Fipsas), Giancarlo Mascaro e il suo vice Francesco Matacera (Fita) e Saverio Mirarchi (Figc).

Nel corso dell’incontro sono state prese in esame le principali problematiche dello sport locale, con particolare riferimento all’impiantistica.
Sotto questo profilo, il delegato ha informato i presidenti regionali del dialogo avviato con le istituzioni del territorio, anche al fine di individuare le ipotesi di riqualificazione e gestione delle strutture esistenti. Tra gli obiettivi individuati, d’intesa tra presidenti e delegato, vi è l’incremento del numero dei praticanti delle attività sportive, agonistiche e non: è questo uno dei “target” indicati sia dal presidente nazionale Malagò che dal presidente regionale Condipodero. A tal fine, è stata evidenziata la funzione strategica – nel rispetto dei ruoli e dell’autonomia dello sport – del rapporto con il mondo della scuola.

L’incontro tra Latella e i presidenti regionali catanzaresi si è concluso con l’auspicio di realizzare eventi di rilievo interregionale e nazionale sul territorio, alcuni dei quali già in cantiere. L’obiettivo è quello di replicare il grande successo organizzativo e di partecipazione del Torneo delle Regioni, realizzato in provincia di Catanzaro dalla Federazione italiana giuoco calcio lo scorso anno. “Sono soddisfatto dello spirito costruttivo del nostro primo tavolo di lavoro – ha commentato il delegato provinciale – perché questi dirigenti rappresentano un patrimonio inestimabile di passione, esperienza e competenza. Donne e uomini che hanno dedicato la loro vita agli ideali dello sport, che quotidianamente sono al servizio delle società e di migliaia di tesserati, e che costituiscono una rete di relazioni sociali di assoluto valore. Abbiamo gettato le basi di un lavoro di lunga lena, consapevoli del fatto che un viaggio di mille miglia comincia con un piccolo passo. Al vertice con le federazioni è seguito l’incontro con lo staff tecnico provinciale, un organismo – ha concluso Latella – che ha dimostrato con i fatti di saper operare con professionalità, nel solco dell’ottima scuola che si è formata a Catanzaro negli ultimi decenni”.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa