all
Menu

Davoli Academy, derby in vista: a Catanzaro sfida alla Florentiana

davoli accamady calcioa5SOVERATO – Ritrovato il successo nella partita contro lo Xenium, il Davoli Academy Blingink Soverato non ha più nessuna intenzione di lasciare punti per strada per rincorrere quel secondo posto che darebbe più di un vantaggio nei playoff promozione. I biancorossi, per il ventesimo turno del girone B di C2, avranno a che fare con un avversario ostile, la Florentiana Catanzaro, per un derby provinciale che si preannuncia particolarmente ‘battagliero’; i catanzaresi sono infatti reduci dal successo per 4-1 ottenuto sull’Aurora Gallico che gli ha permesso di salire a 19 punti avvicinandosi alla quota salvezza, ragion per cui anche nella gara di domani daranno oltre il 100% per compiere un ulteriore passo verso l’obiettivo stagionale cercando di evitare i playout. Stessa cosa dicasi per il Davoli-Soverato; il quintetto di mister Cosentino è come noto lanciato verso i piani alti, ha riconquistato la terza piazza, ma punta il posto d’onore alle spalle di quel Locri che sembrerebbe irraggiungibile e oramai con un piede e mezzo in Serie C1 considerato il +14 sul Filadelfia. Per di più il ‘faro’ della squadra del presidente Comito e del vice Maiolo, Rodolfo Ranieri, con i suoi 31 goal realizzati è diventato il nuovo capocannoniere del campionato Siamo sicuri, pertanto, che Ranieri e soci faranno il massimo per continuare la striscia di risultati utili così da avvicinarsi ancora di più all'obiettivo. Domani, al Palasport "Sant'Elia" di Pentone di Catanzaro, il fischio d'inizio del signor Danilo Esposito di Rossano è previsto alle ore 17.

Francesco Gioffrè

PROGRAMMA 20.a GIORNATA C2/B: Florentiana CZ-Davoli Academy Blingink Soverato, Pol.Molochiese-F.F.Siderno, Rombiolo C5-F.C. Filadelfia, D.Locri-Ludos V.M., Xenium-Pol.Cittanova, C.Lione-Zefhir Reggio F.C., PGS Aur.Gallico-Vibo C5
CLASSIFICA: D.Locri 49, Filadelfia 35, DavoliSoverato 34, Vibo 32, Ludos V.M. 31, Zefhir RC 30, C. Lione 27, Rombiolo 26, A. Gallico 23, Cittanova 20, Florentiana CZ 19, Molochiese e F.F. Siderno 17, Xenium 13

Casadonte: “David di Donatello ad Alessandro Grande, un immenso orgoglio per tutta la Calabria’”

Alessandro Grande“Il David di Donatello conferito al regista catanzarese Alessandro Grande per il miglior cortometraggio è una notizia che rappresenta un motivo di immenso orgoglio per tutta la Calabria. Il premio più importante del cinema italiano, di cui mi onoro farne parte in qualità di giurato, ha contribuito a proiettare nel grande panorama nazionale il nome della città di Catanzaro che è parte integrante della produzione del corto e di un apprezzabile lavoro di squadra. L’idea del regista è stata, infatti, sostenuta da una giovane società catanzarese come l’Indaco di Luca Marino, mentre a supportarne la realizzazione è stato anche il Comune di Catanzaro accanto a Rai Cinema. La prestigiosa giuria del David ha, quindi, premiato un piccolo grande gioiello cinematografico che auspico possa rappresentare il definitivo trampolino di lancio per Alessandro Grande, talento che ho seguito e accompagnato fin dai suoi primi passi e che merita l’opportunità di poter crescere e affermarsi. Un riconoscimento anche per l’amministrazione comunale e il sindaco Abramo che hanno dimostrato di saper credere nei giovani talenti e di voler puntare sul cinema come motore di promozione e sviluppo del territorio. Ora non resta che riaccogliere Alessandro a Catanzaro per offrire al pubblico l'occasione di vedere insieme "Bismillah".

Illustrato il bando di gara per la realizzazione di un nuovo tratto della Strada del Medio Savuto

Siniscalco Costanzo Angotti Battaglia Bruno Viscomi Zinno IritanoCATANZARO –  “La pubblicazione del bando di gara per la realizzazione del completamento del tronco stradale compreso tra gli svincoli tra la Statale 616, circa tre chilometri rappresenta un ulteriore passo in avanti verso l’apertura al transito veicolare di un altro tratto della Strada del Medio Savuto. Sempre di più la ‘Strada che non c’è’ comincia ad esserci: oggi, quindi, non può che essere una giornata importante perché consegniamo alle comunità del Reventino, che aspettano quest’opera da quarant’anni, fatti e non parole”. Il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, ha illustrato questa mattina nel corso di una conferenza stampa - alla presenza di sindaci, amministratori, tecnici, direzione dei lavori e i rappresentanti del Comitato di cittadini “La Strada che non c’è”, presieduto da Domenico Mazza - il bando di gara pubblicato dall’Amministrazione provinciale nei giorni scorsi per l’aggiudicazione del progetto per la realizzazione del completamento del tronco stradale compreso tra il bivio Coraci (Cosenza) e Soveria Mannelli Nord-Borboruso: lo scopo di questi lavori, che ammontano a 9.650.000 euro, è quello di rendere funzionale e fruibile in maniera completa il primo tratto, anche sotto il profilo degli impianti di illuminazione e antincendio.
La Regione impegna 4 milioni di euro per un altro tratto
Un’occasione importante per fare il punto su un’arteria attesa da decenni dalle popolazioni dell’entroterra destinata a costituire l’infrastruttura viaria più importante della Calabria centrale, quale percorso alternativo all'autostrada A2, risolutiva per lo sviluppo delle zone interne della presila catanzarese. Il bando per l’aggiudicazione di questo nuovo trattoo – i termini per la presentazione delle offerte scadranno i primi di marzo – arriva a sei mesi dall’apertura al traffico del tratto fra gli svincoli di Soveria Mannelli e di Decollatura.
La presenza del vice presidente della Giunta regionale, prof. Antonio Viscomi, ha permesso al presidente Bruno di certificare l’impegno della Regione di impegnare ulteriori quattro milioni di euro per consentire la realizzazione di un tratto della di collegamento Catanzaro-Cosenza fino allo svincolo di Altilia-Grimaldi, quindi con sbocco sull’Autostrada.
Alla conferenza stampa, oltre al presidente Bruno e al vice presidente Viscomi, hanno partecipato gli ingegneri Giovanni Angotti ed Eugenio Costanzo, rispettivamente progettista e responsabile unico del procedimento; il dirigente provinciale del settore Infrastruttura, ingegner Floriano Siniscalco; l’ingegnere Luigi Zinno, dirigente generale del Settore Infrastrutture della Regione Calabria; l’ingegner Pino Iritano, Dirigente del Servizio n.5 del Dipartimento Infrastrutture e Lavori Pubblici della Regione Calabria; il vice presidente della Provincia di Catanzaro, Marziale Battaglia. Tra i presenti, il consigliere provinciale delegato alla Viabilità, Ciccio Severino;i consiglieri provinciali Giacomo Muraca, Salvatore Pellegrino, Davide Zicchinella, l’ex sindaco di Decollatura Anna Maria Cardamone; Mario Tassone, già deputato e sottosegretario ai Trasporti, il presidente dell’Ordine degli Ingegneri Gerlando Cuffaro, oltre che sindaci, amministratori, e rappresentanti del Comitato “La Strada che non c’è”, con il presidente Mazza.

“La nostra azione in materia di lavori pubblici guarda alla sicurezza”
“Quando ci siamo insediati, alla fine del 2014, abbiamo trovato lavori fermi e cantieri abbandonati, una ditta che invece di procedere presentava riserve. Abbiamo avuto il coraggio di rescindere il contratto per dare una svolta all’opera, convinti che le incompiute fanno male al territorio e all’ambiente – ha detto ancora il presidente della Provincia -. La nostra azione in materia di lavori pubblici è quella di mantenere la sicurezza delle strade e delle scuole, lo stiamo facendo tra mille difficoltà economiche e normative, al nostro impegno quotidiano e al fatto che abbiamo ereditato un Ente sano e faremo di tutto per mantenerlo tale, nonostante la drammatica situazione in cui si trovano le Province. Quando si affronta un’opera di questo tipo, e si compiono importanti passi in avanti, è una vittoria per lo Stato che guarda ai territori anche attraverso le articolazioni come la Provincia di Catanzaro”. Il dirigente generale dei Lavori pubblici della Regione, Zinno, ha messo in evidenza la tenacia del presidente Bruno nel superare lo stallo burocratico che aveva portato al fermo di questa infrastruttura, ricordando poi l’impegno della Regione alla statalizzazione di un tratto della Strada del Medio Savuto che favorirà la valorizzazione delle aree interne. Un coraggio, quello del presidente Bruno che viene riconosciuto e apprezzato anche dal consigliere provinciale Giacomo Muraca che dopo essersi complimentato per il lavoro svolto, ha posto anche la posto la questione delle risorse per il completamento della strada a partire dalle quelle messe a disposizione dal Cipe, poi dirottare altrove.

Viscomi: Bruno è stato coraggioso. La buona amministrazione si fa anche con i ‘no’
“Una strada non è solo una strada – ha esordito il vice presidente della Regione, Antonio Viscomi – è luoghi, storia, identità ma anche futuro. La strada deve essere anche un modo per riscoprire quel territorio: non è solo un’opera pubblica è anche un elemento di attrazione di identità della comunità. In questo caso parliamo di una comunità che per troppi anni ha sofferto il disagio della mobilità”. Da qui la necessità, secondo Viscomi, anche della individuazione di un percorso di riflessione su come sostenere le aree interne, che “una definizione burocratica imposta dalla programmazione comunitaria, definisce in questo modo. Ma in realtà sono vivissime, con una loro autonomia territoriale, culturale, educativa. Voglio ricordare che la Regione ha raddoppiato i contributi per le aree interne – ha detto ancora – perché crediamo si possa lavorare su questo versante. La vicenda burocratica relativa alla Strada del Medio Savuto è stata affrontata dal presidente Bruno in modo coraggioso, un esempio di fare buona amministrazione. Amministrare bene – ha concluso Viscomi - non significa far correre le cose, bisogna avere il coraggio di affrontare le cose e saper dire anche ‘no’ con molta consapevolezza. Per dare risposte ai cittadini dobbiamo sempre di più lavorare in maniera sinergica puntando su una efficace rete istituzionale”.

Chiaravalle Centrale, XXIV assemblea annuale soci Avis

avis2Assemblea partecipata e sentita quella del 2018 che ha visto protagonisti i membri del consiglio direttivo dell’Avis comunale di Chiaravalle Centrale nel relazionare in merito agli eventi che hanno impegnato l’associazione nello scorso anno.
Alla presenza dei soci e degli ospiti (Salvatore Iannelli, vicepresidente Avis provinciale di Catanzaro e Rocco Chiaravalloti, vicepresidente Avis comunale di Soverato) il presidente Libero Antonio Cortese ha fatto presente che sono state raccolte 616 sacche di sangue, sottolineando un calo rispetto all’anno precedente, e ha evidenziato che tale calo è conseguenza delle severe e giuste leggi a tutela della salute del donatore e del ricevente.
“Non solo donazione, ma anche formazione”, questo lo slogan con cui l'Avis di Chiaravalle Centrale continua ad essere presente nelle scuole del territorio, ha continuato Cortese, manifestando la fedele collaborazione con l'Avis provinciale di Catanzaro per l’avvio di progetti scolastici a promozione della cultura del dono, dei corretti stili di alimentazione e di vita, per la crescita di giovani adulti sempre più responsabili.
Proseguono le iniziative a titolo gratuito di prevenzione e screening per osteoporosi e glaucoma, con la collaborazione dell’unità di diagnosi mobile dell'Avis Regionale e del Club Rotary.
Novità di quest’anno è stata la nascita della consulta giovani dell'Avis comunale. “Credo che non ci sia modo migliore di avvicinarsi ai giovani se non quello di dargli fiducia rendendoli attivamente partecipi alla vita associativa” ha commentato il presidente, sottolineando la necessità di novità e cambiamento.
Giovani molto attivi che hanno collaborato alla messa in atto di due progetti che hanno portato risultati positivi nel campo della sensibilizzazione. La “Notte Bianca” dell'11 agosto scorso durante la quale l'Avis di Chiaravalle è uscita in piazza con uno stand informativo e la “TombolAvis” evento natalizio per grandi e piccini che ha visto coinvolti i bambini del comprensorio protagonisti di un pomeriggio all’insegna della solidarietà e dell’educazione alla salute.
Tanti i ringraziamenti: all’amministrazione comunale e al sindaco Domenico Donato per la concessione in comodato d’uso gratuito dei locali che ospitano attualmente l’Avis, in via Mario Ceravolo, al dirigente scolastico dottoressa Elisabetta Zaccone per la sensibilità dimostrata, al direttore sanitario dottor Papandrea, al dottor Luciano Mallamo, alla famiglia Rosi, all’associazione culturale “Ergon”, all’amministrazione comunale di Torre di Ruggiero, all’amministrazione comunale di Argusto per l’ospitalità in occasione delle giornate di raccolta nelle articolazioni periferiche, ai tecnici e al reparto logistica Avis Provinciale. Il presidente, in chiusura, ha ringraziato i volontari e i donatori tutti, vero motore di questa bella realtà che ha festeggiato da poco 25 anni di presenza sul territorio. La vicpresidente, Caterina Musci, ha manifestato un ringraziamento nei confronti del presidente Cortese per la sua apertura ai nuovi orizzonti e la grande sensibilità e impegno dimostrato verso l’associazione.
Al termine della relazione si è dato avvio ai lavori assembleari secondo le norme dello Statuto con approvazione di bilancio consuntivo 2017 e preventivo 2018 redatto dall’amministratore Giulia Donato e approvazione della relazione dei Revisori dei Conti con presidente Vincenzo Nisticò.

Pianopoli, manifestazione del Pd

pd pianopoliE’ stata la serata dell’orgoglio Pd quella andata in onda a Pianopoli mercoledì in una freddissima serata d’inverno, nella bella cornice dell’Hotel 2000. Tanta la gente presente, che si è incontrata nella sala convegni, persone semplici, iscritti al partito, militanti storici, giovani, donne, tutti insieme a rappresentare quel popolo che da sempre si raffigura come la “cintura rossa” del territorio lametino e del suo comprensorio. Nelle intenzioni degli organizzatori doveva rappresentare uno “spartiacque” di questa campagna elettorale, doveva essere uno scatto di orgoglio e di appartenenza, e ce da dire, che, dal clima, dai toni, dalle presenze che si sono viste e che si respirava, così alla fine è stato. Tanti gli interventi, a partire dal segretario provinciale che era padrone di casa in quanto sindaco di Pianopoli, Gianluca Cuda, che ha sottolineato di come si sta cercando instancabilmente di tenere insieme il lavoro di riorganizzazione e di strutturazione del partito sul territorio ad una campagna elettorale fatta di incontri, di presentazione dei candidati, di illustrazione delle proposte e dei programmi del Pd per il bene del paese e del meridione d’italia. Dalla sua introduzione gli spunti, che sono stati ripresi dagli interventi successivi: cioè quello di “approfondire la posta in gioco di queste elezioni, per evitare che il paese precipiti di nuovo in quella spirale fatta di crisi economica e sociale che potrebbe portare a conseguenze gravissime soprattutto nel meridione per la sua tenuta democratica”. Da qui la necessità di presentare il Pd per “quello che è”: come l’unica forza politica capace di governare questo paese con responsabilità e con quella tranquillità in grado di garantire la stabilità e la crescita, contro coloro che agitano paure ed insicurezze, che colpiscono in maniera acuta le fasce più esposte e deboli della popolazione. A seguire gli interventi che hanno caratterizzato il dibattito moderato dal presidente dell’assemblea provinciale Michele Drosi, tra i quali non sono mancati spunti sulla capacità del Pd di amministrare la cosa pubblica e realizzare opere utili alla collettività, come quello del presidente della provincia di Catanzaro Enzo Bruno, sulla necessità di valorizzare la concreta azione di governo e le sue realizzazioni, piuttosto che alla facile retorica inconcludente e incompetente del movimento 5 Stelle della professoressa Aquila Villella, sulle iniziative legislative e gli obiettivi raggiunti dal Governo dell’onorevole Sebastiano Barbanti, sull’attenzione alle fasce deboli e l’inclusione sociale della componente della segretaria regionale Giulia Veltri e sul programma del futuro governo della già sindaco di Decollatura Annamaria Cardamone. Anche nell’intervento del professor Antonio Viscomi, sono stati ripresi ed approfonditi i temi della responsabilità e della necessità che il Pd si presenti come forza tranquilla capace di sviluppare appieno la sua capacità riformista e di governo e di narrare la sua visione di società, a partire dai valori di solidarietà e di tolleranza, valori irrinunciabili per una forza democratica e progressista. Nell’intervento del segretario regionale Ernesto Magorno, insieme alla sottolineatura dei disagi e delle grandi questioni sociali ancora aperte, l’orgoglio delle cose che in questi anni difficili sono state fatte. In particolare, il finanziamento per la grande opera pubblica infrastrutturale di rifacimento della statale 106 e il provvedimento, anch’esso atteso da anni, relativo alle stabilizzazioni dei lavoratori LSU-LPU. Un provvedimento di civiltà, che sottrae definitivamente migliaia di persone dalla precarietà e dal disagio sociale. Quello visto a Pianopoli è un Pd combattivo ed orgoglioso che nei giorni e nelle settimane che separano al 04 di Marzo si presenterà “casa per casa, strada per strada, borgo per borgo” a chiedere il voto per un paese e una Calabria più giusta, più libera e più sicura.

Emergenza cinghiali, Silvia Vono (5 Stelle): un fallimento targato Pd

vonopp“L'emergenza cinghiali, animali allo stato brado che ormai da anni imperversano, numerosi e indisturbati, nel territorio delle Preserre e delle Serre, con grave danno per l'agricoltura locale, nonché pericolo per la salute pubblica e per la circolazione stradale delle aree interne, evidenzia il totale fallimento della politica regionale targata Pd e Oliverio”. A dichiararlo è Silvia Vono, candidata del Movimento 5 Stelle nel collegio senatoriale uninominale Catanzaro/Vibo Valentia. “Quello che lascia perplessi - prosegue Silvia Vono - è l’indifferenza e l’insensibilità dimostrata in questi anni nei confronti dei problemi seri da parte di chi governa la Regione o di chi ha rappresentato in Parlamento un territorio così strategico e ricco di attività agricole di pregio. Proprio queste attività, ma in generale tutta la popolazione, stanno subendo notevoli danni provocati dai cinghiali. Gli animali in cerca di cibo devastano le colture, rompono recinti, creano danni all'agricoltura locale. Per non dire dei casi di tubercolosi riscontrati tra gli ungulati abbattuti. Una malattia che può anche trasmettersi all'uomo. Inoltre, la presenza dei cinghiali lungo le strade diventa motivo di pericolo per la sicurezza degli automobilisti, spesso protagonisti di gravi incidenti”. “La mia esperienza personale di impegno civico sul territorio - continua la candidata del Movimento 5 Stelle - mi ha portato ad interloquire con tutti i cittadini, gli imprenditori e le associazioni per costruire un nuovo modello di programmazione e di sviluppo economico. In questo momento non posso non cogliere il grido d'allarme che viene da allevatori, coltivatori e comitati, appoggiando la loro meritoria azione di lotta perché non è più sopportabile l’indifferenza delle Istituzioni nei confronti di una problematica così grave. Il Movimento 5 Stelle, già nel 2014, con gli onorevoli Dalila Nesci e Paolo Parentela, era intervenuto chiedendo impegni anche al Governo. Ora che la situazione sta precipitando si rende necessaria una azione ancora più forte, incisiva ed efficace che, evidentemente, l'attuale politica regionale a guida Pd e le rappresentanze più alte dello stesso partito, nonostante le solite e vuote promesse di questi giorni, non sono mai state in grado di realizzare”.

Davoli, ristretto agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, deteneva cocaina nel bagno: arrestato dai Carabinieri

Materiale sequestratoDeteneva cocaina nonostante fosse sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, per di più con il braccialetto elettronico: l'attività illecita non è sfuggita ai Carabinieri della Stazione di Davoli, che ieri mattina, nel corso di un ampio servizio di controllo del territorio predisposto dalla Compagnia di Soverato in occasione del piano d’azione “Focus ‘ndrangheta”, lo hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di P.F., 28enne originario di Davoli, già gravato da precedenti specifici, figlio del più noto P.F., allo stato detenuto, ritenuto esponente di vertice della cosca di ‘‘ndrangheta “Sia-Procopio-Tripodi”. In particolare, all’esito di un’accurata perquisizione domiciliare, sono stati rinvenuti 30 grammi di cocaina, suddivisa in 5 ovuli, 8 grammi di sostanza da taglio e un bilancino di precisione, tutto occultato in un borsello di colore nero, custodito nella specchiera del bagno. Il suddetto materiale è stato sottoposto a sequestro, mentre il P. all’esito delle formalità di rito, è stato nuovamente ristretto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida.
Nel medesimo contesto, un 35enne di Soverato, invece, è stato tratto in arresto per furto aggravato di energia elettrica, poiché, nel corso di un controllo esperito unitamente a personale specializzato dell’Enel, è stato accertato un allaccio abusivo all’energia elettrica, realizzato mediante appositi cavi conduttori, sottoposti a sequestro. L’arresto è stato convalidato dal G.I.P. di turno presso il Tribunale di Catanzaro, che non ha disposto ulteriori misure nei confronti del soggetto.
Particolare attenzione è stata dedicata anche ai reati in materia di armi, deferendo in stato di libertà due soggetti di Davoli e Argusto, per omessa custodia di armi, con conseguente sequestro di due fucili da caccia calibro 12, una carabina ad aria compressa, tre pistole e relativo funzionamento, poiché è stato accertato il mancato rispetto delle norme inerenti la custodia, previste dal T.U.L.P.S. (Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza).
Infine, l’attività di contrasto alla diffusione di sostanze stupefacenti, ha permesso di segnalare alla Prefettura di Catanzaro, quali assuntori, 3 soggetti di Soverato, trovati in possesso, all’esito di altrettante perquisizioni domiciliari, di oltre 10 grammi di marijuana e hashish.

Ernesto Alecci presenta la candidatura alla Camera dei Deputati

alecci cameraSabato alle ore 18:00 presso la sala dell’Acquario comunale (Via G.Leopardi), il Sindaco di Soverato, Ernesto Alecci, presenterà la propria candidatura alla Camera dei Deputati nel collegio proporzionale Calabria Sud. Alecci, incontrerà cittadini e sostenitori, rappresentanti delle Istituzioni, delle Associazioni e operatori economici.
Condividerà con i partecipanti le ragioni di questa candidatura. Una candidatura che nasce da un impegno politico per il territorio e vuole proseguire nella costruzione e nel rafforzamento di tutte quelle istanze che da sindaco ha cercato e voluto realizzare. Una candidatura di questo territorio, per cercare di offrire un contributo umano e politico alle istituzioni legislative.

Chiaravalle Centrale, domenica a teatro un grande classico di De Filippo

eduardoDomenica 18 febbraio a Chiaravalle Centrale torna il teatro con “Uomo e galantuomo” di Eduardo De Filippo. Ospite del secondo concorso interreggionale, inaugurato lo scorso 4 febbraio, sarà la compagnia campana del “Teatro dei Dioscuri”. Per la regia di Antonio Caponigro andrà in scena un grande classico. “Uomo e galantuomo” è la prima prova impegnativa affrontata dal grande Eduardo come autore. La stesura più antica, in tre atti, risale al 1922, quando era attore nella compagnia del fratellastro Vincenzo Scarpetta, alla quale la commedia era destinata, e recava il titolo “Ho fatto il guaio? Riparerò!”. Quando, nel 1933, Eduardo avrà una propria formazione teatrale insieme ai fratelli, la necessità di arricchire il repertorio con una commedia in tre atti lo porterà a rivisitare il testo e a renderlo più consono tanto alle sue scelte drammaturgiche quanto alla dimensione più ridotta della sua compagnia. La commedia guadagnerà il titolo attuale, l’intreccio semplificato, i personaggi ridotti cambiando nome e natura, il finale diventerà più problematico. Così rimaneggiata la commedia si confermerà un grande successo comico. In una versione totalmente rivisitata, che sperimenta nuove strade, la compagnia del “Teatro dei Dioscuri” di Campagna (Salerno) ci regalerà una versione unica di questo capolavoro giovanile eduardiano. Ingresso in sala alle ore 18.30.

Venerdì 16 Febbraio tornano le corajisime a scandire il tempo

Locandina corajisimeDopo carnevale arriva la Quaresima. Proponiamo per venerdì 16 febbraio questo incontro alla Bottega della terra a Roccelletta di Borgia, per riflettere sui riti e sulle tradizioni popolari che saranno illustrate da Andrea Bressi . Un appuntamento ricco di spunti e di proposte durante il quale saranno anche messe a disposizione le corajisime cucite dalle donne di Pazzano dell’ associazione RICOMINCIO DA ME, così ognuno di noi può appenderne una alla finestra la prima domenica di Quaresima. Parleremo anche delle abitudini alimentari in tempo di Quaresima. L’alternanza dei periodi di digiuno con quelli di festa realizzano un meraviglioso equilibrio alimentare, che fa sì che la necessità di qualsiasi dieta diventi superflua. Ed esercitarsi in questa direzione può essere uno spunto anche per appoggiare la nuova campagna di Sow Food Menu for Change, la prima campagna internazionale sul rapporto tra cambiamento climatico e cibo. Il ritmo delle stagioni , la scelta dei prodotti locali farà bene all’ambiente ma anche al nostro corpo per un riequilibrio dell’organismo.

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa