all
Menu

Ragazzo scomparso

Ragazzo scomparso - 5.0 su 5 basato su 1 voto

DALLA SERA DELL'1 MAGGIO ORE 22:00 CIRCA A CASTELLETTO TICINO, SI SONO PERSE LE TRACCE DI UNA RAGAZZO DI 29 ANNI JANIS IVANOVIS.

LUI PARLA ITALIANO E INGLESE, E' ALTO 1,90 E HA GLI OCCHI CHIARI.

CHIUNQUE SAPPIA QUALCOSA O LO VEDA O ABBIA NOTIZIE ANCHE RIPORTATE PER FAVORE CONTATTI ALBERTO NEPOTISMO O ANCHE ME, E' IMPORTANTE.

RINGRAZIO TUTTI INFINITAMENTE...

ASTURI VICTORIA

JANIS IVANOVIS

Calcio a 5 C2, play-off: il Calcio a 5 Soverato tenta l’impresa (Video)

Calcio a_5_Soverato-Atletico_Belvedere_squadra_SoveratoSOVERATO – E' un'impresa "titanica" quella che attende domani pomeriggio alle ore 16 il Calcio a 5 Soverato (in foto nel match di andata), impegnato nel ribaltare il 2-4 subito per mano dell'Atletico Belvedere nella semifinale play-off di andata al "Pala Scoppa" sabato scorso. La formazione del presidente Agostino Santise infatti, dovrà vincere con tre reti di scarto se vorrà proseguire l'avventura nella post-season e staccare il pass per la finale. Violare il campo di una compagine come quella dell'Atletico Belvedere però, non sarà cosa facile; seconda forza del torneo, la squadra capitanata da Barbuto, si è dimostrata un avversario esperto, ostico, compatto e cinico. Il Soverato, pur cedendo in casa, ha dimostrato comunque di poter giocare alla pari con i più quotati avversari, e ciò è testimoniato anche dalle diverse e ghiotte occasioni avute nel corso della gara per raddrizzare il risultato (tra cui un rigore e due tiri liberi falliti). Gli jonici hanno forse peccato un po' di concentrazione (vedi le reti concesse agli avversari su calci da fermo) ed inesperienza, non essendo magari, diversi elementi della rosa, abituati a disputare gare difficili ed importanti come queste (essendo anche il Soverato una matricola di questo campionato di C2). Al contempo però, c'è da dire che la squadra ha assorbito bene la delusione per la sconfitta, trasformandola in energia positiva per allenarsi al meglio in settimana e preparare la gara nel migliore dei modi. Lanciano e compagni sono carichi e consapevoli che si potranno giocare le proprie chances, non avendo ormai nulla da perdere bensì solo un risultato a disposizione: una rotonda vittoria. Dall'altra parte, l'Atletico Belvedere, potrà contare sulla classe, l'esperienza ed il carattere di elementi come Franco, Anderson, capitan Barbuto e l'estremo difensore Casella; loro, sono stati i principali artefici della vittoria conquistata sabato scorso a Soverato, e su di loro punterà ancora il tecnico Francesco Cipolla per raggiungere la finale. Ci sono tutti gli ingredienti quindi, affinchè la sfida sia spettacolare ed emozionante come e più di quella di sabato scorso. E' il momento della verità, niente calcoli e parola al campo. Ascoltiamo le parole del vice-Presidente, Vittorio Maiolo, registrate nel pre-gara.

Pietro Mosella

Satriano e Montauro, ultimo giorno di campagna elettorale

Ultima giornata di campagna elettorale per i comuni calabresi in attesa di un nuovo sindaco. Soverato guarda ai centri vicini tra cui Satriano e Montauro per cui tra poche ore calerà il silenzio elettorale. Sale la tensione nei rispettivi centri, a Satriano si aspetta così di vedere chi avrà la meglio tra Michele Drosi sindaco uscente e Domenico Battaglia suo predecessore. Una lotta che si era annunciata già da molto tempo e che si realizza come interessante rendendo difficile fare dei pronostici. Oggi gran finale di una campagna elettorale aspra combattuta per guadagnare consensi non solo attraverso la comunicazione pubblica, ma anche nell'incontro “face to face” con i cittadini. E proprio la campagna elettorale “porta a porta” sembra essere il fenomeno che accomuna i diversi centri negli ultimi anni con i candidati a sindaco sempre più presenti nelle case degli abitanti pronti ad accogliere entrambe le fazioni per ascoltare i rispettivi appelli al voto. Con Michele Drosi a chiedere il consenso dei satrianesi per un posto da consigliere Sabrina Apollinaro, Teodoro Basile, Alessandro Catalano, Michele De Vita, Vincenzo Monterosso, Federica Paparo e Domenico Riverso mentre con Domenico Battaglia si sono presentati Giusy Altamura, Mirella Betrò, Giuseppe Cicala, Mario Marotti, Giovanni Moniaci, Assunta Muti, , Daniele Spinzo. Pochi chilometri più a nord ritroviamo il comune di Montauro che si presenta con tre candidati a sindaco: Pantaleone Procopio, Pantaleone Clericò e Nicola Salatino. Il primo è il sindaco uscente che si ripresenta confermando gran parte della squadra che con lui ha governato il paese negli ultimi 4 anni. Procopio è intenzionato a bissare così il risultato del 2007 che lo aveva eletto sindaco con il 55,8% delle preferenze ma difronte a sé trova il collega (anche lui medico) Nicola Salatino con un gruppo di giovani esordienti in politica pronti a spodestare la precedente amministrazione; tra i due il giovanissimo Pantaleone Clericò con una lista di under 30 vero primato in queste elezioni 2012. Nessuna pretesa per il giovane presidente della Proloco che presenta un gruppo che con umiltà si propone un rinnovamento per il paese. Non resta allora che attendere lunedì per i primi risultati.

SABRINA AMOROSO

Muore d'infarto dopo aver vinto al Lotto

Muore d'infarto dopo aver vinto al Lotto - 5.0 su 5 basato su 1 voto

Non ha fatto in tempo a spendere i soldi della piccola vincita un pensionato di Palermiti morto subito dopo aver riscosso il denaro. Il pensionato si era recato a Catanzaro per consegnare la schedina del lotto e ritirare l'ambito premio ma sulla via del ritorno, mentre viaggiava sull'autobus di linea per tornare a casa muore per un infarto fulminante. Ad accorgersene l'autista a fine corsa che vedendo ancora sul mezzo l'uomo seduto negli ultimi posti si è avvicinato constatando il decesso.

La Redazione

Rissa in un locale a Lido, a soqquadro una pizzeria

carabinieri furgone_adn--400x300Sono intervenuti i carabinieri nella pizzeria "Golosità" di Catanzaro Lido per sedare una lite scoppiata poco dopo le 21 per cause ancora da chiarire. Un gruppo di uomini di origine marocchina si era ritrovato nel locale per cenare  ma poco dopo i toni si sono surriscaldati, non è ancora chiaro se il motivo possa essere ricollegato ad un errore sul conto che a quel punto gli uomini non volevano pagare o se alla base di tutto ci possa essere altro. In ogni caso da lì a poco il gruppo, irritato, avrebbe iniziato a mettere a soqquadro il locale costringendo i gestori a chiedere l'intervento delle forze dell'ordine che stamane hanno arrestato i tre uomini.LA REDAZIONE

Rassegna Stampa del 04/05/2012

rassegna stampa

www.gazzettadelsud.it

A Catanzaro i prezzi degli appartamenti in calo del 4,7%

Nella seconda parte del 2011, i prezzi delle abitazioni a Catanzaro sono diminuiti del 4,7% rispetto al semestre precedente, una contrazione superiore a quella registrata, nello stesso periodo, sia nei capoluoghi di provincia italiani (-3,2%) che nelle grandi citta' (-3,4%). Lo rivela un'indagine dell'ufficio Studi Tecnocasa, che indica quale principale causa del ribasso delle quotazioni la difficolta' di accesso al credito da parte dei potenziali acquirenti.

Segnalati in 34 per danno erariale di 32 milioni in sanita'

Trentaquattro persone tra amministratori e dirigenti pubblici sono stati segnalati dalla Guardia di finanza alla Procura regionale della Corte dei conti perche' avrebbero provocato un danno erariale nella spesa nel settore sanitario per un ammontare di oltre 32 milioni di euro. Il danno ha riguardato le Aziende sanitarie di Palmi e Reggio prima che nel maggio del 2007 confluissero nell'Asp reggina. Accertamenti hanno riguardato prevalentemente il Servizio di guardia medica.

Trovata bomba a mano a Reggio, ipotesi reazione ad antimafia

Una bomba a mano e' stata trovata a Reggio Calabria nel rione Pentimele. A trovare l'ordigno un cittadino che ha chiamato il 113. Sul posto si e' recato un artificiere della polizia. Non si esclude che la bomba rappresenti una reazione alla manifestazione antimafia svoltasi oggi in citta'. E' in corso, tra l'altro, al Teatro Cilea, lontano comunque dal luogo del ritrovamento della bomba, la consegna dei premi Gerbera gialla nell'ambito della manifestazione svoltasi oggi.


www.ilquotidianoweb.it

Ventunenne muore schiacciato dal trattore a Pianopoli

Un giovane di 21 anni, Gianfranco Vescio, è morto stamani mentre stava lavorando la terra in una zona di campagna di Pianopoli, un centro del Lametino in provincia di Catanzaro. Secondo quanto si è appreso, il giovane si trovava a bordo di un trattore agricolo che, per cause in corso di accertamento, si è improvvisamente ribaltato. L'allarme è stato dato dal padre del ragazzo che ha subito allertato i soccorsi. L'intervento del personale del 118, però, è stato vano, dal momento che il ventunenne è morto sul colpo. Sono in corso le indagini dei carabinieri per ricostruire la dinamica dei fatti.

Bomba in pieno centro distrutto un negozio Speranza: «La città non merita di vivere nella paura»

Torna a farsi sentire il racket in città. Un ordigno di medio potenziale, infatti, è stato fatto esplodere in pieno centro su corso Numistrano, il salotto della città, davanti l'ingresso di un'attività commerciale denominata "Fotografo Ventura" mandando in frantumi la vetrina. L'attentato è avvenuto intorno alle 14.10. Solo sabato scorso, durante la tarda serata, proprio difronte il medesimo negozio era stata data alle fiamme una automobile posta in sosta. La vettura non era di proprietà del titolare del negozio fatto esplodere oggi. Il negozio preso di mira era di proprietà del padre di Gennaro Ventura, scomparso il 16 dicembre 1996 e i cui resti sono stati rinvenuti il 25 aprile 2008 in un casolare alla periferia di Lamezia Terme, attualmente l'attivtà era gestita dal figlio Raffaele. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Lamezia Terme che hanno circoscritto l’area e avviato le indagini. «Sono fortemente preoccupato per questo atto intimidatorio, tra l’altro avvenuto in pieno giorno e a distanza di pochissimo tempo da un altro episodio analogo sempre nella stessa zona, che testimoniano la necessità di non abbassare mai la guardia nella lotta alla criminalità organizzata». È quanto afferma, in una nota, il sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, che appena rientrato da Reggio dove ha incontrato il ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri, si è recato sul luogo dove nel pomeriggio è esploso l'ordigno di medio potenziale e ha incontrato gli inquirenti al lavoro.   «Ancora più grave è il fatto – prosegue Speranza – che potevano rimanere coinvolti, vista l’ora, cittadini inermi e inconsapevoli a dimostrazione che chi mette in atto cose di questo genere non ha alcuna remora di colpire persone innocenti, bambini, semplici passanti. Mi auguro che presto si faccia piena luce e si colpiscano autore ed eventuali mandanti di questo odioso gesto. Lamezia non merita di vivere nella paura».

 

portale.calabriaora.it

Sos Locride, oggi c'è la Cancellieri: ecco le emergenze

I tavoli di discussione chiesti dai sindaci della Locride al Governo iniziano oggi, con l’arrivo del Ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri a Locri per affrontare questione sicurezza del comprensorio. Una discussione resasi urgente dopo le intimidazioni degli ultimi mesi, come quello ai danni del primo cittadino di Monasterace Maria Carmela Lanzetta, che ha compattato i sindaci e li ha spinti fino all’orlo delle dimissioni di massa, ipotesi che potrebbe essere ancora valida, qualora le richieste dovessero rimanere inascoltate. Oggi, presso la Sala Conferenze della Curia, verrà affrontata la questione relativa all’individuazione del comprensorio «quale zona franca della legalità, prevedendo la deroga ai saldi finanziari legati al patto di stabilità per le spese di investimento e i previsti sgravi fiscali per le imprese e il lavoro». Durante l’incontro con il Ministro verranno ribadite le esigenze in fatto di sicurezza per tutti i cittadini della Locride. La richiesta è quella di una lotta alla ’ndrangheta che vada oltre l’azione della magistratura, puntando a cambiare le condizioni politiche, economiche e sociali che generano il malaffare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giovane di Davoli condannato per droga

Tribunale Catanzaro1E' stato condannato a sei mesi e 20 giorni di reclusione il giovane davolese, Roberto Gualtieri, di 29 anni, fermato dai Carabinieri il 17 febbraio scorso. Gualtieri, in occasione di controlli di routine dei Carabianieri di Davoli, era stato trovato in possesso di un discreto quantitativo di marijuana occultato, secondo il verbale di sequestro, all'interno della cassaforte installata all'interno dell'abitazione che il giovane condivide con i genitori. Roberto Gualtieri era già noto alle forze dell'ordine e contro di lui, dopo il fermo, erano stati previste misure cautelari.

La Redazione

Regione: il Presidente Scopelliti ha incontrato il Ministro Fabrizio Barca

logo regione_CalabriaIl Presidente della Regione Giuseppe Scopelliti ha incontrato questo pomeriggio a Roma il Ministro per la coesione territoriale Fabrizio Barca. "E' stata una riunione positiva per la nostra Regione – ha dichiarato il Presidente. Sono in arrivo ulteriori risorse premiali del programma obiettivo di servizio". Spunti importanti si sono avuti anche dalle linee programmatiche della seconda fase del piano di azione e coesione illustrate dallo stesso Ministro. Sono state individuate delle priorità come il potenziamento dei servizi alla persona, la cura dell'infanzia e degli anziani. E' stata prevista inoltre una concertazione di risorse provenienti dai Programmi operativi nazionali e dai Programmi operativi e attuativi interregionali per un totale complessivo di 700 milioni di euro per le regioni convergenza. Altri 200 milioni di euro saranno concentrati sulle politiche giovanili. Ulteriore priorità del piano è l'operazione competitività e innovazione da attuare attraverso il credito d'imposta, ricerca e dei bandi precommerciali. L'operazione ha un valore complessivo di circa 100 milioni di euro per tutte le regioni del Sud Italia. "Le risorse premiali in arrivo dal programma obiettivo di servizio e previste per la Calabria - ha aggiunto Scopelliti - ammontano a circa 34,64 milioni di euro da sommare alla restante parte non ancora distribuita pari a circa 72,81 milioni di euro per un totale di 107,45 milioni di euro. Somme utili che potremo investire al meglio sul territorio regionale. Dobbiamo solo aspettare che si concretizzino i passaggi necessari per avviare le azioni". La programmazione delle risorse reperite nei programmi nazionali e interregionali si aggiunge a quella in corso con le risorse dei POR Calabria FESR e FSE 2007/2013 potenziando così l'attuazione della politica di sviluppo della regione. "Con il ministro Barca - ha concluso il Presidente Scopelliti - l'appuntamento è fissato a breve al fine di reperire nuovi fondi per il nostro territorio". 

Ufficio stampa Giunta regionale

Avis Soverato, il 6 maggio raccolta sangue a Davoli

Avis Soverato, il 6 maggio raccolta sangue a Davoli - 5.0 su 5 basato su 1 voto

equipe sanitaria_e_donatrici__foto_archivio-Avis_SoveratoSOVERATO – Continuano in maniera costante le iniziative dell'Avis di Soverato, sempre più attiva e presente nel territorio di competenza. Dopo la giornata della donazione di domenica scorsa effettuata in sede a Soverato, la comunale "Rossella Anastasio" comunica infatti che, domenica prossima, 6 maggio, sarà organizzata a Davoli marina, presso i locali della "Parrocchia San Bellarmino" dalle ore 8 alle ore 12, una giornata di raccolta sangue. Ciò, a dimostrazione di come questo gesto di solidarietà della donazione del sangue, si stia sempre più diffondendo non solo negli adulti ma anche e soprattutto nei giovani. Donare il sangue è uno dei gesti di solidarietà ed altruismo più grandi che ognuno di noi può fare. Ma, dietro il semplice gesto di consapevolezza e civiltà, si nasconde anche un modo per preservare la propria salute e mantenersi in forma.

Salute sempre sotto controllo: La donazione periodica del sangue, infatti, garantisce ai donatori un controllo costante sul loro stato di salute. Questo, consente di tenere monitorato il proprio organismo regolarmente con un check-up completo e gratuito, e di scoprire eventuali malattie in fase iniziale. Ad ogni donazione, infatti, il sangue del donatore viene analizzato attraverso un esame emocromocitometrico completo che permette di controllare i componenti ed i valore del sangue (globuli rossi e bianchi, colesterolo, glicemia, transaminasi). Vengono inoltre effettuati i test relativi all' HIV Ab 1-2, all'epatite B e C e alla sifilide. Ogni donatore poi ha una propria scheda medica personale in cui vengono annotati ogni volta i risultati degli esami effettuati, il peso corporeo ed i valori della pressione. Se nel tempo qualcuno di questi parametri dovesse variare in modo considerevole, il medico è in grado di cogliere le variazioni e segnalare la cosa al paziente.

Non è pericoloso per la salute: Sono in molti purtroppo a credere che in qualche modo privarsi del proprio sangue giovani studenti_alla_donazione_nella_sede_Avis_di_Soveratopossa costituire un danno se non un pericolo per il proprio organismo. Non c'è niente di più falso di questa credenza perché questo piccolo salasso consente di rigenerare il sangue e ne aiuta il ricambio. In più, tra una donazione e l'altra, (ogni sei mesi per le donne e ogni tre mesi per gli uomini) intercorrono lunghe pause in modo da non sottoporre l'organismo a uno stress. Durante la donazione vengono prelevati al massimo 450 millilitri di sangue, in pratica mezzo litro di liquido circolante di sangue, su una media di circa 7 litri presenti nel nostro corpo.

Riduce le malattie cardiovascolari: Recenti studi hanno anche dimostrato l'effettiva riduzione del rischio di contrarre una malattia cardiovascolare nelle persone che eseguono almeno una donazione di sangue l'anno. Questo grazie alla diminuzione dei livelli di ferritina tissutale, e quindi di ferro, che si verifica dopo la donazione di sangue. Le donazioni determinano infatti una riduzione dei depositi di ferro ed un aumento del flusso ematico arterioso e quindi favoriscono la prevenzione di malattie cardiovascolari. Inoltre, è stato dimostrato come, donare sangue, riduca drasticamente il rischio di infarto e la propensione al diabete di tipo 2 (insulino-dipendente).

Donare il sangue è una cura antistress: Sono in molti poi a sostenere che donare sangue sia una vera e propria cura antistress. Difficilmente chi non ha mai donato può comprendere la sensazione di pienezza ed euforia che si prova dopo avere compiuto una donazione di sangue. La consapevolezza di aver fatto del bene, e magari aver aiutato bambini malati di leucemia, persone in gravi condizioni dopo un incidente oppure che subiscono un'operazione chirurgica, stimola nell'organismo la produzione di alcuni ormoni, tra cui l'ossitocina, che sono in grado di diminuire lo stress e cancellare le tensioni.

Una cosa importante: I lavoratori dipendenti che si recano a donare il sangue hanno diritto per legge ad una giornata di riposo ed alla corresponsione della normale retribuzione secondo quanto disposto dalla legge 4 maggio 1990 n.107.

E' bene ricordarci che il sangue non è riproducibile in laboratorio, pertanto l'unica fonte è rappresentata dall'uomo. Tutti possiamo donare il sangue, basta essere in buono stato di salute, pesare almeno 50 kg, avere un' età compresa fra i 18 ed i 60 anni e valori di emoglobina non inferiori a 12.5 gr/dl per le donne ed a 13.5 gr/dl per gli uomini.

La donazione di sangue: un piccolo gesto per un grande aiuto al prossimo.

La Redazione

Argusto lite accesa tra due fratelli

carabinieriUna lite furibonda sedato solo grazie all'intervento dei carabinieri portata avanti a suon di martellate. Il fatto è accaduto ad Argusto ed ha riguardato due fratelli. Il primo dei due si è recato a casa dell'altro aggredendolo con un martello stessa arma usata per la difesa. Sono stati i vicini sentendo le urla ad avvisare la locale compagnia dei carabinieri che sono indervenuti per dividere i due fratelli chiamando i soccorsi per le cure. Ferite guaribili in pochi giorni per entrambi i protagonisti di questa storia che pare possano aver litigato per questioni economiche. LA REDAZIONE
Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa