all
Menu

Rinviato il processo per Sia, Vitale e Catrambone

Rinviato il processo per Sia, Vitale e Catrambone - 5.0 su 5 basato su 2 voti

Era fissata per giorno 24 l'udienza del processo che vede imputati Alberto Sia, figlio del presunto boss Vittorio, Patrick Vitale e Giovanni Catrambone. Il rinvio potrebbe essere dovuto alla concomitanza dell'operazione "Light in the Wood" coordinata dal magistrato Vincenzo Capomolla che, in questo procedimento, veste la toga da Pubblico Ministero. Con molta probabilità l'esecuzione delle misure cautelari per i 30 fermati dell'operazione, che ha coinvolto anche l'ex sindaco di Gerocarne, ha fatto slittare l'udienza nella quale avrebbe dovuto testimoniare, per la prima volta nella veste di collaboratore di giustizia, Bruno Procopio. Il processo, che vede Sia, Vitale e Catrambone imputati con l'accusa di concorso in omicidio, si riaggiornerà al 6 febbraio, data per la quale è fissata nuovamente la deposizione del figlio del presunto boss Fiorito Procopio. Come anticipato da soveratiamo.com, era stato lo stesso PM Capomolla, a richiedere il rinvio dell'udienza per poter sentire il collaboratore di giustizia che, a quanto sembra, in fase di interrogatorio ha già fornito la propria versione sull'omicidio, avvenuto a Gagliato, dei gemelli Grattà. Ad Alberto Sia, Patrick Vitale e Giovanni Catrambone viene contestata l'ideazione e la gestione logistica dell'omicidio dei fratelli di Gagliato. In particolare, i tre avrebbero rubato lo scooter utilizzato per l'attentato e ritrovato bruciato poco distante dal luogo del delitto. Sullo stesso luogo, è stata rinvenuta un'arma del tutto compatibile con quella usata per il delitto di chiaro stampo mafioso.

La Redazione

L’Arma di Soverato incontra gli scolari

visita alla_compagniaSOVERATO - Nella mattinata del 25 gennaio, la sede della Compagnia Carabinieri di Soverato è stata teatro di un incontro con alcune scolaresche del comprensorio, a conferma di un ininterrotto rapporto di attenzione e riguardo dell’ Istituzione verso le fasce più giovani della popolazione. I giovanissimi, provenienti dalle scuole primarie di Petrizzi e Montauro e accompagnati dai comandanti di Stazione e dalle loro insegnanti, sono stati accolti dal Comandante della Compagnia Carabinieri di Soverato che, dopo un breve saluto di benvenuto, si è soffermato sui compiti e l’organizzazione dell’Istituzione con particolare riferimento a quella territoriale ed in particolare alle Stazioni quale imprescindibile e capillare presidio di legalità. Successivamente gli alunni hanno potuto toccare con mano il quotidiano lavoro a tutela della collettività visitando la centrale operativa, organo recettore delle richieste di intervento dei cittadini e di coordinamento delle pattuglie impiegate sul territorio, i mezzi in dotazione, e per ultimo il laboratorio ove vengono svolte le indagini tecnico scientifiche, prezioso ausilio alle tradizionali attività investigative. I giovani ragazzi, particolarmente interessati ed entusiasti, hanno dato voce alle loro curiosità ponendo numerose domande ed esprimendo apprezzamento e riconoscenza verso un’Istituzione che svolge da quasi due secoli un’ininterrotta azione a favore dei cittadini. L’apertura al pubblico della caserma è stata un esempio pratico di prossimità al cittadino nell’ambito delle iniziative di educazione alla legalità così come lo sarà nella giornata di domani 27 gennaio allorquando le porte della caserma di piazza Renato Lio saranno aperte per la consueta raccolta di sangue organizzata in collaborazione con l’AVIS comunale di Soverato.

La Redazione

Calcio: domenica campionati dilettantistici calabresi fermi?

pallone2CATANZARO – Il perdurare dei blocchi dei tir, che in questi giorni stanno mettendo in ginocchio mezza Italia, con la Calabria tra le regioni più colpite, sta inducendo i vertici federali dei vari campionati di calcio dilettantistico calabrese a sospendere momentaneamente le partite, a partire dalla prossima giornata, in programma per domenica 29 gennaio. La diciannovesima giornata di Eccellenza, Promozione, Prima, Seconda e Terza  Categoria, dunque, è a rischio rinvio, ma la decisione finale verrà presa ufficialmente nelle prossime ore, anche perché si è in attesa di conoscere se lo sciopero continuerà o cesserà. La notizia non è ufficiale ma, stando a voci insistenti, il blocco potrebbe essere concretizzato se la situazione non migliorerà. Non siamo solamente noi cittadini, dunque, a dover attendere il ripristino della normalità; ora pare che anche il pallone dovrà aspettare.

Francesco Gioffrè

 


Narcotizza un commerciante per rapinarlo: arrestata

Narcotizza un commerciante per rapinarlo: arrestata - 5.0 su 5 basato su 1 voto

Kapas-232x300Una donna di origini romene, Claudia Kapas Rozalia di 21 anni, è stata arrestata stamane dalla Polizia di Stato di Reggio Calabria. Secondo le accuse la donna, nei giorni scorsi, si era resa protagonista di una rapina avvenuta, ai danni di un commerciante, a Bovalino. La donna, secondo la ricostruzione degli inquirenti, aveva "abbordato" il malcapitato e gli aveva proposto, in orario di chiusura del negoio, di bere insieme qualche sorso di vino. Appena il commerciante, approfittando della "dolce" compagnia, aveva inizato a bere il vino, presumibilmente narcotizzato in precedenza, lo stesso perdeva conoscenza lasciando la sua "ospite" libera di portare a termine il proprio intento criminoso. Dalla cassa dell'esercizio, infatti, erano stati sottratti circa 3000€ in contanti. I militari, avvisati da una telefonata pervenuta al 113, avevano trovato il commerciante riverso a terra e privo di sensi. Dopo averlo condotto in ospedale, al rinvenimento dello stess, hanno raccolto la testimonianza del malcapitato ed operato le indagini che hanno permesso di individuare nella donna di origine romene l'autrice del fatto. Identificata la donna, sono scattate le ricerche che hanno portato al fermo della stessa in quel di Reggio Calabria. Al commerciante la delusione per un momento di relax finito male.

La Redazione

Rassegna Stampa 26/01/12

rassegna stampa

www.ilquotidianoweb.it

La protesta dei Tir. Generi alimentari e benzina, ripercussioni negative

In attesa che la situazione si concluda positivamente, il quadro resta più o meno grave variando tra le province e le città della Calabria per quanto riguarda generi alimentari e benzina. A Cosenza e hinterland, rifornimenti di carburante chiusi per prodotto esaurito. Nei supermercati, farina e acqua sono in esaurimento, mentre frutta e verdura non sono presenti negli scaffali come nelle situazioni di normalità. A Catanzaro, il capoluogo di regione, si apprende che a mancare siano soprattutto la pasta e il latte. Mentre sul fronte della benzina bisogna segnalare che il coordinatore provinciale dell’associazione benzinai precisa che il carburante è assente per le difficoltà di rifornimento sulla piazza di Vibo Valentia. I trasporti locali, AMc hanno fatto rifornimento scortati dalla Questura su imput del Prefetto. A Reggio Calabria, l'allarme è alto in particolare nella Piana dove mancano acqua e latte e farina per il pane. I sindaci dell’area inoltre, invitano a non depositare rifiuti nei cassonetti e tra i cittadini una reazione di rabbia nei confronti dei camionisti. Raccolta rifiuti a rischio anche nelle aree urbane di Corigliano-Rossano e Lamezia Terme a causa della protesta degli autotrasportatori. Scivolando a Reggio Calabria città, invece, inizia a scarseggiare di tutto, anche la farina. Secondo quello che si apprende i paneggiatori sono preoccupati, manca il latte fresco e il lievito di birra.

Sanità: Reggio, muore una bimba di 4 mesi. Aperta un'inchiesta

E' morta agli ospedali Riuniti una bambina di nazionalità indiana di soli quattro mesi. La magistratura ha aperto un’inchiesta ed allo stesso tempo sequestra la cartella clinica in quanto potrebbe trattarsi di un caso di presunta malasanità. La notizia è trapelata solo ieri rispetto a quanto accaduto domenica scorsa, quando alle ore 17 e 30 circa, il padre della piccola Singh Gursewale ha chiamato il centro operativo del 118 dell’Azienda ospedaliera Bianchi –Melacrino - Morelli, chiedendo aiuto per la sua piccola che mostrava qualche difficoltà a respirare. Inviata sul posto un’autoambulanza in codice rosso a sud della città con a bordo un medico ed un infermiera. L’equipe medica avrebbe esaminato la bambina e dopo una diecina di minuti, avrebbe emesso la diagnosi di laringite catarrale subacuta. Niente di particolarmente grave anche se hanno consigliato un controllo pediatrico, magari in ospedale. L’ambulanza rientra ai Riuniti in codice bianco e forse le condizioni della bimba sono peggiorate da lì a qualche ora dopo l’intervento del personale medico, tanto da far decidere i genitori a ricoverare la bimba effettivamente nel reparto di Pediatria dell’azienda ospedaliera reggina. Alle 22, il cuoricino della bimba ha cessato di battere nella divisione di rianimazione.


www.calabriaora.it

 

Sequestrati 90.000 profilattici cinesi contraffatti

 

I funzionari della Dogana di Gioia Tauro, con la collaborazione dei militari della Guardia di Finanza, nell'ambito dell'azione di repressione delle attività illegali per la tutela della salute dei consumatori, hanno sequestrato 90mila profilattici con marchio contraffatto, nascosti dietro un carico di merce varia. La merce, proveniente dalla Cina, era destinata al mercato albanese.

 

L’evasione in città e quelle ingiustizie nei provvedimenti

Evasione fiscale. I media non parlano d’altro, la gente comune... anche. D’altronde venire a sapere che qualcuno dichiara meno, molto meno, di quello che guadagna e di conseguenza paga meno tasse - le quali sono redistribuite in base al reddito dichiarato - è un tema che fa sempre riflettere. Ammettiamo anche che i media ne parlino poichè è una tematica che “tira”, ma c’è da dire anche l’argomento è di vitale importanza soprattutto per un paese che sta vivendo una grandissima crisi economica. Una delle tante cause di questa situazione finanziaria in Italia, infatti, è senza dubbio decretata anche da questo malcostume prettamente italico. E, vedendo recenti dati, anche calabrese. Un’inchiesta del “Sole 24 ore” infatti fa notare che la cinque provincie della nostra regione sono fra le prime dieci posizioni in Italia per evasione.






Soverato, convegno “La Politica Welfare”: l’assessore regionale Stillitani ha presentato il “Piano d’interventi per la famiglia”

Soverato, convegno “La Politica Welfare”: l’assessore regionale Stillitani ha presentato il “Piano d’interventi per la famiglia” - 5.0 su 5 basato su 1 voto

foto convegno_La_politica_WelfareSOVERATO – “La politica Welfare” era il titolo del convegno svoltosi ieri nella sala conferenze dell’acquario comunale di Soverato, promosso dal consigliere comunale di maggioranza dell’Udc, Salvatore Modaffari, per affrontare la materia del “Piano di interventi per la famiglia” attuato dall’assessorato regionale alle Politiche del Lavoro, della Famiglia, alla Formazione Professionale, alla Cooperazione ed al Volontariato, attraverso l’assessore Francescantonio Stllitani. Dopo l’introduzione del consigliere comunale, ing. Salvatore Modaffari, il quale ha voluto rimarcare l’importanza dell’iniziativa dell’assessore Stillitani, è stata la volta del sindaco di Soverato, Leonardo Taverniti, aprire la serie d’interventi previsti: “Sono molto soddisfatto perché vedo una platea folta ed interessata, ciò è molto importante in quanto si discute di tematiche delicate ed attuali in un momento difficile non solo per la nostra regione, ma anche per la nostra nazione. E’ inutile nascondere che viviamo un momento d’indubbia difficoltà sotto tutti gli aspetti, ragion per cui, mai come in questo momento, le iniziative intraprese a favore della famiglia, sono di fondamentale importanza.”

Successivamente, è stata la volta dell’assessore regionale Stillitani che, prendendo la parola, ha elencato tutti gli interventi previsti, con i vari bandi per la Famiglia, evidenziando come, la stessa, specialmente nel mezzogiorno, si è sempre fatta carico di un ampio compito che si potrebbe definire, sostitutivo ed integrativo del welfare. “A questo importante ruolo però – ha proseguito Stillitani – non corrisponde l’adeguatezza delle risorse pubbliche ad essa dedicata che, sommata alla crisi economica, obbliga la famiglia a operare come un ammortizzatore sociale. Il nostro obiettivo è quello di adeguarci alle regioni più evolute, per cui se con questi progetti, riusciremo a coprire il 35% dei comuni in Calabria, ed il 12% della popolazione in quel comune in cui lo stesso è attuato, avremo diritto ad un premialità pari ad un importo di 38 milioni di euro che potranno così essere successivamente reinvestiti.”

I bandi presentati sono sei: Concessione di contributi a persone e famiglie povere con persone non autosufficienti a carico, intervento a favore delle famiglie calabresi che vivono situazioni di disagio e povertà attraverso l’erogazione di prodotti per l’infanzia, Servizio di preparazione e/o consegna pasti a domicilio, Educativa Familiare Domiciliare, Interventi a sostegno degli enti iscritti nell’Albo regionale delle associazioni Familiari di auto-mutuo aiuto, Politiche di conciliazione tempi di vita e tempi di lavoro. Stillitani ha anche affermato che, tutti i cittadini che vorranno avere chiarimenti in merito ai bandi o porre domande, potranno farlo al portale www.stillitani.com che vedrà, lo stesso assessore, rispondere ai quesiti posti.

Il dott. Pasqualino Ruberto, di “Calabria Etica”, nel suo intervento, ha evidenziato la bontà dell’iniziativa che riveste ancora più importanza se si considera la congiuntura economica attuale: “La Fondazione ‘Calabria Etica’ sta lavorando in sinergia con la Regione e, di questo, devo ringraziare pubblicamente l’assessore Stillitani, la giunta ed il presidente Scopelliti per la fiducia che ci stanno dimostrando. Alcuni mesi fa, Stillitani ci riunì e disse che in un contesto economico così difficile, non ci si poteva permettere di perdere neache un euro dei fondi a disposizione per le famiglie calabresi. Noi come fondazione – ha aggiunto Ruberto – abbiamo lavorato ad una comunicazione di massa, in merito a questi bandi, per mettere tutti a conoscenza delle possibilità che offrono per le famiglie; siamo al servizio del cittadino, aiutando a compilare le domande, rispondendo al telefono per chiarire dubbi o fornire informazioni.”

Il consigliere comunale Modaffari, nel suo intervento ha evidenziato la necessità d’informare, assieme alle associazioni, agli enti ecclesiastici, sulle possibilità che si offrono alle famiglie in difficoltà per partecipare a questi bandi. “E’ necessario in comuni di periferia, identificare delle zone, come Soverato, che possano fungere da collante nella diffusione di tutte le informazioni necessarie a riguardo. Ho chiesto all’assessore Stillitani, di realizzare uno sportello per la famiglia e i cittadini in difficoltà qui a Soverato, che possa abbracciare le istanze di tutto il comprensorio. I nostri uffici preposti ai servizi sociali, hanno dovuto far fronte, in questi giorni, a centinaia di richieste relative ai bandi per l’ausilio di famiglie e cittadini in difficoltà. Le mense per i poveri un tempo era frequentate prevalentemente da extracomunitari, adesso invece c’è una folta presenza di famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese. Questo è indice di una situazione che sta diventando sempre più critica."

Erano presenti al convegno anche numerose famiglie coinvolte direttamente nella situazione di disagio che prevedono i bandi; hanno potuto porre domande e chiedere informazioni ai relatori per partecipare così ai bandi con la compilazione delle domande. 

Pietro Mosella

Finisce l'avventura della Pallavolo Catanzaro: fallimento annunciato?

La formazione_della_Catanzaro_Pallavolo_alla_gara_desordioFinisce l'avventura della pallavolo Catanzaro. Si scrive un'altra pagina nera nel libro dello sport del capoluogo che perde la compagine maschile che militava in serie cadetta. Cattiva gestione amministrativa, passaggi societari non certo indolori, difficoltà a far quadrare i bilanci: i problemi ruotano sempre attorno la sfera economica e l'incapacità di gestione di società evidentemente poco preparate. Se il 7 gennaio scorso si era annunciato un ridimensionamento nella squadra ma la sopravvivenza della stessa, passano pochi giorni a smentire i proclami e venerdì scorso arriva l'annuncia del ritiro dalla serie B2 per il team di Dario Poltronieri. L'accusa era stata lanciata ad una città che ha stentato ad avvicinarsi a questo sport anche se ci sono molteplici riflessioni da fare sull'accaduto. Se infatti qualcuno  difende l'operato societario imputando ancora alla crisi generale i fallimenti personali, più lucida è l'analisi di chi quest'avventura l'ha vissuta da protagonista fornendo il supporto, anche gratuito, al progetto poi naufragato come da previsione. Sì perchè si parla di un fallimento annunciato più volte prospettato nella scorsa annata dagli stessi tecnici giallorossi che ora confermano la poca lungimiranza nel valutare persone che "giocavano su più fronti". Difficile dall'esterno decifrare messaggi che raccontano la vita sportiva della compagine, rimane però il rammarico generale in città come in tutta la provincia di Catanzaro di  aver perso un'occasione in più per veicolare positivamente il nome della regione in campionati nazionali, rimanendo ancora una volta vittime di definizioni poco edificanti. 

Sabrina Amoroso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rinnovata intesa tra Ufficio Scolastico e Agenzia delle Entrate

logo Ufficio_scolastico_regionaleE' stato rinnovato tra la direzione regionale dell'Agenzia delle Entrate e l'Ufficio Scolastico calabrese l'accordo con il quale i due enti si impegnano a diffondere la cultura della legalita' fiscale nelle scuole attraverso incontri e visite guidate negli uffici dell'Agenzia. ''La collaborazione avviata nel 2008 - e' scritto in una nota - ha gia' prodotto 72 incontri realizzati nel 2011 che hanno visto coinvolti oltre 3.700 studenti delle scuole della regione''.

La Redazione

Non si ferma la protesta in Calabria presidi ancora attivi

Non si ferma la protesta in Calabria presidi ancora attivi - 1.0 su 5 basato su 1 voto

Presidi degli autotrasportatori ancora attivi in Calabria al quarto giorno di mobilitazione. Sono ancora fermi i tir in corrispondenza degli svincoli dell'A3 Salerno-Reggio Calabria, sulla statale 106, all'imbocco della strada Ionio-Tirreno. Mezzi pesanti parcheggiati sulla statale 18, nel cosentino e, nel catanzarese. Situazione invariata anche agli imbarcaderi di Villa San Giovanni. Sempre piu' critica la situazione per l'approvvigionamento di latte, farina e uova.LA REDAZIONE

Munizzi conferma l'inizio della stagione teatrale per fine febbraio

sonia munizziIl presidente del consiglio comunale Sonia Munizzi rassicura gli appassionati sull'inizio della prossima stagione teatrale. A seguito dell'articolo comparso lunedì scorso su Soveratiamo.com l'ex assessore alla cultura smentisce le voci che insinuano il rischio che salti la stagione comunale al teatro soveratese, parlando solo di un rinvio e non di una cancellazione. L'inizio della stagione sarebbe così previsto per la fine del prossimo febbraio, per quanto riferito da Munizzi, quando arriverà il contributo richiesto alla Provincia di Catanzaro, spiega ancora il presidente del consiglio, a causa di un problema di bilancio dell'ente. LA REDAZIONE

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa