all
Menu

Elezioni comunali, affluenza in calo

Elezioni comunali, affluenza in calo - 5.0 su 5 basato su 1 voto

Calo di votanti nella prima giornata di elezioni. Si vota per il rinnovo del consiglio comunale a Satriano e Montauro dove pare che siano diverse le assenze rispetto ai dati delle passate elezioni. Dato confermato anche da Catanzaro dove, complice una domenica importante dal punto di vista calcistico in tanti sembrano aver disertato le urne. Alle ore 12 nel capoluogo avevano votato il 13,72% degli aventi diritto al voto 6.078 uomini e 4.460 donne per un totale di 10.538 votanti. L'anno scorso alla stessa ora aveva votato il 16,44%. Si voterà fino a domani alle ore 15.00

Nel soveratese il comune con maggiore affluenza è Isca sullo Jonio dove ha votato il 17,31% contro il 13,89% della tornata precedente. Inatteso fanalino di coda Satriano, dove ha votato solo l'8,71% degli aventi diritto contro il 10,71% delle precedenti elezioni.

La Redazione

Volley, I DIV. Femminile: Super Davoli! 3-1 al C.S.G. Catanzaro Lido in gara 1 dei play-off

Volley, I DIV. Femminile: Super Davoli! 3-1 al C.S.G. Catanzaro Lido in gara 1 dei play-off - 5.0 su 5 basato su 4 voti

Davoli-CSG Cz_Lido_1SANT'ANDREA SULLO JONIO – E' stato davvero un super Davoli quello visto ieri pomeriggio al Palazzetto dello Sport di Sant'Andrea sullo Jonio nella prima sfida delle semifinali play-off contro il Centro Sportivo Giovanile Catanzaro Lido. Una grandissima vittoria delle "azzurre" per 3-1 al termine di un match superlativo, soprattutto nel quarto set, dove è stato larghissimo il vantaggio conseguito. D'altro canto, la formazione di Antonio Scarfone (detto Tonino), giunta a Sant'Andrea con soli sette effettivi, si è dimostrata comunque un valido avversario per il team di Domenico Lentini, ingaggiando un serratissimo testa a testa fino al terzo set. Una bella cornice di pubblico ha fatto da contorno a questo match, che è iniziato con questo sestetto per il Davoli: capitan Angela Ranieri e Antonella Martino in posizione di centrali, Elisa Nisticò e Lella Chiaravalloti in banda, Anna Gidari opposto, e Giada Catalogna al palleggio. Per Catanzaro Lido, che manterrà lo stesso scacchiere tattico per tutta la durata della partita, laterali offensivi Santoro ed Esposito, al centro il capitano, Tiziana Capalbo, e Rosanna Scarfone, in cabina di regia Paola Simio, e l'opposto Procopio. Inizio di gara tiratissimo, con le due formazioni in equilibrio fino ad un piccolo margine di vantaggio maturato per le padrone di casa, su cui Scarfone chiama il primo time-out, per spronare le proprie ragazze. La strigliata porta i frutti sperati per il tecnico catanzarese, perché il C.S.G. si porta sul 9-8, trascinato dalla carica del capitano Capalbo. Le "azzurre", però, si rialzano, e si riportano sopra, 11-10, ma le "blu" catanzaresi non ci stanno e, complici alcune disattenzioni in fase di ricezione delle prime, ribaltano nuovamente la situazione sul 15-20. Lentini, a questo punto, chiama il time-out, e dopo pochi minuti manda in campo Mara Ranieri per Gidari: c'è una piccola ripresa, ma il set viene comunque conquistato dalle ospiti. Nel secondo set, rientra Gidari per Mara Ranieri, ma altri piccoli errori per Davoli convincono coach Lentini a gettare nella mischia la "veterana" Mina Scarcella, che sostituisce Angela Ranieri; l'esperta numero 49 suona la carica, e trascina la squadra davolese. Sul 9-8, si riaccende la disputa, in cui sono molti i testa a testa tra i due sestetti, che si sfidano colpo su colpo quasi fosse una sfida di ping-pong, facendo divertire il pubblico presente. Davoli che si lancia verso l'1-1, ma il C.S.G. ci prova in tutti i modi per strappare lo 0-2, dopo l'ace di Procopio che vale il 23-21 ma, in un crescendo di emozioni, Scarcella realizza il 25-23 per l'1-1, tra l'entusiasmo generale. Si arriva al terzo set, con Scarcella titolare al posto di Angela Ranieri, e Chiaravalloti divenuta capitano. Le catanzaresi partono bene, anche se poi vengono raggiunte. Si gioca sullo stesso livello, ed entrambi gli allenatori si scatenano sulle proprie panchine per dare i suggerimenti alle proprie ragazze, segno di grande importanza del match per l'alta postaDavoli-CSG Cz_Lido_2 in palio. La tensione, arrivata alle stelle, viene alimentata da strane decisioni arbitrali che finiscono con lo scontentare entrambe le squadre. Nella fase decisiva del match, ecco l'episodio più spettacolare ed incredibile dell'intera partita: sul 23-21, Lella Chiaravalloti realizza il punto numero 24 con...il piede! Grandissima e giustificata esultanza nel "clan azzurro", tra squadra e tifosi, e set conquistato subito dopo. Nel quarto parziale si decide definitivamente il match, con una partenza strepitosa del Davoli che prima si porta sul 5-0, poi addirittura sul 15-1 (parziale di 10-0!) , grazie ad una "mitragliata" di punti, salutata dalla festa del pubblico sugli spalti, e dalla splendida performance dell'intera squadra, "panchinare" incluse, brave ad incitare le compagne in campo. Catanzaro Lido annichilito e finito in tilt, che non ha potuto nulla contro l'impressionante prova di forza del Davoli in questo parziale, in cui c'è da registrare anche "l'auto-punto" di Rosanna Scarfone. Capalbo e compagne, però, reagiscono per ridurre il pesante passivo (21-10), ma Davoli decide che è il momento di chiudere la contesa; le "azzurre" lo sanno, ed infatti Chiaravalloti e compagne realizzano i rimanenti punti, con cui si portano in vantaggio nella serie. Migliori in campo (e fuori) nel Davoli...tutta la squadra; la vera forza è il gruppo, tutti insieme (giocatrici, allenatore e dirigenza) remano dalla stessa parte, e i risultati si vedono. Nota di merito anche per il pubblico, che ha sostenuto la squadra nel momento giusto, aiutandola a conquistare il successo. Per il C.S.G., bella prestazione per capitan Capalbo, Simio e la schiacciatrice Santoro. Domenica prossima, gara 2 a Catanzaro Lido, nella palestra della Scuola Media "Casalinuovo", per un match che si preannuncia infuocato. Inizio previsto per le ore 19,30.

Francesco Gioffrè

 

ASD PALLAVOLO DAVOLI  3

CENTRO SPORTIVO GIOVANILE CATANZARO LIDO 1

(18-25 ; 25-23 ; 25-21 ; 25-10)

PALLAVOLO DAVOLI: Catalogna, Chiaravalloti, Ranieri A. (K), Martino, Nisticò, Gidari, Ranieri M., Scarcella, Mongiardo, Corasaniti, Daniele, Frustagli. All. Lentini.

C.S.G. CATANZARO LIDO: Simio, Santoro, Esposito, Capalbo (K), Scarfone R., Procopio, Caliò. All. Scarfone A.

ARBITRI: Mazza di Gimigliano e Ferrise di Lamezia Terme.

Calcio a 5 C2, play-off: al Soverato non riesce l'impresa, il Belvedere in finale

Atl.Belvedere-Calcio a_5_Soverato_semifinale_ritornoBELVEDERE – Non riesce l'impresa al Calcio a 5 Soverato che torna sconfitto con "l'onore delle armi" da Belvedere per 8-6 e dice addio ai play-off al cospetto del più quotato Atletico Belvedere (in foto le due squadre ad inizio gara), dimostratosi oltre che ostico, anche più esperto e preparato a questi importanti appuntamenti. Il 2-4 subito nella semifinale d'andata al "Pala Scoppa" da Lanciano e compagni dunque, non è stato ribaltato, e i soveratesi, pur disputando una buona gara, alla fine si sono dovuti arrendere chiudendo comunque a testa alta la loro prima stagione in serie C2. Il match parte subito con i padroni di casa che prendono in mano il pallino del gioco ma, il Soverato, alla prima ripartenza punisce i locali andando a bersaglio con Parisi. Il Belvedere, da grande squadra qual è, non s'intimorisce e perviene subito al pareggio con una punizione di Ribeiro. I locali vogliono mettere al più presto in cassaforte il discorso qualificazione e, continuano il loro forcing che, gradualmente, scalfisce la resistenza del Soverato. Barbuto, ancora Ribeiro e Spinelli, vanno a bersaglio in pochi minuti; la tripletta subita, stordisce i soveratesi che vanno al riposo sotto 4-1. Nel secondo tempo, c'è subito la reazione degli ospiti che siglano il secondo goal con Celia; l'Atletico Belvedere però risponde prontamente con una rete di Franco che porta il risultato sul 5-2. Il Soverato non demorde ed accorcia nuovamente con Celia, portandosi poi ad una sola lunghezza di distanza con la marcatura di Voci prima che nuovamente Franco porti i locali sul 6-4. La qualificazione a questo punto è ormai in tasca per il Belvedere; il Soverato si riversa nella metà campo ospite e, inevitabilmente, si espone alle letali ripartenze dei padroni di casa che allungano ulteriormente ipotecando anche la vittoria del return-match portandosi sul punteggio di 8-4. Gli jonici però, onorano sino alla fine la gara, trovando nel finale due reti ancora col centravanti Celia (poker per lui) che fissano il punteggio definitivo di 8-6 e rendono meno pesante la sconfitta. Alla fine applausi meritati per l'Atletico Belvedere che corona una grande stagione approdando alla finale play-off; per il Soverato rimane la soddisfazione di essersi meritato l'appellativo di "matricola terribile" del campionato. La formazione del presidente Santise, dopo aver disputato questa buonissima stagione, può guardare al futuro con maggiore fiducia e rinnovata ambizione.

Pietro Mosella

Regione: la Giunta ha approvato il Piano della Performance 2012-2014

logo regione_CalabriaLa Giunta regionale ha approvato il Piano della Performance 2012-2014. Si tratta di un documento programmatico, di durata triennale, in cui la Regione Calabria esplicita i propri impegni nei confronti dei cittadini e, più in generale di tutti i portatori di interesse (stakeholder), e in cui vengono fissati gli obiettivi su cui si basa la misurazione e la valutazione delle prestazioni della stessa amministrazione e la capacità di soddisfare i bisogni della collettività. L’obbligo di assumere obiettivi misurabili su varie dimensioni di performance dell’ente quali l’efficienza, la customer satisfaction, la modernizzazione e la qualità delle relazioni con i cittadini costituisce una delle sfide principali introdotte dal D.Lgs.n. 150/2009 (riforma Brunetta) che pone il cittadino al centro della pianificazione dell’azione amministrativa. La Regione Calabria, con la Legge Regionale n. 3 del 2012, ha compiuto ulteriori passi per favorire l’adeguamento della normativa regionale ai principi fondamentali contenuti nel decreto intervenendo sul sistema di ottimizzazione del lavoro e di modernizzazione dei controlli interni. In questo rinnovato scenario si rivela fondamentale il ruolo dell’Organismo indipendente di valutazione della performance che garantisce la definizione e l’implementazione dei sistemi di valutazione. Il documento approvato dalla Giunta regionale, diventa quindi, a tutti gli effetti uno strumento per migliorare il coordinamento della struttura organizzativa, potenziare i meccanismi di comunicazione, individuare le attese favorendo l’effettiva trasparenza ed efficienza dell’azione dell’Ente. 

Ufficio stampa Giunta regionale


 

Sanità: Screening del colon retto per oltre 18 mila persone nel soveratese

ospedale di_SoveratoCATANZARO - L'Asp di Catanzaro, come anticipato nel convegno svoltosi lo scorso 16 aprile a Soverato, ha avviato il progetto per lo screening per la prevenzione del cancro del colon retto.  Sono 18.717 le persone coinvolte nel programma di screening del colon retto nel soveratese. Il programma, condotto dal Centro screening aziendale, diretto dalla dott.ssa Maria Paola Montesi, riguarda la popolazione tra i 50 e 60 anni d'età. Le persone che rientrano nel programma di screening stanno ricevendo in questi giorni una lettera con la quale vengono invitate a sottoporsi ad un test gratuito che serve per ricercare il sangue occulto nelle feci. 

La Redazione

Volley A Femminile: in atto la riforma dei campionati

logo Lega_Volley_FemminileSOVERATO - Il campionato di Volley di serie A2 femminile è appena terminato e, mentre si disputano le semifinali play-off (Casalmaggiore-Santa Croce e Loreto-Crema) per decretare la seconda squadra promossa in A1 che farà compagnia a Giaveno, è già tempo di pensare alla prossima stagione, con la riforma dei campionati in atto. Giovedì scorso ha avuto esito positivo l'incontro tra Fipav e Lega Pallavolo Serie A Femminile per mettere a punto le strategie di riforma dei campionati di serie A1 e A2 e le condizioni di ammissione ai prossimi campionati. Le novità deilla prossima stagione, riguarderanno quindi anche la società dell'Assitur Volley Soverato che, dopo aver concluso positivamente il campionato con uno "storico" settimo posto, si dovrà adeguare alle nuove normative per allestire un roster che, come più volte ribadito dal presidente Matozzo, dovrà tentare di entrare nei play-off. Di seguito, riportiamo il testo integrale pubblicato sul sito della Lega Pallavolo Serie A Femminile in cui vengono esposte le novità che riguardano la riforma dei campionati:

Riforma campionati: concluso positivamente accordo con Fipav. Fabris: "Siamo molto soddisfatti"

Si è svolto oggi a Roma l'incontro conclusivo tra Lega Pallavolo Serie A Femminile e Fipav sul tema della riforma dei campionati di Serie A1 e A2 e delle condizioni di ammissione ai prossimi campionati. Base del confronto sono stati i rispettivi documenti predisposti da Fipav e Lega (che ha portato il documento approvato all'unanimità dall'Assemblea il 12-13 marzo scorsi). "Siamo giunti ad una conclusione" ha dichiarato il Presidente di Lega Pallavolo Serie A Femminile Mauro Fabris "per noi molto positiva. Vogliamo ringraziare la Federazione per l'apertura dimostrata rispetto alle richieste avanzate dai club i quali, a fronte della crisi economica generale che sta penalizzando anche il mondo dello sport, avevano chiesto di liberalizzare alcune norme penalizzanti per le società".

Nello specifico l'intesa raggiunta, che dovrà essere ratificata dal Consiglio Federale di domani, tra altri punti qualificanti, prevede:

Atlete italiane in campo e utilizzo straniere under 22

- in merito all'utilizzo di atlete straniere under 22, la Fipav concederà alla Lega una quota di 30 atlete straniere over 19-under 22 da gestire in favore dei club di A1 e A2 senza alcun vincolo di schierare contemporaneamente in campo un'atleta under 22 italiana;

- in considerazione dell'intero progetto di sostegno alla crescita delle giovani italiane e delle società, l'obbligo di partecipazione di atlete italiane sempre in campo nella Serie A1 sarà portato a 4 su 7 a partire dalla stagione 2014/15;

Blocco mercato a gennaio per società inadempienti e fidejussioni a garanzia

- blocco dei tesseramenti nella finestra di mercato di gennaio per tutte le squadre, di Serie A1 e A2, non in regola con i pagamenti delle atlete al 30 novembre di ogni anno;

- le società di Serie A1 dovranno sottoscrivere a garanzia una fidejussione di euro 70.000,00 in favore dei propri tesserati, mentre per le società di Serie A2 la fidejussione sarà di euro 35.000,00;

Serie A2

- le società partecipanti al campionato di Serie A2 2012/2013 dovranno elevare il proprio capitale sociale a Euro 60.000,00 entro il 31 dicembre 2012;

- le società neopromosse dalla B1 in sede di iscrizione al Campionato di Serie A2 dovranno presentare la liberatoria che dimostri che si è ottemperato al pagamento del 100% di quanto dovuto ai tesserati;

- per il Campionato di A2 2012/13 è previsto ripescaggio o reintegro in caso di rinuncia o mancata iscrizione di società aventi diritto soltanto per raggiungere il numero di 14 o 16 squadre; qualora tutte le 17 società aventi diritto dovessero essere ammesse al campionato, non si procederà comunque ad alcun ripescaggio e il campionato si disputerà a 17 squadre;

- nel Campionato di A2 2012/13 viene introdotto l'obbligo della limitazione delle atlete Over nella misura di massimo 4 atlete (italiane o straniere) nella stagione 2012/13 (nate negli anni 1983, compreso, e precedenti) e massimo 3 atlete (italiane o straniere) nella stagione 2013/14 (nate negli anni 1984, compreso, e precedenti);

- incentivi per le società virtuose che porgono attenzione all'attività giovanile attraverso premi economici e di classifica dal Campionato di Serie A2 2013/14 in base all'attività svolta nella stagione 2012/13. I premi per la classifica varranno solo nel caso di permanenza in Serie A2 mentre non potranno essere utilizzati in caso di promozione in Serie A1.

Il Presidente di Lega Pallavolo Serie A Femminile, Mauro Fabris, ha concluso: "Dopo sei mesi di lungo e franco confronto, sono sicuro che l'intesa raggiunta con la Federazione consentirà ai nostri club di affrontare con maggiore serenità i futuri campionati che, sono convinto, riusciranno a mantenere alto il livello di attenzione e entusiastica partecipazione che abbiamo registrato nella stagione che si sta concludendo. Porteremo così all'Assemblea di tutte le società che si svolgerà lunedì a Milano, accanto ai risultati più che soddisfacenti per quanto riguarda i campionati 2011/12 e il bilancio economico di Lega, anche questa positiva intesa con la Fipav".

Catanzaro-Giulianova: il conto alla rovescia è cominciato

catanzaro curvaChi in questi giorni ha avuto modo di camminare per le strade di Catanzaro non ha potuto essere indifferente ad una strana sensazione di euforia, attesa e voglia di partecipazione alla vita della città. Non è la primavera con i primi caldi dell'anno. Non è la tornata elettorale che vede fronteggiarsi il vecchio e il nuovo per la poltrona di sindaco dopo la deludente e inaspettata ritirata del “più amato dai Catanzaresi”, l'onorevole Traversa. Domenica di scena al "Ceravolo" ci sono le Aquile e in palio c'è la tanto attesa, quanto inaspettata promozione, e questo basta per spiegare il tutto. I numeri della squadra del duo Cozza-Cosentino a 90 minuti dalla conclusione di questo campionato sono impressionanti: punteggio in classifica, uomini andati a rete, imbattibilità, reti segnate, bilanci societari corretti e, udite-udite, regolarità nei pagamenti dei giocatori. Solo un numero mancava in questo catalogo delle meraviglie e riguardava il sold-out al "Ceravolo" ed anche questo è arrivato: domani più di ottomila tifosi avranno l'onere e l'onore di accompagnare il "Magico" nell'ultimo metro della sua folle corsa verso il trionfo. Tuttavia i tifosi potevano e dovevano essere molti di più se, di mezzo, non si fossero messi la consueta incompetenza amministrativa e il pressapochismo tecnico-professionale nella realizzazione dei lavori di completamento della tribuna stampa che rendono inagibile a più di un anno dall'inizio dei lavori il settore dei Distinti. Duemila persone non potranno assistere ad un evento così tanto atteso. La società US Catanzaro, per i mancati introiti e i tifosi, per essere rimasti fuori, sentitamente ringraziano...
Durante il fine settimana la città sarà popolata come nei giorni di festa in cui fanno ritorno a casa centinaia di emigranti che giungeranno questa volta non per sedersi con le loro famiglie a ricche tavolate in festa ma a prendere posto sui più salutari spalti del "Ceravolo" e correre il rischio di abbracciare lo sconosciuto a fianco alla prima rete dei Giallo-Rossi. Per l'occasione Cozza riesce a svuotare la sua infermeria e a recuperare quasi tutti gli acciaccati che hanno trasformato la partita contro il Fondi di domenica scorsa in una collettiva seduta fisioterapica. Il compito per i Giallo-Rossi tuttavia non sarà tra i più semplici. Non soltanto avranno il dovere di interpretare la partita di domenica nella stessa identica maniera con cui hanno combattuto tutte le altre battaglie, senza tatticismi e con la consueta voglia di vincere, ma, cosa più ardua, riuscire a mantenersi freddi di fronte allo spettacolo che gli si presenterà uscendo dal tunnel degli spogliatoi osservando gli spalti gremiti e pieni di colori. Vorremmo essere nei loro occhi in quel momento per gustare anche noi la giusta ricompensa per degli atleti che adesso hanno la fortuna di giocare al "Ceravolo" di fronte ad un pubblico che li ama.
Signore e Signori, silenzio in sala, che il sipario si alzi.

Alessandro Alì

Volley C maschile: la Fusion Soverato fa visita al Catona

Fusion Soverato_a_raccoltaSOVERATO – Ventiseiesima giornata del campionato di serie C maschile ed impegno esterno per la Fusion Volley Soverato che, domani pomeriggio alle ore 18, renderà visita alla formazione del Graphic Neon Catona. Il sestetto jonico, vicino ormai alla salvezza (9 punti di vantaggio da difendere in queste ultime cinque gare), ha la possibilità di compiere il passo definitivo, affrontando una squadra che conta solo due punti in più in classifica dei soveratesi. Entrambe le compagini sono reduci da due nette sconfitte: la Fusion ha ceduto nettamente in casa, sabato scorso, alla Donrusso Cetraro, quarta forza del torneo, mentre il Catona è stato sconfitto sul parquet della vice-capolista Castrolibero. Sarà dunque una sfida equilibrata quella che si disputa domani pomeriggio alla Palestra comunale di "Via Regina Elena" di Catona, con i soveratesi che cercheranno di far punti per tornare a muovere la classifica. L'obiettivo di Mazzarelli e compagni, in questo ultimo scorcio di stagione, è quello di chiudere nel migliore dei modi dopo un anno tribolato che servirà da esperienza per la prossima stagione. Con l'obiettivo salvezza ormai a portata di mano, il sodalizio della presidentessa Daniele, può iniziare a programmare il prossimo futuro e, in tal senso, queste ultime cinque gare, potrebbero fornire delle indicazioni importanti. Non resta quindi che cercare di ottenere un risultato positivo visto che la vittoria esterna manca da un po' di tempo.

Pietro Mosella

Rassegna Stampa del 05/05/2012

rassegna stampa

www.gazzettadelsud.it

Nuovo attentato a Lamezia Terme, ordigno contro pizzeria

Un nuovo attentato e' stato compiuto in pieno giorno a Lamezia Terme. Oggi e' stata presa di mira la pizzeria ''La furfantella'', in una zona centrale. Ignoti, dopo essere passati dal giardino di una vicina parrocchia, hanno tagliato la plastica della veranda e hanno gettato all'interno un ordigno a basso-medio potenziale. Indaga la polizia. Un episodio analogo si e' verificato ieri, quando un ordigno e' stato fatto esplodere davanti ad uno studio fotografico.

Arrestata nel Cosentino la donna che ha ucciso marito e figlia

E' stata arrestata dai carabinieri Domenica Ruggiano, la donna di 54 anni che ha confessato di avere ucciso a Villapiana (Cosenza) il marito Vincenzo Genovese, di 67, e la figlia Rosa, di 26. L'arresto è stato fatto in esecuzione di un provvedimento emesso dal gip del tribunale di Castrovillari su richiesta della Procura. Il fatto di sangue e' avvenuto il 27 aprile. La donna aveva ammesso di essere stata lei ad assassinare marito e figlia, aggiungendo di avere tentato il suicidio.

 

www.ilquotidianocalabria.it

Depurazione, ad un mese dall'estate la Regione cambia le regole

Dodici anni trascorsi, almeno 461 milioni di euro spesi e l’immagine della Calabria abbinata sempre più a quelle chiazze dall’odore insopportabile. E con due infrazioni contestate dalla Corte di giustizia europea che, nel 2005 e nel 2009, ha avviato una procedura nei confronti di una regione dove persino i collettamenti fognari sono ancora, in molte realtà, solo un’utopia. E’ la Calabria degli sprechi, quella in cui i soldi ci sono, ma o vengono sperperati o restano chiusi nei cassetti, in attesa che qualche funzionario possa uscire dalla fase burocratica per trasformare quelle banconote in opere concrete.In questo contesto, la ricetta illustrata dal presidente Giuseppe Scopelliti, affiancato dall’assessore regionale Francesco Pugliano e dal direttore generale Bruno Gualtieri prevede una svolta dal punto di vista pratico. In una conferenza stampa che si è svolta a Catanzaro, la Regione ha presentato la nuova idea sul settore. Una tariffa unica, onnicomprensiva, pari a 0,22 euro a metro cubo per tutti i servizi riferiti alla depurazione, compreso energia elettrica, smaltimento fanghi e manutenzione straordinaria. E poi la regola che riguarda il monitoraggio: i pagamenti alle ditte saranno effettuati solo sulla base della conformità delle acque; se le analisi sono buone arriveranno i soldi, con giudizio medio scatteranno le penali, con dati negativi non potrà essere preteso il pagamento del servizio.Scopelliti ha ribadito che, attraverso il Piano nazionale per il Sud, la programmazione della Regione «è un impegno corposo, riteniamo che con queste risorse si possa riuscire ad affrontare in maniera seria i problemi della bonifica e della depurazione. Non risolviamo tutti i problemi della Calabria - ha concluso – ma diamo una risposta importante, perchè abbiamo agito con uno studio dettagliato e puntuale rilevando tutte le infrazioni che erano state mosse dalla Corte di giustizia europea».

Truffa alla 488, denunciate dodici persone e sequestrati immobili e conti correnti

La Guardia di finanza di Cosenza ha sequestrato immobili e denunciato per truffa aggravata dodici persone, tra cui tre funzionari bancari e un ex funzionario dell’Agenzia delle entrate. Le fiamme gialle del nucleo di polizia tributaria hanno eseguito un provvedimento del gip di Rossano con il sequestro di immobili e di disponibilità bancarie per l’equivalente di 200mila euro nei confronti di due coniugi imprenditori della città ionica, titolari della ditta "Antica Fattoria Malvitano" operante nel settore turistico-alberghiero. Ai due, uno dei quali destinatario della misura cautelare personale dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, viene contestato il reato di truffa aggravata in relazione al percepimento di fondi garantiti dalla legge 488/92 per due progetti relativi alla realizzazione di altrettanti nuovi impianti: l’Hotel San Nilo e l’agriturismo "Antica Fattoria Malvitano", per circa 110mila euro per spese ammesse pari a circa 700mila euro. Le attività investigative di polizia economica e finanziaria hanno permesso di accertare come i coniugi imprenditori, per ottenere l’erogazione dell’agevolazione, con artifici e raggiri avrebbero utilizzato referenze bancarie rilasciate da due funzionari di un istituto di credito della provincia di Cosenza, attestanti credenziali finanziarie e bancarie di fatto inesistenti, così da indurre in errore la banca concessionaria incaricata dell’istruttoria dal Ministero.

 

portale.calabriaora.it

«Vi faremo saltare in aria» Minacce di morte a Ruello e Musella di Rifermineti

Una lettera anonima contenente minacce di morte per Adriana Musella e per il testimone di giustizia, Nello Ruello, rispettivamente presidente e referente per la provincia di Vibo Valentia del coordinamento antimafia Riferimenti, è stata recapitata nella sede dell'associazione a Reggio Calabria. A darne notizia è la stessa associazione. «La lettera, spedita da Lamezia Terme - riporta un comunicato - è scritta in stampatello e riporta la seguente frase "Vi faremo saltare in aria voi e le famiglie. Via da Limbadi"». Nella sede del coordinamento sono intervenuti gli esperti della polizia scientifica e gli agenti della squadra. La missiva è all'esame degli inquirenti. «C'è da aggiungere - è riportato ancora nella nota - che proprio a Limbadi sono stati assegnati al coordinamento Riferimenti i beni della famiglia Mancuso. In alcuni di essi, su progetto finanziato dal Pon Sicurezza per tre milioni di euro,dovrebbe sorgere l'Università dell'antimafia. Si tratta di due fabbricati e due ville i cui lavori sono stati bloccati prima di iniziare con una richiesta di perizia suppletiva».

 

 

Chiusa la campagna elettorale. A Catanzaro "sfida a tre"

CATANZARO - Questa volta Salvatore Scalzo è convinto di arrivare fino in fondo. Il giovane candidato a sindaco (29 anni) che il Pd mette in campo a Catanzaro ha l’ambizione di riportare il centrosinistra al governo del capoluogo calabrese. Non sarà un’impresa semplice perché dall’altra parte il Pdl e i suoi alleati hanno deciso di puntare tutto sull’ex primo cittadino Sergio Abramo che è ricordato a queste latitudini per aver conquistato la rielezione a sindaco (nel 2001) con oltre il 70% dei consensi. I panni del terzo incomodo li veste Pino Celi, ex presidente provinciale dell’Associazione costruttori edili (Ance) che guida una coalizione di area moderata di cui fanno parte Udc, Fli, Mpa e liste civiche.
AL VOTO DOPO UN ANNO - A Catanzaro si ritorna a votare a distanza di solo un anno, dopo le dimissioni del sindaco-parlamentare pidiellino Michele Traversa. L’ex aennino (vinse al primo turno su Scalzo), infatti, costretto dopo la sentenza della Corte costituzionale a sciogliere l’incompatibilità tra il ruolo di parlamentare e quello di sindaco, ha optato per il primo incarico. Una decisione, quella di Traversa, adottata dopo aver constatato le difficoltà finanziarie dell’ente e il rapporto conflittuale creatosi con il Consiglio comunale, controllato da altre correnti del centrodestra. Le dimissioni del sindaco hanno portato allo scioglimento della massima assemblea cittadina e alla nomina di un commissario prefettizio che ha il compito di gestire la situazione a Palazzo de Nobili fino all’arrivo del nuovo primo cittadino.

CATANZARO CROCEVIA - Al di là del risultato finale, le elezioni amministrative di Catanzaro segneranno un punto di cesura nella storia politica calabrese. La scelta dell’Udc di rompere il patto di ferro con il Pdl (grazie al quale si regge la maggioranza alla Regione) e costruire una coalizione autonoma dai berluscones ha avuto l’effetto di rendere ancora più elettrizzante una competizione che si annuncia molto incerta. Appare evidente che il voto catanzarese segnerà uno spartiacque anche nella rimodulazione degli assetti politici calabresi. Per non uscire ridimensionato, il governatore Peppe Scopelliti (Pdl) si trova a costretto a vincere una partita che fino a pochi mesi addietro non pensava nemmeno di giocare.

GLI ALTRI CANDIDATI - Completano il quadro degli aspiranti-sindaco Elio Mauro e Antonio Carpino. Il primo, agente di commercio, spinto da una lista civica, non è nuovo a questo tipo di esperienze avendo ricoperto in passato (proprio con Abramo sindaco) il ruolo di assessore comunale. Il secondo, medico di professione, rappresenterà il Partito comunista dei lavoratori.

Antonio Ricchio

corrieredellasera.it

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa