all
Menu

“Orfeo e Uridice – amore immortale”: il musical di Andrè De La Roche in scena al Teatro comunale di Soverato

“Orfeo e Uridice – amore immortale”: il musical di Andrè De La Roche in scena al Teatro comunale di Soverato - 5.0 su 5 basato su 2 voti

locandina musicalSOVERATO – Un grande evento teatrale animerà la città di Soverato; si terrà, infatti, presso il Teatro comunale della "perla dello jonio", il musical "Orfeo e Uridice – Amore immortale", diretto dal noto ballerino-coreografo Andrè De La Roche (foto 2). Lo spettacolo, che è andato in scena il 25 e 26 gennaio al Teatro "Augusteo" di Salerno, ha riscosso un grande successo nella città campana, e a Soverato c'è dunque grande attesa. Il musical verrà proposto in due "tranches" nella stessa data, il 16 febbraio; una "matinè", per i ragazzi delle scuole, prevista alle 10,30, mentre lo spettacolo serale è in programma per le ore 21,00, rivolto al pubblico. Realizzato e prodotto dallo Studio musicale "La Via dei Canti" di Salerno, in collaborazione con il "Liceo Coreutico Musicale" di Satriano, il Musical è interamente originale, se si esclude il tema, basato per l'appunto sull'antico mito di "Orfeo ed Euridice" in una libera rivisitazione che prevede un colpo di scena al termine. La trama narra della storia d'amore tra Orfeo ed Euridice e del Fato che, incurante e spietato, e nel ruolo di "terzo incomodo", si avventa sulle loro vite. Lo spettacolo narra anche vicende soprattutto musicali, essendo Orfeo un eccezionale cantore e suonatore di lira, che sfrutta al meglio questa carta grazie al suo incredibile talento. E' la forza dell'amore tra i due protagonisti principali il fulcro della storia, e con questo amore Orfeo sarà capace di suonare una musica talmente sublime da far commuovere tutta la natura, condizionandone addirittura la volontà degli Dei, perché non è un semplice amore, bensì un amore talmente intenso da "sfidare la morte e sovvertire il destino", e da qui la definizione di "amore immortale"Andre De_La_Roche presente nel titolo. Saranno impegnati 16 giovani artisti, suddivisi tra 10 ballerini e 6 cantanti, diretti egregiamente da esperti professionisti, tra cui spicca il famosissimo Andrè De La Roche, noto al pubblico italiano per essere stato coreografo e ballerino in diverse trasmissioni televisive di Rai e Mediaset, come per esempio "Sotto le stelle", "Saluti e baci", "Bucce di banana" e "Champagne". Fanno parte del cast di "Orfeo e Uridice – un amore immortale" , inoltre, il ballerino-coreografo Luigi Fortunato, il costumista d'opera e cinema Gaetano Santucci, gli scenografi Vincenzo Giannantonio e Yousef Rahati Nover, e infine il grande tenore, Alessandro Fortunato, autore e compositore di tutti i testi e le musiche del Musical, o, come lui stesso la definisce, della "Pop Opera". La grande forza di questo spettacolo risiede nella sublime composizione musicale dal lieve tocco operistico, caratterizzata da incantevoli melodie ed intense orchestrazioni, alle quali si aggiungono splendide coreografie che, oltre a rafforzarne la narrazione, danno il massimo risalto all'azione drammatica. Il tutto è, infine, equilibrato dall'incredibile lavoro di regia messo appunto dal grande André De La Roche, la cui direzione conferisce allo spettacolo una perfetta armonia delle parti, nonché un'imperdibile magia, e sicuramente grandissimo prestigio vista la sua fama. Con l'utilizzo dello strumento "Musical" , è possibile far vivere una storia di amore leggendaria, unendo anche due elementi imprescindibili dello spettacolo, come la danza e la canzone e, nel periodo in cui gli innamorati festeggiano San Valentino, lo spettacolo che verrà proposto calza proprio a pennello, e vuole inoltre rappresentare un'opportunità per accrescere la propria cultura, rivolgendosi ad un pubblico variegato, tra cui i giovani studenti dei licei soveratesi, che assisteranno allo spettacolo "nell'edizione Matinè" delle 10,30.

Francesco Gioffrè

Pericoloso latitante rumeno arrestato a Botricello

CARABINIERI-1Neagu Gherghe di anni 30, ricercato per gravi lesioni e tentato omicidio commesso in Romania, è stato rintracciato oggi a Botricello dai Carabinieri. Dopo la notifica del mandato di cattura internazionale il criminale è stato condotto nel carcere di Siano.

La Redazione

Guardavalle, a breve la consegna dei lavori per i danni alluvionali

Guardavalle, a breve la consegna dei lavori per i danni alluvionali - 4.0 su 5 basato su 1 voto

GuardavalleIl prossimo mercoledì 15 febbraio, alle ore 11,30 presso il Municipio di Guardavalle, il presidente della Provincia di Catanzaro, Wanda Ferro, consegnerà i lavori di ripristino danni alluvionali della sp 143 Guardavalle-Elce della Vecchia e i lavori di ripristino dell'officiosità idraulica del torrente Patella - ponte San Rocco. All'incontro parteciperanno, oltre al presidente Ferro, l'assessore provinciale Nicola Montepaone, assessori e consiglieri provinciali, il sindaco di Guardavalle Giuseppe Tedesco.

Crolla una parte della Certosa di Serra San Bruno (Foto)

Crolla una parte della Certosa di Serra San Bruno (Foto) - 5.0 su 5 basato su 3 voti

certosa serraSERRA SAN BRUNO - A causa delle grandi nevicate di questi giorni, una parte della Cappella Minore della Certosa di Serra San Bruno è crollata sotto il peso della neve. Al momento del crollo la cappella era deserta, e quindi non ci sono stati feriti, ma i danni materiali sono ingenti, considerato il grande valore storico ed artistico del sito religioso serrese.

Qui in basso le foto di soveratiamo.com

 

La Redazione

 

 

 

 

 

vvcrollocertosa1

 

 

 

 

 

 

 

 

 

vvcrollocertosa2

Maltempo: neve e temperature rigide in Calabria

neve in_SilaCATANZARO - Il maltempo la fa da padrone anche in Calabria con temperature rigide e nevicate in diverse zone della regione. Dopo le piogge degli ultimi giorni sulla costa jonica catanzarese, la neve è tornata a cadere su Cosenza, al momento comunque, non sono segnalati particolari disagi. A Rende, invece, il sindaco ha deciso di chiudere le scuole. Nevischio, di pochi millimetri, sta cadendo anche su Vibo Valentia, ma senza creare problemi. In Sila (in foto), pur non nevicando attualmente, la temperatura, nella notte, ha raggiunto i -11. Stamane il termometro segna invece  6 gradi sotto lo zero. Gelo e temperature rigide anche nei capoluoghi di Provincia: 1,6 gradi a Cosenza, 1,2 a Vibo Valentia, 4,2 a Catanzaro, 4,2 a Crotone e 6,7 a Reggio. Nelle Serre, abbonadanti nevicate così come nei paesi interni del catanzarese. A Serra San Bruno, nella giornata di ieri, una porzione di tetto della Certosa è crollata per il peso dellla neve sovrastante.

La Redazione

Lucio Dattola è il nuovo presidente di "Unioncamere Calabria"

Lucio Dattola è il nuovo presidente di "Unioncamere Calabria" - 1.0 su 5 basato su 1 voto

Lucio Dattola_presidente_regionale_UnioncamereCATANZARO - E' Lucio Dattola (in foto), presidente della Camera di Commercio di Reggio Calabria e vicepresidente nazionale di "Retecamere", il nuovo presidente di "Unioncamere Calabria". Dattola, rimarrà in carica per il prossimo triennio, ed è stato eletto all'unanimità dalla Giunta camerale regionale. Vicepresidente regionale invece, è Vincenzo Pepparelli, neo presidente della Camera di Commercio di Crotone. ''Lavoreremo in modo alacre per valorizzare le imprese e per dare loro risposte concrete'', questo il primo commento del neo presidente.

La Redazione

L'ufficio vaccinazioni dell'ASP ospitato dal Comune di Soverato

L'ufficio vaccinazioni dell'ASP ospitato dal Comune di Soverato - 5.0 su 5 basato su 2 voti

asp czSOVERATO - Da qualche settimana l'utente che dovesse sottoporre il proprio neonato, o il proprio bambino, a quelle che sono definite come le vaccinazioni obbligatorie e facoltative dei primi anni di vita, non troverà più il servizio presso i locali di Piazza Casalinuovo, dove permangono tutte le altre strutture dell'ASP, ma dovrà recarsi presso il Comune di Soverato. Un cartello scritto con un pennarello rosso, attaccato al portone del palazzo prospiciente Piazza Casalinuovo, che ospita molti degli uffici del distretto soveratese, avverte che l'ufficio vaccinazioni si è trasferito al primo piano del Comune di Soverato, ed è lì che viene effettuato il servizio. Pensiamo che tale spostamento sia dovuto ad una scelta strutturale, ovvero la ricerca di locali più idonei per un servizio così importante, e quindi che anche tale trasloco temporaneo a Palazzo di Città, sarà certamente di breve durata. Intanto ci preme evidenziare tale spostamento, a favore dell'elevato numeri di utenti interessati al servizio, ed indicare qui sotto il numero per le prenotazioni (il numero di telefonia fisso non è attivo e quindi bisogna chiamare il cellulare dell'azienda) e i nuovi orari di ricevimento.

Corrado Corradini

Noi Soveratiamo

 

Ufficio Vaccinazioni ASP di Catanzaro - Distretto di Soverato

per le prenotazioni

366 7603478

orario ricevimento

(gli uffici si trovano temporaneamente al primo piano del Comune di Soverato)

dal lunedì al venerdi

dalle ore 9 alle ore 12

 

 

Scopelliti, Bruno e Bevilacqua: "No alla soppressione degli uffici giudiziari calabresi"

Scopelliti, Bruno e Bevilacqua: "No alla soppressione degli uffici giudiziari calabresi" - 3.0 su 5 basato su 1 voto

aula di_tribunaleLAMEZIA TERME - Il Presidente della Regione, Giuseppe Scopelliti, ed i senatori Franco Bruno e Francesco Bevilacqua (il senatore Luigi De Sena, pur sposando l'iniziativa, era assente perché rimasto a Roma per sopravvenuti impegni) hanno illustrato, nel corso di una conferenza stampa tenutasi ieri a Lamezia Terme, le iniziative per evitare la soppressione degli uffici giudiziari calabresi, in particolare 60 uffici dei giudici di pace. E' quanto afferma una nota stampa dell'Ufficio della Giunta regionale, da cui si evince inoltre che, i senatori, a breve incontreranno il Ministro della Giustizia, Paola Severini, per manifestare la contrarietà e le pesanti ripercussioni in Calabria in caso di chiusura degli uffici. Scopelliti, ha sottolineato che "su alcuni temi non ci si può dividere. Così come tutti assieme abbiamo rappresentato le difficoltà sui trasporti ed i collegamenti al Ministro Passera, anche in questo caso la battaglia la dobbiamo fare uniti, è un segnale di fondamentale importanza. Abbiamo invitato il Ministro competente a guardare con attenzione alle esigenze della realtà calabrese, in un momento in cui conosciamo molto bene le necessità dei tagli. Tra le ipotesi che abbiamo preso in considerazione – ha continuato Scopelliti - anche il ricorso all'art. 116 della Costituzione, così come riformato nel 2001 (che dà la possibilità di concedere alle Regioni che ne facciano richiesta ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia). Si tratta di un tema importante che sta creando non poche difficoltà nei nostri territori, ecco perché ho colto con spirito propositivo questa opportunità di coinvolgimento". I senatori Franco Bruno e Francesco Bevilacqua hanno contestato i criteri utilizzati per la revisione degli uffici giudiziari. Criteri che non tengono in considerazione il tasso di criminalità ed il deficit infrastrutturale della Calabria, nonostante siano espressamente previsti dalla legge delega.

Pietro Mosella

Rassegna Stampa 14/02/11

rassegna stampa

www.gazzettadelsud.it

Maltempo:Calabria; neve a Cosenza e su Vibonese, -11 in Sila

La neve e' tornata a cadere su Cosenza. Al momento non sono segnalati disagi. A Rende, invece, il sindaco ha deciso di chiudere le scuole. Un leggero nevischio, di pochi millimetri, sta cadendo anche su Vibo Valentia, ma senza creare problemi. Non nevica in Sila, ma la temperatura, nella notte, ha raggiunto i -11. Adesso ci sono 6 gradi sotto zero. Gelo anche nei capoluoghi di Provincia: 1,6 gradi a Cosenza, 1,2 a Vibo Valentia, 4,2 a Catanzaro, 4,2 a Crotone e 6,7 a Reggio.

Serra S. Bruno, crolla il tetto della Certosa

Il maltempo non risparmia nemmeno la Certosa. Parte del tetto della cappella minore non ha infatti retto al peso della neve. Il cedimento ha interessato due campate del tetto per un totale di 60 metri quadrati. Le travature in legno, che sostenevano le tegole in terracotta, non ce l'hanno fatta a reggere anche il peso di circa 80 centimetri di neve. Al momento del crollo, la chiesa era deserta. Si tratta della cappella nella quale si riuniscono in preghiera i "fratelli" laici. Nessun danno ha invece riportato la cappella dei monaci, nella quale, lo scorso mese di ottobre, ha recitato i Vespri anche Benedetto XVI durante la sua visita in Calabria. Fortunatamente illese la chiesa dei padri, il chiostro e le numerose celle dei monaci che sorgono nei pressi.
 
 
www.ilquotidianoweb.it

Danneggiati immobili confiscati al clan Mancuso di Limbadi

Gli interni di alcuni immobili confiscati al clan Mancuso di Limbadi e assegnati all’associazione antimafia "Riferimenti", sono stati danneggiati la scorsa notte da ignoti. Lo rende noto la stessa associazione che aggiunge anche che il referente provinciale, Nello Ruello, collaboratore di giustizia, non ha potuto accedere ai locali perchè «l' immobile risulta recintato da una rete metallica con la presenza di un cane all’interno». Gli immobili in questione sono composti da due ville e due fabbricati, all’interno dei quali il coordinamento antimafia ha previsto di realizzare la prima università italiana antimafia, con aule e alloggi per gli studenti. Sull'episodio indagano i Carabinieri di Vibo Valentia. «Ancora una volta – scrive il coordinamento "Riferimenti" – evidenziamo lo stato in cui versano in Calabria i beni confiscati, la cui gestione è priva di qualsiasi controllo da parte degli enti affidatari. C'è da rilevare che questo immobile in particolare, risulta assegnato sulla carta, ma m ai materialmente consegnato all’associazione, sprovvista delle chiavi di ingresso».

Catanzaro. Chiusi 11 mini sportelli della Banca Carime in Calabria

Addio a 11 mini sportelli Banca Carime in Calabria. È quanto prevede – come scrive il supplemento Corriereconomia del Corriere della Sera – il piano di razionalizzazione dell’Istituto di credito. I minisportelli che chiuderanno i battenti nel Sud sono in tutto 24 e oltre agli 11 calabresi la decisione riguarda 9 uffici in Puglia e due a testa in Campania e Basilicata. In Calabria saranno soppressi gli sportelli di Rocca Imperiale Marina, Cutro, Francavilla Marittima, Grimaldi, Carolei, Squillace, Gioiosa Ionica, Delianuova, Briatico, Bovalino e Molochio. «La scelta di chiudere una filiale, per quanto piccola - spiegano da Carime – è sempre una decisione che si assume con grande sofferenza e solo dopo che le evidenze contabili e gestionali osservate negli anni dimostrano che non c'è altra soluzione. Siamo consapevoli dei disagi che si arrecano ai clienti ma quando la redditività di un’impresa è negativa per più esercizi di seguito, un imprenditore deve avere il coraggio di intervenire con rimedi adeguati».


www.calabriaora.it

Ergastolano assolto dopo 21 anni

La Corte di Appello di Reggio Calabria ha assolto, nel processo di revisione, Giuseppe Gulotta, che era stato condannato all'ergastolo per la strage di Alcamo Marina del 26 gennaio 1977. Aveva scontato finora 21 anni di reclusione. Furono uccisi, in caserma, l'appuntato Salvatore Falcetta ed il carabiniere Carmine Apuzzo. Anche il procuratore generale aveva chiesto l'assoluzione dell'imputato. Gulotta, presente in aula, è scoppiato a piangere. Esulta l'avvocato Baldassare Lauria, che lo ha assistito assieme a Pardo Cellini: «Gulotta è stato vittima di un gioco di potere. Anche se nessuno potrà mai cancellare lo stravolgimento della sua vita, oggi, questa, è una sentenza che fa giustizia». Ed è intanto in corso il processo di revisione a carico di altri due soggetti condannati per lo stesso eccidio: Gaetano Santangelo e Vincenzo Ferrantelli, da anni rifugiatisi in Brasile.

«Trovate il corpo di Michele»

«Le istituzioni devono impegnarsi nella ricerca del corpo del nostro caro così come hanno fatto in altri casi sotto la spinta del clamore mediatico». A dirlo sono stati i genitori ed il fratello di Michele Penna, ucciso nell'ottobre del 2007 a Stefanaconi (Vibo Valentia) ed il cui cadavere non è stato mai trovato. Stamani, nel palazzo di giustizia di Catanzaro, era in programma il processo in Corte d'assise d'appello ad uno dei presunti autori dell'omicidio Emilio Antonio Bartolotta, di 33 anni, condannato in primo grado a 25 anni di reclusione. Il presidente, però, si è astenuto in quanto ha già giudicato il secondo presunto autore del delitto, Andrea Foti, di 31 anni, che il 7 febbraio scorso si è visto ridurre la condanna da 16 a 10 anni di reclusione. Secondo l'accusa, Penna fu ucciso per punizione perchè aveva una relazione con la moglie di un esponente di spicco della cosca Petrolo-Bartolotta, di cui egli stesso avrebbe fatto parte. Gli imputati si sono sempre proclamati innocenti.









Le Valli Cupe di Sersale, incanto e suggestione

Le Valli Cupe di Sersale, incanto e suggestione - 3.0 su 5 basato su 1 voto

Luoghi incantevoli e suggestivi sono le caratteristiche principali dell'intera area delle Valli Cupe. La natura selvaggia dei canyon e delle gole montane, il fascino delle cascate e dei ruscelli dalle acque limpidissime, la straordinaria ricchezza della flora e della fauna, il mistero delle antiche leggende legate al passato dei borghi e dei paesi del circondario incantano il visitatore. Turisti e visitatori hanno la possibilità di vivere al meglio il soggiorno presso i luoghi delle Valli Cupe grazie alle numerose attività che la CooperativaSegreti Mediterranei a.r.l. organizza col supporto di associazioni che operano nel territorio: dalle visite guidate alla balneazione fluviale nei luoghi delle cascate, dalle escursioni a dorso d'asino e a cavallo lungo i sentieri ai corsi specialistici per tutti gli appassionati.

 

Il territorio

Il territorio delle Valli Cupe e del Monte Raga situato nella fascia mediterranea ionica tra 300 e 500 metri sul livello del mare nel Comune di Sersale, dista 3-4 km dal Comune di Cropani e 4-5 Km dal centro del Comune in cui si trova. Il Monte Raga fa parte geologicamente dell'affioramento granitico del Massiccio Silano, ed è ricoperto da associazioni vegetali caratteristiche della macchia mediterranea e della gariga come cisteto, lantisceto e lecceta. Questo monte delimitato da due fiumi, ovvero Uria (sud) e Fegato (nord), confina a nord-est con le suggestive Valli Cupe. Le Valli Cupe riservano all'escursionista paesaggi stupendi sia risalendo la fiumara Fegato che scendendo dal Monte Raga il quale , nonostante la sua rigogliosa vegetazione, permette di vederle dall’alto come delle pareti altissime di colore rossastro. Questo caratteristici crepacci, scavati nelle pareti composte di materiali sabbiosi, hanno origine naturale, ma sono stati dilatati e allungati dagli uccelli, tra cui rapaci, che scelgono questo posto indisturbato e tranquillo per la nidificazione. Risalendo la fiumara le pareti nascondono, fino ad una distanza di dieci metri dalla loro base, l'ingresso di un meraviglioso canyon. Il Canyon, con le sue cascate e le pareti tortuose che tendono ad incontrasi in alto, oscurano il cielo, creando un habitat ideale per le specie animali e vegetali protette e rare. La sorgente della fiumara, che per millenni ha scavato il canyon, è situata a quattro ore di cammino all’ingresso quindi offre una buona opportunità, a chi ama il trekking, di risalirlo fino all’inizio.

 

 

 

 

 

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa