all
Menu

Rassegna Stampa 20/12/2011

rassegna stampa

www.gazzettadelsud.it

 

 

'Ndrangheta:ha 200mila euro in banconote sporche,sequestrate. Operazione guardia finanza. Sigilli a beni per altri 600mila euro.

 

E' andato in banca per cambiare banconote sporche per 200 mila euro. Un gesto che ha richiamato l'attenzione della guardia di finanza che al termine delle indagini ha sequestrato il denaro oltre a beni per altri 600 mila euro. L'operazione, coordinata dalla Dda di Catanzaro e condotta dalla finanza di Sibari e dal Nucleo speciale di polizia valutaria di Roma, ha riguardato due famiglie un cui componente e' ritenuto legato alla cosca Forastefano di Cassano

 

'Ndrangheta, infiltrazioni negli appalti dell'Aquila.

 

Ooperazione di polizia giudiziaria a contrasto delle infiltrazioni della 'ndrangheta in Abruzzo: 4 ordini di custodia cautelare in carcere nei confronti di altrettanti personaggi legati al modo dell'imprenditoria aquilana che hanno contribuito al rafforzamento della cosca mafiosa Caridi-Zincato-Borghetto inserita nella più ampia Locale dei Libri, radicata nel territorio di Reggio Calabria. L'operazione Lypas, che prende il nome da una delle ditte edili riconducibili all'organizzazione criminale, ha visto impegnati i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria - Gico - della Guardia di Finanza dell'Aquila e i poliziotti della Sezione Criminalita' organizzata della Mobile della Questura sempre del capoluogo abruzzese. I provvedimenti cautelari, su richiesta della Procura della Repubblica - Direzione Distrettuale Antimafia di L'Aquila, sono stati emessi dal G.I.P. Marco Billi. Agli arrestati (B.S. trentaquattrenne di L'Aquila; V.A. di 45 anni ; V.M. di 38 anni e I.F. di 58 anni , tutti di Reggio Calabria) viene contestato il reato di concorso esterno in associazione di stampo mafioso. Le indagini coordinate dal Procuratore della Repubblica Alfredo Rossigni e dal sostituto procuratore Fabio Picuti, sono durate circa due anni e hanno evidenziato il forte interessamento degli esponenti della cosca reggina ai lavori di ricostruzione degli immobili da parte dei privati, nel cui ambito non è prevista alcuna procedura a evidenza pubblica né alcuna certificazione antimafia per l'impresa individuata per l'esecuzione dei lavori. Le indagini sono nate all'esito di preliminari iniziative programmate dalla Questura per monitorare e respingere le eventuali azioni di condizionamento e infiltrazione nei lavori di ricostruzione edilizia post sisma da parte di componenti della criminalita' organizzata. Le investigazioni della Mobile si sono avvalse di intercettazione di numerosissime utenze cellulari nonche' mediante l'ascolto di ore e ore di conversazioni ambientali e mediante riservati servizi di osservazione che hanno documentato fotograficamente le fasi preliminari di un incontro avvenuto nel maggio 2010 in un albergo di L'Aquila tra gli arrestati e componenti della cosca reggina.

 

 

 Rapina in banca a Lamezia, bottino alcune migliaia di euro Colpo in agenzia Unicredit, quattro banditi armati di taglierini

 

Una rapina e' stata compiuta oggi pomeriggio nell'agenzia di Lamezia Terme dell'Unicredit. Quattro le persone che hanno messo a segno il colpo, armate di taglierini. I banditi hanno costretto gli impiegati a consegnare il denaro custodito in cassa, alcune migliaia di euro, secondo una prima stima, e si sono poi allontanati a bordo di un'automobile condotta da un complice. Le indagini vengono condotte dai carabinieri.


www.ilquotidianoweb.it

 

Reggio, sequestrata una società riconducibile ad un latitante

 

La Dda di Reggio Calabria ha emesso un decreto di sequestro preventivo emesso nei confronti della società «Pane Pizza e Fantasie Srl», per la quale sarebbe stata effettuata una «intestazione fittizia». Secondo le indagini, infatti, l’assetto societario sarebbe riconducibile ai prossimi congiunti di Antonino Imerti, noto «nano feroce», e Domenico Condello, latitante sin dal 1991 e recentemente colpito da altro provvedimento emesso dalla Dda di Reggio Calabria nell’ambito dell’operazione denominata «Reggio Nord». Nel corso dell’indagine è emerso che sul piano formale, l’assetto societario fa capo ai congiunti Maddalena Martino e Giuseppe Martino, zii materni del latitante che, peraltro, nel corso di perquisizione domiciliare eseguita il 22 giugno scorso, erano stati trovati in possesso di 49.690 euro in denaro contante, 52.000 euro e 10.000.000 lire in buoni fruttiferi postali, in parte cointestati con Giuseppa Condello. Quest’ultima, moglie di Imerti, sempre secondo le indagini, benchè formalmente estranea all’attività, è il centro di imputazione delle responsabilità gestionali, intrattenendo relazioni sia con lo studio di consulenza commerciale sia con l’istituto di credito.

 

Lamezia: refurtiva in cambio di eroina, tre arresti

 

Quattro persone sono state arrestate questa mattina dagli agenti del commissariato di Lamezia Terme. Si tratta di Marcello Pileggi, 43 anni, di Maida, Valdete Shahini detta Milka di nazionalità albanese, 26 anni, e Nicola Procopio, 44 anni, di San Pietro a Maida, accusati a vario titolo di spaccio di sostanze stupefacenti, ricettazione e estorsione.


www.calabriaora.it

AZZARÀ RACCONTA LA SUA PRIGIONIA: «UN BIMBO MI INSEGNAVA I NUMERI IN ARABO»

 

Francesco Azzarà, il volontario di Emergency liberato venerdì dopo un lungo sequestro in Sudan, nella sua prima domenica a casa, a Motta San Giovanni, parla così, del periodo della sua prigionia.  Tra le decine di telefonate e visite, nella casa dei suoi genitori, torna a ripetere che i sequestratori lo hanno trattato bene: “Mi chiedevano di cosa avessi bisogno, nei limiti delle loro possibilità. Mi hanno fatto mangiare anche la pasta che loro chiamano maccheroni. Ma ora finalmente li ho mangiati veri, fatti in casa. Li ho anche sognati, a volte”. E' ancora sorpreso per la grande mobilitazione nei suoi confronti. “Credo di non aver fatto nulla di speciale - continua a ripetere - anzi, penso che ognuno potrebbe farlo. Basta solo partire”.

 

SEQUESTRATO PANIFICIO RICONDUCIBILE A COSCA CONDELLO

 

I carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Reggio Calabria hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo emesso dalla Dda nei confronti della società «Pane Pizza e Fantasie srl» che opera nel settore della panificazione, per il reato di intestazione fittizia.  L'assetto societario, secondo quanto emerso dalle indagini, è di fatto riconducibile ad Antonino Imerti chiamati «nano feroce» e Domenico Condello latitante dal 1991 e colpito di recente da un altro provvedimento emesso dalla Dda reggina nell'operazione 'Reggio nord'. Quest'ultima inchiesta aveva disvelato gli interessi economici della cosca Condello nelle attività economiche della zona settentrionale della città dello Stretto. Sul piano formale la società è intestata agli zii materni del latitante, Maddalena Martino e Giuseppe Martino. Nel corso di una perquisizione eseguita nel giugno scorso erano stati trovati con oltre 49mila euro in contanti, 52mila euro e 10 milioni di lire in buoni fruttiferi postali in parte cointestati a Giuseppa Condello. Insieme a quest'ultima, moglie di Imerti, operavano Caterina Condello (sorella del latitante 'Micu u pacciù) e Margherita Tegano (compagna di Pasquale Condello). Formalmente queste ultime due erano solo dipendenti ma di fatto, secondo investigatori e inquirenti, si interfacciavano con Giuseppa Condello che partecipava alle decisioni da assumere. L'attività era stata poi ceduta a titolo definitivo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli auguri della Provincia: Bregovic a Catanzaro, Marcello Cirillo a Soverato. Il programma completo

Gli auguri della Provincia: Bregovic a Catanzaro, Marcello Cirillo a Soverato. Il programma completo - 5.0 su 5 basato su 1 voto

 

CATANZARO - Presentata a Catanzaro la rassegna itinerante con cui la provincia di Catanzaro ha volutofare gli auguri di Natale a modo suo.Evento di punta il concerto dl maestro Goran Bregovic che trascinerà il pubblico del capoluogo, nella sera dell'epifania, nei suoi coinvolgenti ritmi gitani. Il maestro serbo è divenuto famoso per la composizione di diverse collonne sonore vincitrici più volte a Cannes fondendo la musica polifonica popolare dei balcani con il tango e le bande di ottoni.  Musicista molto popolare nell'Europa orientale, Bregovic  negli ultimi anni ha conquistato anche l'occidente ed è atteso a Catanzaro come una piacevole e inaspettata sorpresa. Spicca nel programma della Provincia il concerto di Eugenio Bennato in versione trio il 26 dicembre al teatro comunale di Chiaravalle ( il 27 dicembre presso la Casa circondariale di Catanzaro e il 28 dicembre presso il teatro comunale di Gimigliano), ma sono diversi gli appuntamento di un cartellone vario e stimolante. Franco califano si esibirà per il pubblico di Catanzaro nell'auditorium Casalinuovo il 28 dicembre; al teatro Grandinetti di lamezia Terme torneranno invece Giuliano Palma & The Bluebeaters nel concerto previsto il 4 gennaio prossimo. In conferenza stampa si svela la scelta ricaduta su Soverato dove domani sera nel teatro Comunale si esibirà Marcello Cirillo noto come ex componente del duo musicale Antonio e Marcello e conduttore dal 2009 de “I fatti vostri” su Rai2. La cittadina ionica  sarà poi coinvolta nel progetto "Ramblas" il 4 gennaio con la sfilata per le strade soveratesi di statue viventi, trampolieri in costume, orchestrine swing e fachiri mangiafuoco, lo spettacolo sarà replicato il 5 gennaio a Lamezia e il 6 a Catanzaro. Infine spazio al jazz il 27 dicembre nella chiesa matrice di Lamezia Terme- Sambiase in un concerto che rivisiterà i classici natalizi in chiave diversa e nuova. <<Abbiamo cercato di regalare un momento di distrazione per i cittadini del territorio in un momento di ristrettezze economiche- commenta Wanda Ferro- in cui sono tanti gli sforzi per realizzare eventi di qualità.Ancora non è confermato il capodanno in piazza a Catanzaro ci sono grandi difficoltà e forse sarebbe stato meglio fare qualche festa in meno negli anni passati.>>

Sabrina Amoroso

Gli auguri della Provincia: Bregovic a Catanzaro, Marcello Cirillo a Soverato. Il programma completo

 

Presentata a Catanzaro la rassegna itinerante con cui la provincia di Catanzaro ha volutofare gli auguri di Natale a modo suo.Evento di punta il concerto dl maestro Goran Bregovic che trascinerà il pubblico del capoluogo, nella sera dell'epifania, nei suoi coinvolgenti ritmi gitani. Il maestro serbo è divenuto famoso per la composizione di diverse collonne sonore vincitrici più volte a Cannes fondendo la musica polifonica popolare dei balcani con il tango e le bande di ottoni.  Musicista molto popolare nell'Europa orientale, Bregovic  negli ultimi anni ha conquistato anche l'occidente ed è atteso a Catanzaro come una piacevole e inaspettata sorpresa. Spicca nel programma della Provincia il concerto di Eugenio Bennato in versione trio il 26 dicembre al teatro comunale di Chiaravalle ( il 27 dicembre presso la Casa circondariale di Catanzaro e il 28 dicembre presso il teatro comunale di Gimigliano), ma sono diversi gli appuntamento di un cartellone vario e stimolante. Franco califano si esibirà per il pubblico di Catanzaro nell'auditorium Casalinuovo il 28 dicembre; al teatro Grandinetti di lamezia Terme torneranno invece Giuliano Palma & The Bluebeaters nel concerto previsto il 4 gennaio prossimo. In conferenza stampa si svela la scelta ricaduta su Soverato dove domani sera nel teatro Comunale si esibirà Marcello Cirillo noto come ex componente del duo musicale Antonio e Marcello e conduttore dal 2009 de “I fatti vostri” su Rai2. La cittadina ionica  sarà poi coinvolta nel progetto "Ramblas" il 4 gennaio con la sfilata per le strade soveratesi di statue viventi, trampolieri in costume, orchestrine swing e fachiri mangiafuoco, lo spettacolo sarà replicato il 5 gennaio a Lamezia e il 6 a Catanzaro. Infine spazio al jazz il 27 dicembre nella chiesa matrice di Lamezia Terme- Sambiase in un concerto che rivisiterà i classici natalizi in chiave diversa e nuova. <<Abbiamo cercato di regalare un momento di distrazione per i cittadini del territorio in un momento di ristrettezze economiche- commenta Wanda Ferro- in cui sono tanti gli sforzi per realizzare eventi di qualità.Ancora non è confermato il capodanno in piazza a Catanzaro ci sono grandi difficoltà e forse sarebbe stato meglio fare qualche festa in meno negli anni passati.>> SABRINA AMOROSO

La Fondazione Marincola Politi promuove la "Settimana Solidale"

  • Scritto da
  • Vota questo articolo
    (1 Vota)
La Fondazione Marincola Politi promuove la "Settimana Solidale" - 5.0 su 5 basato su 1 voto

SOVERATO -  Si tratta di un'azione socio-economica di sfondo solidaristico che consente di accedere a quei beni basilari che costituiscono i prerequisiti fondamentali per la salute. Dall'ultima indagine multiscopo "Condizioni di salute e ricorso ai servizi sanitari" condotta dall'Istat, è possibile rilevare l'esistenza di una relazione "ricorsiva" tra povertà e salute, poiché se da una parte una determinato carattere socio-economico produce una compromissione dello stato di salute, dall'altra la cattiva salute porta a un deterioramento del livello di benessere individuale e spesso anche familiare.
La mancanza di risorse economiche ha, dunque, un impatto ovvio sulla salute: limita o condiziona l'accesso alle prestazioni sanitarie e, più in generale, la possibilità di investire sulla propria salute e sicurezza. Con tale consapevolezza, la Fondazione Marincola Politi di Soverato ha voluto venire incontro a quelle tante persone che non possono permettersi una visita medica specialistica o un consulto "illuminante" su un problema di salute, accollandosene le spese. In collaborazione con il poliambulatorio specialistico "La Casa di Don Bosco", dotato di strumentazioni innovative e di qualificato personale medico e infermieristico, sito nell'ex complesso salesiano di via Verdi n. 5 a Soverato, l'Ente no profit offre a tutti uno sconto fisso che si incrementa nel caso di ultra sessantacinquenni; per poi intervenire più pesantemente con la "Settimana solidale". Vale a dire: la seconda settimana di tutti i mesi dell'anno, su prenotazione e secondo un calendario appositamente predisposto, presso "La Casa di don Bosco" chiunque può avere consulti e/o sottoporsi a visite specialistiche gratuite (urologia, remautologia, medicina interna, medicina estetica, dietologia, neuropsicologia clinica, cardiologia, pneumologia, geriatria, fisioterapia).
La "Settimana solidale" è una delle tante iniziative che impegnano la Fondazione nel promuovere la cultura della prevenzione, la cura e la ricerca oncologica e nel debellare le disuguaglianze sul piano della salute.

Parte il "piano delle alienazioni comunali"

Parte il "piano delle alienazioni comunali" - 5.0 su 5 basato su 2 voti

ippocampo soveratoSOVERATO – Con due successive delibere di Giunta Comunale, datate 5 dicembre 2011, l’esecutivo Taverniti ha licenziato quello che potremmo definire l’inizio del Piano delle Alienazioni comunali, ovvero la dismissione di una parte del patrimonio dell’ente che non abbia carattere di strumentalità all’esercizio delle funzioni istituzionali. Nella prima delibera di Giunta, la n.196, è stato approvato l’elenco delle alienazioni da effettuare, già approvate in Consiglio Comunale il 30 agosto scorso, approvazione che però non era stata preceduta da quella dell’organo di Governo. I terreni individuati sono tecnicamente individuati in delibera con il loro identificativo catastale ed è difficile per i non addetti ai lavori individuarli sulla mappa allegata, cercheremo quindi di far capire di quali aree si tratta. Il primo terreno, di 5034 metri quadrati, si trova proprio di fronte alla sede Inps di Soverato, su via Carlo Amirante, nella curva che precede il campo sportivo, si trova una vasta area nella quale solitamente stazionano gli spettacoli circensi. La seconda area, di 4000 metri quadrati, è quella che si trova nei pressi della Scuola Media Statale “Ugo Foscolo”, per intenderci, dove è ubicata la storica “cupola”, sito sportivo oramai in disuso da decenni. La terza area è quella di fronte il Teatro Comunale di Soverato, area già oggetto di contenzioso, instaurato sotto la Giunta Mancini, con i residenti del palazzo adiacente quel vasto appezzamento di terreno, contrari alla sua eventuale destinazione ad edilizia residenziale. La quarta zona che dovrebbe essere alienata, si trova in località San Nicola, terreno nel quale insistono anche due fabbricati rurali in disuso, conciati molto male, ed adiacente ad una serie di villette costruite in epoca recente su quella collinetta. La quinta ed ultima area è quella adiacente la rete ferroviaria, in zona Russomanno per intenderci, circoscritta tra la ex statale 106 e la strada ferrata, occupata al momento da diverse coltivazioni agricole. La Giunta ha dato mandato all’ufficio competente di predisporre tutti gli atti necessari all’alienazione, solamente per due dei terreni sopra citati, e cioè l’appezzamento fronte Inps e il terreno vicino ex cupola. In consiglio Comunale sembra che verrà richiesta l’approvazione dell’alienazione di altri due appezzamenti di proprietà comunale, il primo situato alle spalle del teatro comunale, e l’altro in zona Lungomare Ippocampo.

Corrado Corradini

 

Noi Soveratiamo

 

 

 

Prevista per oggi la seduta del Consiglio Comunale di Soverato

Prevista per oggi la seduta del Consiglio Comunale di Soverato - 4.0 su 5 basato su 4 voti

comunesoveratoSOVERATO – Si riunirà oggi alle ore 15,30 il Consiglio Comunale di Soverato, convocato per discutere sul seguente ordine del giorno:

  1. 1.Richiesta convocazione urgente Consiglio Comunale ai sensi dell’art.39 e 43 comma 1 del TUEL n.267/2000 e s.m.i. e del Regolamento sul Funzionamento del Consiglio Comunale: Discussione sul futuro dell’Ospedale di Soverato alla luce dell’atto aziendale del 30 settembre 2011 – Prot.n.16913 del 1/12/2011 del Gruppo Consiliare “Amo Soverato”.
  2. 2.Delibera della Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per la Calabria n.20/2011. Recepimento.
  3. 3.Delibera della Corte dei Conti Sezione Regionale di Controllo per la Calabria n.458/2011. Comunicazione e recepimento.
  4. 4.Rettifica art.5 del Regolamento Comunale per la concessione e la gestione dei posteggi del mercato settimanale del venerdì e fiere.
  5. 5.Integrazione Piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari anno 2011 – Art.58 D.l.112/2008 convertito in legge n.133/2008.

 

Tale convocazione nasce dalla richiesta, inserita al punto 1, fatta dal Gruppo di minoranza “Amo Soverato”, di convocazione dell’organo consiliare per discutere sull’atto aziendale emanato dal Direttore Generale dell’ASP emanato il 30/09/2011 con numero deliberazione 2495, in cui si stabilisce il declassamento da “complesse” a “semplici” di più strutture dell’ospedale di Soverato, nonché la riduzione del numero dei posti letto. Con l’aggiunta dello spostamento del Centro Regionale per la Diagnosi e la Cura della Fibrosi Cistica da Soverato a Lamezia Terme, si evince che il nosocomio della città stia per subire un notevole depotenziamento. Il gruppo, si legge nella nota a firma di Antonio D’Amato, Antonio Matozzo, Antonio Rattà ed Emanuele Salatino, aveva già richiesto la convocazione di un Consiglio Comunale in data 20 luglio 2011 per gli stessi motivi, ma tale sollecitazione non ha avuto seguito perché carente della proposta di deliberazione del Consiglio Comunale. Il gruppo “Amo Soverato” spinge perché si arrivi ad una deliberazione di dissenso nei confronti dell’atto deliberativo dell’azienda sanitaria, e che porti alla convocazione di un Consiglio Comunale aperto con la presenza dei Sindaci del Comprensorio soveratese, del Presidente della Regione Calabria, del Direttore Generale dell’ASP Gerardo Mancuso e dei cittadini che possa chiedere la revoca o quanto meno la modifica dell’atto deliberativo fin troppo penalizzante per la nostra realtà ospedaliera. Il Presidente del Consiglio Comunale ha accodato alla richiesta di “Amo Soverato” anche altri quattro punti per la discussione, due riguardanti la gestione finanziario-contabile del Comune, con il recepimento e la comunicazione su atti della Corte dei Conti. Al quarto punto si discuterà invece del regolamento comunale sui posteggi riservati agli ambulanti del venerdì e delle fiere. All’ultimo punto è stato invece inserito un ulteriore specifica, con aggiunta di altri due terreni, sulle alienazioni patrimoniali che il comune intende realizzare da qui a breve, e che spiegheremo meglio in un'altra e separata trattazione. Se non si dovesse raggiungere il numero legale, il consiglio è convocato in seconda udienza per il 20/12/2011 alle ore 15,30.

Corrado Corradini

Noi Soveratiamo

 

Ancora un pareggio per il Montepaone; Davoli raggiunto a Catona al 93'

Ancora un pareggio per il Montepaone; Davoli raggiunto a Catona al 93' - 3.0 su 5 basato su 1 voto

la squadra_del_MontepaoneMONTEPAONE LIDO – Terzo pari consecutivo tra le mura amiche per il Montepaone (in foto) del Presidente Kumar Pawan, che impatta sull'1-1 contro la Gallicese. Per i gialloverdi, ieri in campo con gli ultimissimi arrivi Marco Chiefari, Nicolas Novello, Talarico e Pirrò, la vittoria manca da ben 5 partite, e adesso la classifica si fa preoccupante, visto che, con 18 punti, si ha una sola lunghezza di vantaggio sulla zona play-out. La partita di ieri è stata equilibrata, ma non sono mancati i colpi di scena. Già al 13' la Gallicese chiede un calcio di rigore per una presunta trattenuta ai danni di De Luca, ma Palmieri di Crotone sorvola. Un minuto più tardi il penalty viene assegnato, invece, ai padroni di casa, grazie a Fodero che, approfittando di uno svarione difensivo, s'invola a tu per tu con La Ruffa, il quale lo travolge in uscita. Rigore trasformato dallo stesso "folletto" montepaonese per l'1-0. Al 38' Novello, al termine di un'azione personale, si fa ipnotizzare da La Ruffa, ma l'ultima azione del primo tempo capita sulla testa del gallicese Manglaviti, che manca il pari da ottima posizione. Al 2' della ripresa arriva il goal del pareggio dei rossoblù reggini, grazie ad un perfetto calcio di punizione di Alampi, calciato dal limite dell'area, che manda il pallone sotto la traversa. Il Montepaone tenta di riportarsi sopra, ma fallisce diverse occasioni: la prima, al 51', con Talarico, che manca la deviazione vincente su un cross basso al volo di Alfieri. Si viaggia sui binari dell'equilibrio fino agli ultimi minuti di gioco, dove la squadra di mister Trapasso sfiora, per due volte, la rete della vittoria, prima all'89' quando Mercurio, partito da centrocampo, dopo aver superato in dribbling cinque giocatori avversari, serve Macrillò che, però, spara addosso a La Ruffa; in pieno recupero, poi, la più ghiotta delle occasioni, capitata sui piedi di Pirrò, che non riesce a calciare a botta sicura davanti alla porta a causa di una pozzanghera che ferma il pallone proprio al momento del tiro. Un pareggio, questo di Montepaone, commentato dall'allenatore ospite Giuseppe Barillà, come un buon punto strappato su un campo penalizzato dalla pioggia, mentre secondo Trapasso bisogna tornare alla vittoria, cercando maggiore equilibrio al centro del campo, in particolare ciò si auspica nel girone di ritorno, sfruttando anche il rientro di Alessandro Pisano.

 

Rodolfo RanieriPer il Davoli invece, un pari che sa di beffa, anche se ottenuto su un campo difficile come quello del Catona, secondo inclassifica. La gara si mette subito bene per la squadra di Ciccio Esposito, passata in vantaggio dopo appena 6' grazie a Rudy Ranieri (in foto), che batte il portiere locale Candido con uno dei suoi soliti missili terra-aria dalla distanza. Il vantaggio dura però poco, perché al 12' il Catona perviene al pareggio con un calcio di punizione di Catalano; nell'occasione il Davoli resta anche in 10 uomini, a causa dell'espulsione di Carnovale, autore del fallo su Napoli. Anche se in inferiorità numerica, le aquile gialloverdi continuano a giocare senza nascondersi, e al 27' è ancora Ranieri, con un'altra prodezza dal limite, a mettere la palla in rete. Nel secondo tempo il Catona cerca in tutti i modi di segnare, ma spreca con Catalano. Al 31' rete annullata per fuorigioco al catonese Tripodi; si continua fino alla fine, ma in pieno recupero, al 93', una mischia nell'area di Simonetta favorisce la zampata vincente del bomber del Catona, Filippo Fontana, per un 2-2 finale che lascia l'amaro in bocca ai davolesi. In classifica continua a comandare il San Calogero, nonostante il pari interno contro il Reggiosud (1-1), con 30 punti. Seguono Catona (29) e Bocale (3-0 alla Cittanovese) con 28, a pari merito con il Reggiosud. A quota 27, il Marina di Gioiosa, che strapazza in trasferta la Pro Catanzaro, rifilandole ben 7 reti, e con 23 punti la Rizziconese. Subito dietro il Davoli che resta così in scia play-off. Si torna in campo dopo la sosta natalizia, auguri dallo staff di soveratiamo.com ai dirigenti, allenatori, giocatori e tifosi di Montepaone e Sporting Davoli.

 

Francesco Gioffrè

 

Domani conferenza stampa sulle iniziative natalizie a Soverato

Domani conferenza stampa sulle iniziative natalizie a Soverato - 5.0 su 5 basato su 2 voti

Emanuele Amoruso_Corradoc_Babbo_NataleSOVERATO - Dopo il christmas village che ha incuriosito tantissimi abitanti del comprensorio è pronto per essere presentato il calendario completo delle iniziative natalizie di Soverato. Domani  alle ore 12 pressonella sala del consiglio comunale di soverato, in conferenza stampa l'assessore al ramo Emanuele Amoruso illustrerà nel dettaglio le diverse iniziative.

La Redazione

Noi Soveratiamo!

Uesse Soverato, pari inaspettato a Petrizzi

Uesse Soverato, pari inaspettato a Petrizzi - 5.0 su 5 basato su 1 voto

Uesse SoveratoPETRIZZI – Nella quattordicesima giornata del campionato di Prima Categoria girone C, l'Uesse Soverato (imbottito sempre più di giovani), sull'ostico campo di Petrizzi, riesce a strappare un punto importante (soprattutto sotto l'aspetto morale) contro una compagine molto più quotata tecnicamente che lotta per le posizioni alte della classifica. Sicuramente un pareggio inaspettato alla vigilia e contro ogni pronostico che ha rallentato la corsa ai play-off dei petrizzesi e avvicinato l'Uesse Soverato al penultimo posto occupato dall'Amaroni, distante adesso un solo punto. La partita ha vissuto su di un primo tempo povero di emozioni con il gioco che è ristagnato a centrocampo e l'Uesse Soverato che, logicamente, badava più a non prenderle, per cui le palle-gol che latitavano. Nella ripresa, i padroni di casa hanno accelerato e sono stati pericolosi in più di un'occasione: Girillo su calcio di punizione si è visto due volte neutralizzare la conclusione dal giovane estremo difensore soveratese Francesco Chiaravalloti (classe '93, cresciuto nell'Uesse e all'esordio in Prima Categoria), bravo anche successivamente su un tiro molto pericoloso da fuori area. I soveratesi hanno cercato d'imbrigliare la manovra offensiva petrizzese e, in due occasioni, hanno evitato la capitolazione con salvataggi sulla linea di Vittorio Corasaniti. In un finale di gara convulso, è stato espulso l'attaccante del Petrizzi, Castanò, ma i padroni di casa hanno prodotto un assedio finale rischiando inevitabilmente le ripartenze soveratesi che, a 3' dalla fine, si sono visti annullare un gol (era regolare?) e, nei minuti di recupero, hanno recriminato per un presunto rigore non concesso dall'arbitro che, a detta dei biancorossi, era sacrosanto. Alla fine un punto che gratifica l'Uesse e che invece rammarica il Petrizzi che ha sprecato diverse occasioni per vincere la gara.

La Redazione

Buon punto in trasferta per la Fusion Volley Soverato

Buon punto in trasferta per la Fusion Volley Soverato - 4.0 su 5 basato su 5 voti

Fusion Volley_Soverato

BELVEDERE – Buon punto conquistato dalla Fusion Volley Soverato sul parquet della vice-capolista Donrusso Nova Volley Cetraro nel match valevole per la decima giornata del campionato regionale di serie C maschile. Il sestetto di coach Barone ha sfiorato anche l’impresa, essendo stato per due volte in vantaggio e cedendo solo al tie-break ai più quotati avversari. La partita sembrava interminabile con le due squadre che hanno dato fondo a tutte le loro energie non risparmiandosi su nulla. L’avvio di gara è equilibrato con le due squadre che giocano punto a punto e si equivalgono nonostante il divario tecnico certificato anche dalla classifica (Cetraro secondo e Fusion sest’ultima). Si arriva al foto-finish ed i soveratesi s’impongono di misura per 23-25 conquistando il primo vantaggio del match. Nel secondo set si assiste alla reazione dei padroni di casa che, approfittando anche di qualche errore di troppo degli ospiti, prendono subito il comando del gioco, tenendo sempre il “muso” avanti nel punteggio per poi chiudere agevolmente 25-19. Si riparte quindi in parità e, nel terzo set, si riparte sui binari dell’equilibrio; sul 6-7 per gli ospiti, a causa di un forte temporale abbattutosi su Belvedere Marittimo, va via la luce e la partita viene sospesa per una decina di minuti. Le due squadre comunque non si fanno distrarre da questo imprevisto e mantengono alta la concentrazione, così alla ripresa delle ostilità, nonostante la pioggia infastidisse il gioco a causa di alcune infiltrazioni, il set è ancora equilibrato e tirato, chiudendosi di misura, 23-25, in favore dei soveratesi che tornano quindi in vantaggio e cominciano ad assaporare l’impresa. Innervositasi, la formazione di casa, al cambio campo, si ritrova già sotto di un punto prima ancora che inizi il quarto parziale a causa dell'ammonizione comminata al Capitano Picarelli (sicuramente squalificato nella prossima di campionato) e al Libero Gagliardi che contestavano animatamente delle decisioni arbitrali. Il clima si scalda e si ritorna in campo dopo lunghi ed interminabili minuti di proteste da parte dei padroni di casa che non ci stanno a lasciare altri punti. Il quarto parziale inizia comunque sulla falsa riga degli altri tre, ovvero punto a punto fino al 9-9, poi una serie di errori in battuta dei soveratesi, permette a Picarelli e compagni di allungare la gara al quinto e decisivo set, chiudendo con un parziale di 25-21. Forse paga dal punto conquistato su un terreno di gioco ostico e contro la seconda della classe, la Fusion Soverato gioca il tie-break non determinata come nei precedenti parziali, un po’ scarica. L’ultimo set termina senza molti sussulti, a favore dei padroni di casa per 15-9. Due i punti conquistati dai padroni dal Cetraro, sempre secondi ora con 24 punti, e un punto importantissimo per la salvezza conquistato invece dalla Fusion Volley che rimane sempre al sest’ultimo posto, ma raggiunge Campo Calabro a 10 punti. Il d.s. Castanò, a fine gara, in merito alla gara ha commentato: "Altra ottima prestazione dei ragazzi che ci fanno guadagnare un punto inaspettato su un campo ostico anche per sodalizi che mirano a ben altre posizioni in classifica che non siano quelle della salvezza, obiettivo invece primario della nostra società per questa stagione. La Fusion si conferma comunque una squadra che lotta punto a punto per qualsiasi risultato senza pensare all'avversario che ha di fronte vendendo sempre cara la pelle".

Pietro Mosella

Sottoscrivi questo feed RSS

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa