Attività di Controllo a mare della Guardia Costiera di Soverato
Menu

Attività di Controllo a mare della Guardia Costiera di Soverato

foto 1Continua l’attività di polizia marittima, finalizzata al controllo della filiera della pesca e della sicurezza della navigazione, da parte dei militari della Guardia Costiera di Soverato, coordinati dal Comandante, Tenente di Vascello Claudia Palusci.
Nelle mattinate del 3 e 5 luglio il personale della dipendente Motovedetta CP 769, in servizio di pattugliamento marittimo nelle acque di giurisdizione del Circondario Marittimo di Soverato, a seguito di alcuni accertamenti, sottoponeva a sequestro due reti da pesca tipo “tremaglio” della lunghezza complessiva di circa 300 mt in quanto adoperate da pescatori sportivi o abusivi.
La corretta osservazione della normativa in questione è di notevole importanza per scongiurare il grave pericolo alla navigazione e lo sfruttamento incontrollato delle risorse ittiche.
Di tutte le reti da posta, il “tremaglio” è l’attrezzo meno selettivo e quindi di notevole impatto sul prelievo della fauna marina; si tratta di una grande parete di rete che può essere sistemata appena al di sopra del fondo marino quando si vogliono pescare pesci pelagici ad una certa profondità dalla superficie e viene spesso impiegata nella pesca costiera.
Il tremaglio è confezionato con filato molto sottile e questo agevola “l'ammagliamento” del pesce al solo contatto con le pinne.
Considerato che l’utilizzo di tale attrezzo è ammesso esclusivamente nell’ambito della pesca professionale, da esercitare a bordo di unità navali all’uopo specificatamente autorizzate dal ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, agli utilizzatori sono state comminate due sanzioni amministrative per un totale di duemila euro.
Le attività di controllo da parte degli uomini e delle donne della Guardia Costiera proseguiranno e saranno intensificate nei giorni a seguire, per assicurare il rispetto delle norme in materia di corretto esercizio delle attività di pesca, ma anche e soprattutto in materia di sicurezza della navigazione e della balneazione garantendo, al contempo, la salvaguardia della salute pubblica e la tutela delle risorse biologiche.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa