Incendio doloso a Catanzaro, Bova: «Fondamentale che i cittadini collaborino»
Menu

Incendio doloso a Catanzaro, Bova: «Fondamentale che i cittadini collaborino»

120180405 063006«Quanto avvenuto nella notte appena trascorsa a Catanzaro Lido si annuncia come l’ennesima cruda e vivida testimonianza di quanto la criminalità organizzata sia attiva a Catanzaro. Con buona pace di chi, davanti all’evidenza, ha addirittura negato la presenza della ‘ndrangheta sui Tre Colli, ci troviamo ancora una volta a commentare la recrudescenza di una criminalità feroce che presumibilmente firma i fatti della scorsa notte e che ha certamente firmato tanti altri eventi di cronaca nera degli ultimi mesi non può essere ignorata. Non a caso, recentemente, ho parlato di “clima da Chicago degli anni ’30” in Calabria e in particolare modo nel Catanzarese». A scriverlo in una nota stampa è l’on. Arturo Bova, Presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta in Calabria. «L’alacre e preciso lavoro che la Procura della Repubblica guidata dal dott. Gratteri sta portando avanti – prosegue Bova -, deve potersi avvalere di un sostegno - fisico, tangibile - da parte dello Stato e soprattutto della collaborazione dei cittadini nel denunciare richieste estorsive. A prescindere dalle motivazioni che sottendono a certi episodi, ogni cittadino non può far finta di niente. Ignorare azioni crimini e quindi non prendere le adeguate contromisure, segnerebbe irrimediabilmente il destino della città. Ovviamente, mi rivolgo anche alla politica locale». E prosegue: «Per quanto attiene al ruolo delle istituzioni, ritengo necessario interrogarsi su come queste e quindi la politica possano intervenire rapidamente e in maniera efficace per contrastare il disagio sociale, le difficoltà economiche, cioè proprio l'humus in cui la criminalità organizzata affonda le proprie radici. Ridurre la povertà, le diseguaglianze sociali, la disoccupazione è un dovere della politica: le ricadute positive si avranno anche nella lotta alla criminalità organizzata che, com’è noto, nel bisogno crea il proprio consenso, trova la sua manovalanza. La stessa manovalanza malpagata mandata a morire in un rogo o in un conflitto a fuoco». «Il mio appello alla politica – rimarca il Presidente -, quindi, è quello di fare tutti insieme quadrato attorno a nuove iniziative a sostegno del terzo settore, la via più breve ed efficace affinché si possano mettere in campo dei progetti concreti con cui affrontare le difficoltà sociali e creare posti di lavoro. Accanto a questa attività, ripeto, sarà poi necessaria la vicinanza dello Stato per proteggere dall’aggressione criminale quelle iniziative imprenditoriali che con fatica si affannano ad operare in Calabria». «Infine – conclude -, non posso esimermi dall’esprimere la mia più sentita solidarietà alle famiglie degli operai morti e a quella dell’operaio gravemente ferito nell’incidente avvenuto stamani a Capo Colonna. Una circostanza infausta che, sfortunatamente, pone l’accento su un’altra esigenza, questa volta non solo calabrese ma nazionale: la sicurezza sul lavoro è requisito fondamentale per garantire dignità al lavoro stesso. Mi auguro che quello delle morti bianche sia un tema su cui il prossimo Governo vorrà esprimersi e mettere in campo regole e controlli più efficaci».

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa