Le giunte comunali di Chiaravalle e Torre querelano “Chi.Ce / Chiaravalle Attiva”
Menu

Le giunte comunali di Chiaravalle e Torre querelano “Chi.Ce / Chiaravalle Attiva”

logo chiceLe giunte comunali di Chiaravalle Centrale e Torre di Ruggiero, con due distinte deliberazioni, hanno dato l'avvio alle procedure d'incarico legale per querelare i responsabili (al momento ignoti) della pagina Facebook “Chi-Ce / Chiaravalle Attiva”. La deliberazione della giunta comunale di Chiaravalle firmata dal sindaco Mimmo Donato è la n. 128 del 16 dicembre 2018, avente ad oggetto “la costituzione del Comune di Chiaravalle Centrale per la tutela dell'immagine dell'ente e autorizzazione al sindaco a presentare denuncia/querela, indicando come responsabile del procedimento la dottoressa Rosa Villirillo”. Le ragioni dell'azione legale sono spiegate nel corpo della delibera: “Sul profilo Facebook denominato Chi.Ce / Chiaravalle Attiva sono comparse considerazioni e frasi che ledono e offendono l'onorabilità, il decoro e l'operato del Comune, del sindaco, dei suoi amministratori e dipendenti”. Peraltro, “alcune considerazioni contenute hanno creato situazioni di allarmismo generalizzato giacché ipotizzano la sussistenza di situazioni potenzialmente lesive della salute pubblica”. Calunnia, diffamazione e procurato allarme, “salvo altri reati di analoga o maggiore consistenza”, le ipotesi formulate dagli amministratori comunali nel documento. Con specifico atto di indirizzo la delibera, immediatamente esecutiva, è stata trasmessa al responsabile del settore competente per il conferimento di incarico a un legale e per la stesura degli atti necessari “contro i soggetti individuati come responsabili”. Parallelamente e per gli stessi motivi, anche la giunta comunale di Torre di Ruggiero, presieduta dal sindaco Mario Barbieri, con deliberazione n. 66 del 5 dicembre 2018 ha promosso una “azione legale giudiziale a tutela degli interessi dell'amministrazione comunale” contro la pagina Facebook “Chi.Ce / Chiaravalle Attiva” con relativo conferimento incarico, annesse determinazioni e allegato parere di regolarità tecnica e contabile da parte del responsabile delle aree, Vincenzo Iozzo. I post in questione sono sempre stati pubblicati in forma anonima, per cui si farà ricorso alla polizia postale, oltre che alla magistratura, per individuare i curatori del profilo Facebook in questione.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa