Asp Catanzaro: Consiglio di Stato ribalta la sentenza del Tar Calabria legittimando la gara per il servizio di pulizie
Menu

Asp Catanzaro: Consiglio di Stato ribalta la sentenza del Tar Calabria legittimando la gara per il servizio di pulizie

Asp Catanzaro: Consiglio di Stato ribalta la sentenza del Tar Calabria legittimando la gara per il servizio di pulizie - 1.0 su 5 basato su 1 voto

Palazzo Spada Giuseppe Perri 1(ASP) – Catanzaro, 3 ottobre 2016 - La terza sezione del Consiglio di Stato, con dispositivo di sentenza depositato il 30.09.2016, ha dato definitivamente ragione all’Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro, riformando la sentenza del TAR Calabria e stabilendo la legittimità della gara d’appalto per il servizio di pulizie per l’ambito territoriale di Lamezia Terme, tacciato di illegittimità per l’eccessiva durata delle operazioni di gara.
I giudici di Palazzo Spada, accogliendo le tesi difensive dell’Avv. Sandro Cretella, hanno riformato la sentenza del TAR Calabria secondo cui l’eccessiva durata della gara avrebbe determinato una violazione del principio di concorrenza fra i partecipanti alla gara, determinando l’effetto di ripristinare la legittimità del provvedimento di aggiudicazione in favore della ditta DIEM s.r.l. la quale subentrerà ora nel servizio al posto della ditta Euroservices s.r.l. che aveva originariamente proposto il ricorso innanzi al TAR della Calabria.

La sentenza del Tar Calabria aveva infatti imposto l’annullamento del provvedimento di aggiudicazione della gara travolgendo l’intera procedura, vanificando tutte le complesse operazioni svolte, sul presupposto della violazione dei diritti del soggetto privato che sino ad allora aveva eseguito il servizio.
Le motivazioni della sentenza saranno rese note nei prossimi giorni: ciò che è certo, nell’immediato, è che la travagliata gara d’appalto, del valore complessivo di oltre 9 milioni di euro, potrà quindi trovare finalmente compimento.

L’azienda sanitaria esprime pertanto piena soddisfazione per l’esito del contenzioso, sia perché tale sentenza attesta la piena legittimità dell’operato dell’amministrazione, sia perché elide una volta per tutte quei sospetti adombrati dalla sentenza del TAR Calabria di “opacità nella condotta dell’amministrazione” che avevano finanche indotto i giudici amministrativi calabresi a trasmettere gli atti relativi al procedimento all’Autorità Nazionale Anticorruzione.

L'attuale management dell’Azienda sanitaria, subentrato allorquando la procedura di gara era già da tempo in itinere, ha sempre perseguito, col supporto degli uffici preposti, quale unico obiettivo quello di portare a compimento la procedura nel rispetto della legge e del pubblico interesse secondo principi di economicità e di risparmio, ciò che la ripetizione della complessa gara d’appalto non avrebbe di certo consentito.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa