Ritrovata una discarica abusiva dalla Polizia di Stato, un denunciato
Menu

Ritrovata una discarica abusiva dalla Polizia di Stato, un denunciato

Polizia auto 1Una vera e propria discarica abusiva di veicoli, rottami, pneumatici e rifiuti speciali rinvenuta a Catanzaro, in una zona a sud della città, la scoperta è stata fatta qualche giorno fa dalla Polizia di Stato del Commissariato Sezionale di Catanzaro Lido.
Il ritrovamento è avvenuto durante i servizi di controllo del territorio quotidianamente disposti dalla Questura ed ha visto anche la collaborazione della Squadra di polizia giudiziaria del Compartimento Polstrada della Calabria.
Durante la perlustrazione, nell’area esterna adiacente ad una palazzina di edilizia popolare, i poliziotti hanno rinvenuto circa dieci autoveicoli, pneumatici, parti di autoveicoli, liquami di vario genere e materiali oleosi.
Il tutto si trovava in completo stato di abbandono, l’area adibita come a zona di attività di rottamazione non autorizzata ma, soprattutto, costituiva una vera e propria discarica abusiva, con materiali, qualificati come rifiuti speciali, a diretto contatto col terreno, senza alcuna precauzione.
Alla luce di quanto scoperto la Polizia ha provveduto al sequestro delle autovetture rinvenute sull’area, nonché a denunciare alla competente Autorità Giudiziaria V. V. 34enne di etnia rom, catanzarese, perché responsabile di gravi violazioni sulla normativa ambientale, depositando, sul nudo terreno e in area di proprietà comunale, in modo incontrollato e sprovvisto di regolare titolo autorizzativo rifiuti speciali e pericolosi.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa