L'Anpi ha festeggiato il 25 aprile tra Soverato e Chiaravalle (Foto)
Menu

L'Anpi ha festeggiato il 25 aprile tra Soverato e Chiaravalle (Foto)

IMG 2259 soveratoSOVERATO -Una bella giornata di Festa di ricordo e di impegno, con tanta gente a Soverato la mattina, e a Chiaravalle il pomeriggio quella di ieri, 25 aprile, organizzata dall'Anpi Soverato

In mattinata la visita istituzionale a Soverato del Comandante di Compagnia e di Stazione dei CC, che hanno ringraziato per il lavoro e l'impegno profuso dall'associazione.
Nel pomeriggio, a Chiaravalle, la visita istituzionale del Sindaco e della vice Sindaco, con il racconto del grande Comandante Partigiano Vito Doria di San Vito sullo Jonio, al quale è mstato dedicato uno spazio nella mostra fotografica.

Il 25 aprile è la festa di tutte le italiane e gli italiani. Delle loro radici e del loro futuro. Ricordiamo i Combattenti per la libertà, i loro sogni di democrazia, uguaglianza e felicità, e portiamo avanti con coraggio e tenacia la loro speranza di un Paese civile, giusto, solidale.
Celebriamo il 25 aprile “Festa della Liberazione” come ogni anno, non tanto con lo spirito commemorativo, anche se il ricordo dei Combattenti e dei Caduti è sempre vivo, quanto con l’intento di compiere un atto di memoria attiva che vuol dire ricordare gli eventi, la Resistenza, la Liberazione, ma riflettere soprattutto sulle attese e le speranze di allora e su quante di esse si sono realizzate o si stanno realizzando.
Siamo di fronte, nel nostro Paese, travagliato da una gravissima crisi economica, ad una pesantissima caduta dell’etica politica, al manifestarsi quasi quotidiano di fenomeni di corruzione. La conseguenza inevitabile di questa deriva è costituita dalla perdita di fiducia e dal diffondersi di un acuto disinteresse da parte dei cittadini nei confronti della istituzioni e della politica. Al lavoro, valore fondante della Repubblica, deve essere restituito il suo ruolo e la sua dignità, eliminando il contrasto stridente tra i principi Costituzionali e la durissima realtà del nostro Paese. Ribadiamo ancora una volta che i valori a cui ispirarsi sono solo e sempre quelli di una democrazia fondata sulla rappresentanza, sulla partecipazione, sull’equilibrio dei poteri, sul rispetto della persona umana e della legalità da parte di tutti. Non è più tollerabile, inoltre che si ripetano, con sempre maggiore frequenza, nel nostro Paese, manifestazioni di movimenti neofascisti, antisemiti e xenofobi, in netto contrasto col principio di eguaglianza e col carattere antifascista della Costituzione repubblicana. Nella ricorrenza del 72° anniversario della Liberazione e del 70° anniversario dell’approvazione della Costituzione, dobbiamo assumere l’impegno solenne a realizzare gli ideali per cui tanti sacrifici sono stati compiuti dai Combattenti per la libertà e a tradurre nella realtà i valori contenuti nella nostra Costituzione, in un’Italia libera e democratica e in un’Europa unita e sociale, inclusiva e di pace.
C’è solo bisogno di attuarla questa Costituzione, nelle parti che non hanno ancora trovato realizzazione concreta, rendendo così effettivi diritti fondamentali come il lavoro, la dignità, l’etica, la libertà e l’uguaglianza.
Attuare la Costituzione per cambiare l’Italia. Non è solo un richiamo simbolico ai valori della Carta Costituzionale, ma la convinzione che solo ripartendo dalla lungimiranza e del grande lavoro fatto dai Padri Costituenti il nostro Paese potrà risollevarsi dalle grave crisi economica e sociale in cui versa.
Soverato 25 aprile 2017

 

Fausto Pettinato
(Presidente Sez. Anpi Soverato)

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa