Giornalisti stranieri a Badolato per tappa dell'Educationla/Press Tour "The Suspended land"
Menu

Giornalisti stranieri a Badolato per tappa dell'Educationla/Press Tour "The Suspended land"

badolato tappa 2Ha fatto tappa a Badolato, nei giorni 21 sera e 22 settembre mattina, l’importante educational/press tour regionale “The suspended land” organizzato dal Consorzio Turistico “Calabria Vigorosa" e patrocinato da Enit e Regione Calabria. Il Tour è partito da Badolato borgo e continuerà fino al 24 settembre con tappe previste a Stilo, Mammola e Pizzo Calabro, Belmonte Calabro e Carolei, Cosenza e Laino Borgo, Argo Magno e Praia a Mare, Diamante e con tappa finale sul Pollino con il suo rafting sul fiume Lao.
La nostra Badolato – tra borgo e mare – è stata individuata come punto di partenza di questo interessante educational sulla Calabria ed è stata oggetto, - con un itinerario programmato da tempo, nato da una collaborazione del Consorzio con la nostra A.Op.T. “Riviera e Borghi degli Angeli”, - di una visita speciale di giornalisti e blogger tedeschi ed austriaci e di un referente dell’ENIT.badolato tappa 1
La delegazione in questione risultava composta dalla nota giornalista italo-tedesca free-lance Sigrid Moelck Del Giudice (DIE ZEIT, NEUE ZÜRCHER ZEITUNG, DER TAGESSPIEGEL), da Ursula Scheer (FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG) e Mag. Klaudia Blasl (DIE PRESSE), da Alexios Wiklund (GUTE REISE) e Britta Anneliese Smyrak (LOOPING-Magazin), da Anuk Triess (collaboratrice e responsabile dell’ENIT) e dall’accompagnatore Ettore De Franco in qualità di responsabile commerciale di “Calabria Vigorosa”.
Il gruppo ha avuto modo di scoprire l'antico borgo di Badolato con un percorso all’uopo organizzato tra storia e cultura, arte, saperi, sapori e antiche tradizioni...! La visita ha offerto ai visitatori, esperti internazionali di turismo, l’opportunità di conoscere dal vivo e concretamente il modello badolatese di accoglienza e ospitalità diffusa col il suo progetto di “Paese Albergo”, messo in piedi dall’A.Op.T. “Riviera e Borghi degli Angeli” e nato in via sperimentale circa 15 anni fa con le prime esperienze fatte dalla “Costa degli Angeli srl”. La delegazione ha avuto così modo di visionare e conoscere - grazie ad un incontro coi responsabili di "Riviera e Borghi degli Angeli" - le diverse formule ricettive presenti ed il variegato catalogo turistico zonale fatto di turismo balneare e di nuovo turismo esperienziale, lento e relazionale, eco-culturale ed enogastronomico. Un progetto che viene da lontano e che intende proseguire con una prospettiva di lungo raggio e che, assieme a tante altre componenti private e pubbliche attive sul territorio, contribuisce fattivamente anche alla rivitalizzazione del borgo e della marina con un loro rilancio economico, ambientale e sostenibile, turistico e culturale.
La visita guidata della mattinata del 22 settembre ha, inoltre, concesso ai tanti ospiti l’occasione di incontri e racconti speciali, tra cittadini recenti e storici del centro storico ...ormai tutti parti attive di una Comunità “glocal” caratterizzata da un “Melting Polt Interculturale” dal respiro internazionale (con cittadini locali, migranti ed emigranti di ritorno, ospiti e turisti italiani e stranieri provenienti da buona parte del Nord Europa e dal resto del Mondo). La passeggiata si è conclusa con un incontro dei giornalisti con un gruppo di donne svedesi, in quel di Badolato per una vacanza lenta ed esperienziale abbinata ad un corso di yoga organizzato e coordinato dalla neo-cittadina badolatese svedese Elisabeth Kjellstrom.
Interessante, infine, il passaggio artistico-culturale dalla casa-mostra "Nino Ermocida" con una dolce e straordinaria accoglienza organizzata dal nipote Andrea e dalla moglie Cecile del compianto artista badolatese G. Nino Ermocida: patologo e artista sui generis che vantava amicizie con pittori famosi come Pablo Picasso, un invito a corte nel Principato di Monaco fatto direttamente dalla Principessa Grace Kelly, diverse citazioni sull’enciclopedia antologica “Ars Dictandi” e nella letteratura “Scienze e Arti” dell’Accademia Ponzen di Napoli.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa