Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Grave lutto a Squillace: è venuto a mancare Peppe Mercurio

icone mercurio san matteoSQUILLACE - È venuto a mancare improvvisamente a Squillace Giuseppe Mercurio, uno dei figli migliori della comunità. Mercurio era nato a Squillace il 2 marzo 1945. Qui ha vissuto sin dalla nascita e qui ha coltivato reso evidente il suo talento artistico sin dai tempi del liceo. È stato impegnato per oltre quarant’anni nelle istituzioni, dapprima, dal 1970 al 1990, come vicesindaco e sindaco della sua città, quindi come amministratore Asl, componente del Coreco e per tredici anni come dirigente sindacale nella Cisl calabrese. Da pensionato, si è dedicato all’arte, la sua prima passione con espressioni artistiche che vanno dalle chine agli acquerelli, dall’acrilico alle tele ad olio, privilegiando sempre l’esaltazione del paesaggio solare calabrese, degli angoli più suggestivi e dei monumenti di Squillace, i fiori, i cieli azzurri, le marine, i giochi di luce ed ombra, in una vasta gamma produttiva che negli anni è andata via via incrementandosi, diversificandosi e perfezionandosi. Ma Giuseppe Mercurio ha esposto le sue tele, i suoi disegni e le sue opere grafiche anche in diverse mostre negli anni 1983, 1990, 1992, 1992, riscuotendo apprezzamento e successo di critica. Negli anni dell’impegno politico-istituzionale-sindacale non ha perso mai di vista l’amore per l’arte, con la voglia sfrenata di riprendere i pennelli ed i colori nei ritagli di tempo e durante le ferie estive. Nel 1993 la versatilità di Mercurio si è concretizzata in una nuova esperienza, quella della riproduzione delle icone bizantine. Ha scritto diversi articoli di storia e cultura calabrese e soprattutto squillacese ed anche una pubblicazione molto apprezzata sul castello di Squillace. La camera ardente con la salma di Mercurio viene allestita oggi in municipio, mentre i funerali saranno officiati domani, lunedì, alle ore 15.30.

peppe mercurio con rhodioNella foto del 1975, l'ex sindaco Guido Rhodio, eletto alla Provincia, passa la fascia tricolore al neo sindaco Giuseppe Mercurio, trentenne, suo vicesindaco. Unito nello sgomento della famiglia e della cittadinanza , difronte all'immatura scomparsa, aggiungo il mio ricordo con con commozione e gratitudine per quanto il caro amico ha fatto come mio principale collaboratore, e soprattutto per l'affermazione dei valori democratici-cristiani e per la crescita di Squillace.

Carmela Commodaro

Integrazione aziende ospedaliere, Bova: "Entusiasta, ma occhi aperti: si rischia di far naufragare tutto"

arturo bovaIl Consigliere regionale e Presidente della Commissione contro la ‘ndrangheta in Calabria, on. Arturo Bova, è tornato sulla recente approvazione in Commissione Sanità della proposta di legge 365/10 firmata dai consiglieri Mirabello, Parente, Tallini Scalzo, Esposito e Ciconte relativa all’integrazione tra le aziende ospedaliere di Catanzaro “Pugliese-Ciaccio” e “Mater Domini”. Il testo, licenziato dalla Commissione nella giornata di giovedì, era stato presentato qualche settimana dopo la proposta dello stesso Bova sul medesimo tema. Le differenze, in sede di analisi, sono emerse e il consigliere le sottolinea in una nota inviata alla stampa: «Sebbene non abbia condiviso una parte dell’impianto normativo della proposta di legge sull’integrazione tra le aziende ospedaliere catanzaresi – scrive -, non posso che essere entusiasta del prossimo approdo in Consiglio Regionale di una legge che è determinante per il futuro della sanità catanzarese e, più in generale, di quella calabrese. Rivendico, infatti, con orgoglio l’aver voluto portare la materia dell'integrazione delle due Aziende Ospedaliere di Catanzaro all'attenzione del Consiglio e della Commissione Sanità, depositando, per primo e da solo, una proposta di legge avente ad hoc. Un atto di trasparenza, quella proposta, che ha consentito non solo ai rappresentanti delle forze politiche elette in Consiglio Regionale, ma anche a tutti i cittadini calabresi, di poter seguire l'iter legislativo, burocratico e politico della proposta di legge e di limitare il potere di influenza delle potenti lobby che tradizionalmente condizionano ed inquinano il buon funzionamento della sanità italiana e che, da 20 anni a questa parte, impediscono di integrare le due aziende ospedaliere, per il solo e malcelato obiettivo di garantire rendite di posizione e "dominio" nella sanità calabrese». «Personalmente – prosegue Bova - ho rinunciato, in questa fase, ad una difesa ad oltranza della mia proposta di legge, pur essendo convinto che il testo di legge per così come licenziato dalla Commissione Sanità dovrà necessariamente essere emendato in sede di approvazione in aula. A tal proposito ho già annunciato la presentazione di emendamenti il cui contenuto è già ben noto a tutti i componenti la Commissione Sanità. A titolo di esempio, sottolineo le mie perplessità sulla possibilità di integrare l'ospedale di Lamezia Terme "Giovanni Paolo II" con i due ospedali di Catanzaro, il "Pugliese-Ciaccio" e il Policlinico Universitario "Mater Domini". L'ospedale di Lamezia Terme fa parte dell’Asp di Catanzaro (è uno spoke e non un hub come la costituenda azienda integrata) che ricomprende anche i nosocomi di Soverato e Soveria Mannelli. Sorvolando in questa sede su tutte le difficoltà tecniche e giuridiche del caso, quindi, per integrarlo occorrerebbe che venisse prima scorporato dall’Asp. Va da sé che in tal modo si verrebbe a pregiudicare la stessa Asp che si vedrebbe privata di un ospedale e, dunque, si vedrebbe fortemente impoverita in termini di personale e di risorse e, conseguentemente, anche in termini di erogazioni di prestazioni e servizi alla cittadinanza della provincia». «Come non evidenziare – riprende - che nella proposta firmata dai miei colleghi all’art. 1 si pretende di chiarire - cristallizzandole ex ante - le vocazioni assistenziali delle strutture costituenti la nuova azienda ospedaliera. Un’ipotesi a mio avviso miope in quanto potrebbe far risultare la nuova azienda indenne al corso degli eventi, all'avanzamento della ricerca e alle rispettive nuove o modificate vocazioni assistenziali e sanitarie future. Credo che tale comma debba essere assolutamente abrogato». «Ecco perché – conclude Bova - sento forte la responsabilità che incombe su noi Consiglieri Regionali. La consiliatura volge quasi al termine, ma i tempi per procedere all'approvazione della legge di integrazione ci sono. Ora che da più parti arrivano entusiastiche lodi a questo primo concreto passo avanti nella risoluzione dell'annoso problema, però, il mio invito è rivolto a tutti coloro i quali hanno un ruolo nella vicenda: si tengano gli occhi aperti perché il rischio che l’integrazione si areni o, peggio ancora, naufraghi interamente a causa di impossibilità tecniche che emergono dal testo promosso è più che concreto».

Primi passi per la realizzazione del porto Soverato-Satriano

porto soveratoLunedì 11 febbraio si è tenuto nella sala giunta della Città di Soverato un incontro strategico per lo sviluppo turistico ed economico del comprensorio Soveratese. Finalmente dopo anni, anzi decenni, di beceri campanilismi e gelosie le Amministrazioni comunali di Soverato e Satriano, rappresentate dai Sindaci Ernesto Alecci ed Aldo Battaglia, hanno dato il via allo sviluppo del Master Plan del nuovo porto di Soverato e Satriano. Oltre ai due Sindaci con i rispettivi uffici tecnici, assessori e consiglieri comunali, erano presenti i professionisti di fama internazionale cui le amministrazioni intendono affidare il Master Plan. L’ Arch. Guendalina Salimei (docente all’Università La Sapienza di Roma, titolare del Tstudio e tra i più affermati progettisti italiani di porti e water front), l’Ing. Beatrice Majone (titolare dello Studio Majone Ingegneri Associati esperto in progettazione di opere ed infrastrutture idrauliche) ed il dott. Ivo Allegro (amministratore delegato della società “Iniziativa” ed esperto di finanziamenti pubblico-privati e di economia delle infrastrutture) oltre ad essere esperti nel settore portuale costituiscono un gruppo di specialisti che lavora insieme in maniera multidisciplinare per realizzare infrastrutture innovative, orientate alla resilienza ed alla sostenibilità economica ed ambientale. Al termine della riunione, durata circa un’ora e mezza, i tecnici si sono spostati assieme agli amministratori lungo la costa per un primo sopraluogo delle aree che dovrebbero ospitare il porto e gli annessi servizi commerciali e turistico ricettivi. Entro la primavera i tecnici consegneranno il Master Plan dell’opera che rappresenta la prima pietra miliare dell’iter amministrativo per la realizzazione del porto come volano dello sviluppo economico dell’area.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa