Squillace, operativa l'associazione "Ospitalità & Accoglienza"
Menu

Squillace, operativa l'associazione "Ospitalità & Accoglienza"

struttura accoglienza associazioneSQUILLACE - E' diventata operativa a Squillace con l’inizio del 2017 l’associazione di volontariato “Ospitalità & Accoglienza”, emanazione di una organizzazione regionale regolarmente iscritta al registro regionale delle associazioni del Terzo Settore. Il primo intervento effettuato è stato quello di togliere dalla strada un uomo di 83 anni, pensionato sociale, accogliendolo della struttura dell’associazione. Si tratta di un senzatetto che vive tra i ruderi del monastero di Santa Chiara, a cui è stato garantito un letto e una colazione per un giorno. Poi non ha voluto più fare ritorno, anche se i volontari dell’associazione sono impegnati e determinati a garantirgli assistenza. Come reso noto dal presidente dell’associazione squillacese, Sardo Bruzzese, lo scopo del suo sodalizio è quello di adoperarsi a fornire assistenza alloggiativa a quelli che si definiscono i nuovi ultimi. «Soggetti – spiega Bruzzese – che per svariate cause si trovano a vivere situazioni di emergenza e disagio abitativo». Il progetto parte dalla disponibilità dei volontari e dalla disponibilità di una struttura, con tutte le autorizzazioni di legge per operare nel settore dell’accoglienza. La stessa struttura, in cui è prevista l'erogazione della prima colazione e dei pasti, dispone di ampi spazi condivisi, di un servizio di lavanderia e di un ampio giardino. «L’organizzazione di volontariato – sottolinea Bruzzese - si propone di operare con altre associazioni e istituzioni del territorio, senza prevaricare le competenze di nessuno, per fornire un’offerta qualificata di servizi, azioni ed iniziative per garantire il mantenimento di un buon livello di benessere psicofisico degli ospiti e l'esercizio di una piena iniziativa fattiva e progettuale circa gli eventi della vita quotidiana. L'operatività iniziale è limitata a quattro stanze e la messa in funzione sarà progressiva anche in funzione del reperimento delle risorse necessarie per la gestione. Tali risorse saranno garantite, ove possibile, dagli stessi ospiti che corrisponderanno un contributo giornaliero minimo in funzione delle possibilità di ognuno. Altre risorse saranno reperite dalla nostra organizzazione attraverso una rete dei contributi pubblici e privati utilizzando anche i processi di crowfounding».

Carmela Commodaro

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa