Stalettì, la tradizione della Domenica delle Palme
Menu

Stalettì, la tradizione della Domenica delle Palme

domenica palme stalettìSTALETTI’ - Una Domenica delle Palme davvero speciale nella comunità di Stalettì, dove si è registrata una numerosa partecipazione di fedeli durante il rito della benedizione della benedizione delle palme svoltosi nel Convento di San Gregorio. Poi tutti al Calvario, nel centro storico, in corteo, guidato dal parroco don Roberto Corapi, che ha voluto riprendere una tradizione molto antica, bussando tre volte al portone della chiesa parrocchiale e facendo l’ingresso con le folle che “gridano all’Osanna”. Tutti con i ramoscelli d’ulivo, piccoli e grandi, per richiamare le folle di Gerusalemme.

La lettura del Passio, molto sentita e accompagnata dalla musica, è stata animata dal gruppo dei giovani che hanno fatto emozionare tutti i presenti. Don Roberto, nella sua omelia, ha invitato i presenti a vivere con Gesù sulla strada dolorosa e a saper stare con Lui sempre. «Tanti sono – ha sottolineato - i personaggi della Passione. Dove sono io? Sono forse Giuda che tradisce o Pietro che rinnega Gesù? Oggi per danaro si uccide, oggi per danaro si fa di tutto.

Questo è male agli occhi di Dio». Poi don Roberto si è soffermato sulla figura di Gesù, «che umiliò se stesso, facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce». Alla sera, il concerto a cura dell’associazione musicale culturale “Magna Graecia Flute Choir”, con lo “Stabat Mater” di Giovanbattista Pergolesi, diretto dal maestro Sebastiano Valentino. La voce di Marta Amoroso e Maria Grazia Cucinotta hanno davvero fatto sì che si chiudesse la Domenica delle Palme nell’atmosfera giusta, dando il via così ai riti della Settimana Santa al suono del flauto e con la voce del cielo.

Carmela Commodaro

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa