Solidarietà a Giorgia Rombolà
Menu

Solidarietà a Giorgia Rombolà

giornalisti 0110E’ inaccettabile in uno stato di diritto quanto accaduto alla giornalista parlamentare di Rainews 24, Giorgia Rombolà, soveratese doc, vittima di insulti e minacce per aver fermato il pestaggio di una nomade che aveva appena tentato di rubare un portafogli all’interno della stazione San Giovanni della metro di Roma.
A Giorgia, nostra concittadina, esprimiamo piena vicinanza e solidarietà come professionista, ma soprattutto come persona, da tutti conosciuta come affidabile e razionale; gli insulti che ha dovuto subire, prima da chi ha assistito alla violentissima scena del pestaggio e poi sui social sono irripetibili, tanto da indurre la giornalista a chiudere il suo profilo facebook.

IL RACCONTO - Pochi giorni fa Giorgia aveva assistito a un tentato furto da parte di una giovane rom, che era già stata adocchiata e fermata dai vigilantes che la stavano trattenendo.
Con i due vigilantes però c'era anche la persona che aveva subito il tentativo di furto che - stando al racconto pubblicato e poi rimosso da Facebook dalla giornalista - aveva iniziato a picchiare violentemente, anche in testa la giovane. "Cerca di strapparla ai vigilantes tirandola per i capelli. Ha la meglio. La strattona fino a sbatterla contro il muro, due, tre, quattro volte - aveva raccontato nel post. La bimba (che era con la giovane rom, ndr) piange e lui la scaraventa a terra".
Di fronte a quella scena di violenza gratuita la giornalista aveva sentito il bisogno di intervenire: prima mettendosi a urlare, poi cercando di fermare la violenza sulla ragazzina rom. Mentre i vigilantes portavano via la giovane, la giornalista si ritrovava da sola e per tutta risposta il suo viaggio in metro finiva costellato di insulti dagli altri passeggeri, in un clima di violenza verbale perpetrato anche su internet con messaggi e minacce irriferibili.
Giorgia, infine, aveva raccontato sul suo profilo Facebook l’amarezza e la paura che l’episodio aveva scatenato in lei: “Perché finora questa ferocia l’avevo letta, questa Italia l’avevo raccontata. E questo, invece, è successo a me”.

Un gruppo di giornalisti

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa