Squillace, la "Domus Pacis" ha il nuovo direttivo
Menu

Squillace, la "Domus Pacis" ha il nuovo direttivo

domus pacis 2018SQUILLACE – L’assemblea ordinaria dei soci dell’associazione culturale “Domus Pacis”, che quest’anno compirà 60 anni di attività, ha eletto il nuovo direttivo che resterà in carica per tre anni. Il nuovo presidente è Paolo Cristofaro. Del direttivo fanno parte anche Maria Rosa Commodaro (vicePresidente), Davide Samà (tesoriere e segretario), Agazio Luca Maida, Giuseppe Abbruzzo, Nicola Talarico e Carmela Facciolo (consiglieri). Il presidente uscente, Davide Samà, ha illustrato le principali attività svolte dalla “Domus Pacis” negli ultimi tre anni sotto il suo mandato, ringraziando quanti sono stati attivi e vicini al sodalizio. Successivamente ha avuto luogo la regolare candidatura da parte dei nuovi tesserati intenzionati ad entrare nel consiglio di presidenza. Numerosi i partecipanti che hanno chiesto di diventare soci, tesserandosi come da regolamento. Secondo quanto dichiarato dal nuovo presidente Cristofaro, «la Domus è già a lavoro per portare a compimento tanti obiettivi di valore culturale e sociale, continuando il lavoro svolto dal sodalizio negli anni passati». Tra i progetti annunciati dal presidente e dal nuovo direttivo, l’impegno editoriale per la pubblicazione di lavori cartacei e online di carattere divulgativo e informativo (con interesse maggiore per gli studi sulla Calabria), la partecipazione attiva dell’associazione per la valorizzazione del patrimonio storico e paesaggistico della città, con particolare attenzione alla fruizione e alla cura dei numerosi siti d’interesse archeologico presenti sul territorio di Squillace. Inoltre, la “Domus Pacis” ha in programma viaggi e visite guidate, in regione e anche fuori, come la già annunciata gita a Caserta (per la visita alla Reggia) e a Napoli, prevista per la fine di aprile. Cristofaro, concludendo, ha affermato che «l’associazione, apolitica, no-profit e aperta a tutti, fedele al suo statuto costitutivo del 1958, intende favorire la crescita sociale e culturale della città, organizzando altresì importanti convegni e cicli di conferenze, alcune già in cantiere, per fornire alla comunità squillacese importanti momenti di crescita, di dialogo, di riflessione e di unione fraterna».

Carmela Commodaro

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa