Anche allo Stadio Ceravolo a Scuola di Legalità con la Polizia di Stato
Menu

Anche allo Stadio Ceravolo a Scuola di Legalità con la Polizia di Stato

cz cs scuoleDomenica 19 novembre in occasione della partita di calcio Catanzaro-Cosenza i dirigenti delle due squadre hanno voluto che si stringesse una specie di gemellaggio tra studenti delle 3° medie di Cosenza e loro coetanei di Catanzaro. Il Presidente Noto ha chiesto al Questore se fosse stato possibile che i ragazzi, circa 100, assistessero alla partita insieme, tifando, in amicizia, ognuno per la propria squadra.
Il Questore, d.ssa Amalia Di Ruocco, ha accettato con entusiasmo l’idea ed ha alzato il tiro. Poliziotti della Questura, già impegnati nel progetto di Educazione alla Legalità per l’anno scolastico in corso, sono stati insieme agli studenti fin dal loro incontro al Museo MUSMI. Al termine della visita si sono portati allo Stadio. Prima dell’inizio della partita, gli studenti di Cosenza insieme ai loro amici di Catanzaro, all’interno del Teatro dell’Istituto Minorile di viale Paglia, gentilmente messo a disposizione dal Direttore, dott. Pellegrino, hanno parlato con i poliziotti di “Rispetto delle regole” nella vita ed in particolare nello sport.
Alle ore 14,30 insieme si sono trasferiti nella Tribuna Est dello stadio ed hanno assistito alla partita. Al termine del match, vinto come si sa dal Catanzaro per 2 a 1, dopo qualche insistenza due ragazze, tifose delle due squadre, hanno accettato di stringersi la mano e scambiarsi le sciarpe. Intanto continuano gli interventi del personale della Polizia di Stato presso le scuole di ogni ordine e grado della provincia che ne hanno fatto richiesta per parlare di regole in ogni settore della vita secondo un calendario di incontri che si prolungherà per tutto l’anno scolastico. In una scuola di Lamezia Terme, mentre era in corso un incontro sul bullismo, i poliziotti hanno avuto tra i banchi anche Ispettori ministeriali del Gruppo di valutazione del MIUR che si sono complimentati con gli operatori per l’iniziativa e per la preparazione ribadendo l’importanza per gli alunni di sentire la Polizia vicina a loro.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa