Chiaravalle Centrale, Pierluigi Tortora vince il concorso teatrale
Menu

Chiaravalle Centrale, Pierluigi Tortora vince il concorso teatrale

tortoraE' Pierluigi Tortora, con la sua “Bottega del Teatro” di Caserta, il vincitore del secondo concorso teatrale interregionale “Città di Chiaravalle Centrale”. La premiazione si è svolta nel contesto di una piacevole serata animata da musica e interventi recitati, condotta e presentata dal direttore artistico della rassegna, Gino Capolupo. Tortora è stato accolto sul palco del teatro Impero dal sindaco, Mimmo Donato, dal vicesindaco, Pina Rizzo, e dal presidente della Consulta comunale della Cultura, Francesco Pungitore, tra gli applausi del pubblico. La sua rappresentazione “A gentile richiesta” del 15 aprile scorso ha conquistato l'altissimo gradimento della giuria popolare, composta dagli stessi spettatori degli spettacoli. Un successo che il vincitore ha voluto condividere con i presenti, con citazioni dei grandi classici della tradizione napoletana e aneddoti di vita vissuta molto divertenti. La manifestazione è proseguita con l'esibizione musicale del giovane chitarrista Danilo Bonazza e le poesie recitate da Paola Sangiuliano, Caterina Menichini e dallo stesso Gino Capolupo. Nei commenti dei promotori del concorso è emersa la volontà di ripetere la felice esperienza di quest'anno che ha avuto il supporto fondamentale dell'Unione italiana libero teatro e l'aiuto di tanti sponsor. Molto positiva anche la risposta degli abbonati, giunti dall'interno comprensorio. Nelle intenzioni dell'amministrazione comunale c'è l'idea di strutturare un rapporto sinergico di collaborazione con le compagnie locali, per un ulteriore salto di qualità della stagione teatrale, già particolarmente apprezzata. Quest'anno si sono esibite le compagnie “La cantina delle arti” di Sala Consilina, “Il teatro dei Dioscuri” di Campagna, “La ribalta” di Vibo Valentia, “Incastrolibero” di Castrolibero, “Ettore Petrolini” di Barcellona Pozzo di Gotto, “La bottega del teatro” di Caserta, “Teatro Degart” di Taormina, “I commedianti” di Vibo Valentia e “Il Gelsomino” di Roccella.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa