Squillace, l'evento nazionale "Buongiorno Ceramica"
Menu

Squillace, l'evento nazionale "Buongiorno Ceramica"

buongiorno ceramica 2018SQUILLACE - Successo per l’iniziativa “Buongiorno ceramica”, svoltasi il 19 e il 20 maggio, a Squillace, che ha avuto luogo contemporaneamente in 40 comuni italiani col marchio certificato. Squillace è stata l’unica città calabrese a parteciparvi. Quest’anno la manifestazione è stata organizzata dalla “Domus Pacis”, presieduta da Paolo Cristofaro, che si è offerta di collaborare con l’amministrazione comunale, realizzando un programma proposto e concordato con l’assessore alla cultura Giusy Ciciarello. L’associazione si è avvalsa della collaborazione di altri due sodalizi squillacesi, “La Rete” e “Aggregazioni”. Nastri, palloncini e una band itinerante per le vie del borgo medievale, una piazza ricca di spettatori e animata, tutti i siti storici aperti e fruibili, le botteghe dei ceramisti operative tutta la giornata. Sabato mattina, in piazza, oltre ai gazebo con esposizione di prodotti in ceramica delle botteghe, i ragazzi delle scuole di Squillace hanno partecipato ai laboratori creativi per bambini, aiutati dai maestri vasai. Le scolaresche sono state poi guidate per le vie del paese dai soci della “Domus Pacis”, alla scoperta dell’antica fornace della famiglia Conca, del castello normanno, della chiesa gotica di Santa Maria della Pietà e della cattedrale. Nel pomeriggio, esposizioni a cura dei ceramisti, ma con l’aggiunta di una fiera dedicata a tutti i lavori d’artigianato (lavorazione del legno, gioielli, prodotti biologici, abiti cuciti a mano). Il tutto animato dalla Tilly Band, che ha suonato per le vie del paese, e dalla band “HeyPorters – A Johnny Cash tribute”. Presente in piazza anche una mascotte, che ha ballato e giocato con i bambini del paese e con i visitatori (in piazza anche gli alunni di una scuola del Cosentino). Domenica, ancora esposizione in piazza, festa con bimbi e adulti. In piazza per tutte e due le giornate sono state esposte dalla “Domus Pacis”, grazie alla disponibilità dell’artista Giuseppe Mercurio, delle icone a tema sacro, ai piedi della cattedrale, mentre nell’antica bottega dei vasai Conca, il liceo artistico di Squillace ha allestito un’esposizione di prodotti in ceramica con dimostrazioni pratiche degli studenti, che si sono offerti, spontaneamente, di collaborare all’apertura del sito, insieme ai docenti, per tutte e due le giornate. A concludere questa ricca manifestazione squillacese, domenica pomeriggio, si è svolto il convegno “Dalla terra all’arte: storia e sviluppo della ceramica squillacese”. Dopo i saluti del sindaco, Pasquale Muccari e l’introduzione del presidente della “Domus” Cristofaro, sono intervenuti Chiara Raimondo, archeologa e presidente dell’Istituto di Studi su Cassiodoro e sul Medioevo in Calabria, e Francesco Cuteri, archeologo e direttore del Museo della Ceramica di Soriano Calabro. Al termine del convegno, intervento dei ceramisti che hanno raccontato la loro realtà, i loro progetti futuri, le loro difficoltà quotidiane. E’ stato poi mostrato in anteprima, dopo un consulto con gli archeologi, un coccio di bottiglia in graffito lucido, color miele, rinvenuto casualmente, pochi giorni addietro, in seguito al crollo di un muro nel territorio comunale.

Carmela Commodaro

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa