Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Soverato, Gagliardi e Cilurzo rispondono all'assessore Vacca

Antonello GagliardiRiceviamo e pubblichiamo la nota stampa di Antonello Gagliardi e Vincenzo Cilurzo del movimento Semplicemente Soverato. Il movimento Semplicemente Soverato non sta cercando pubblicità e non è nel suo stile entrare in un linguaggio sarcastico e personale per esprimere verità legate alla legislatura, agli atti e all’operato di chicchessia.
Sono apparsi diversi articoli nell’ultimo anno inerenti gli argomenti di cui parla l’assessore Vacca ma in nessuno di essi ci sono attacchi all’assessore o riferimenti personali, non è così che ci si mette al servizio dei cittadini.
La pubblicità e la “fama” che quest’amministrazione pensa di avere attraverso i social (non luoghi di puro fumo e scarso o nullo contenuto) non ci interessano.
Ci interessa informare i cittadini e denunciare le inadempienze e le “fregature” quotidiane che ognuno di noi è costretto a subire quando chi governa non dimostra di avere l’obiettivo del bene comune e della legalità.
Non vogliamo dilungarci e approfittare degli spazi ma siamo costretti, per chiarezza nei confronti dei lettori e dei cittadini, a riprendere, punto per punto, ognuno dei casi da noi presi in esame in cui purtroppo, con documenti alla mano, come è sempre stato nel nostro stile, possiamo mostrare e denunciare le reali falsità di questa amministrazione nella sua interezza. Eravamo pronti al confronto richiesto dall’assessore Vacca e lieti di poter dialogare in modo chiaro ma lui stesso l’ha pubblicamente annullato.
Queste pagine ospiteranno quindi, nei prossimi giorni, gli articoli su ognuno dei casi. Gradiremmo però non ricevere sarcasmi ulteriori dal sindaco e dagli assessori di questa amministrazione attraverso giornali e social, abbiamo tutti bisogno di serietà e non di battute da talk show. Già in passato ho ritirato denunce diffamatorie e sono stato comprensivo, non sarà sempre così se permarrà questo stile.
Il nostro lavoro e la nostra vita privata non stanno negli atti e nel lavoro amministrativo della città quindi non sono argomento di un dialogo politico.

Cardinale, cerimonia di consegna chiavi della città a moglie e figlia di Sal Nistico

CARDINALE PanoramaIn un angolo caratteristico del centro storico di Cardinale, il sindaco Danilo Nisticò, nel corso di una suggestiva cerimonia, per onorare la memoria del celebre sassofonista americano Sal Nistico, ha consegnato le chiavi della città alla cantante jazz Rachel Gould, moglie del musicista, ed alla loro figlia Miriam, attrice teatrale. Inoltre, il primo cittadino, ha annunciato che, prossimamente, sarà intitolata una via del paese, per onorare la memoria del grande compositore ed esecutore di musica jazz.
Proprio, nella piazzetta antistante l’abitazione del nonno di Sal Nistico, l’ex presidente della giunta regionale, Giuseppe Nisticò, promotore dell’iniziativa, nel presentare gli ospiti e ringraziare i presenti, tra i quali l’on. Antonio Viscomi, ha ricordato alcuni dei trascorsi musicali più significativi del jazzista, orgoglio e vanto della comunità italo-americana e della Calabria. Il noto critico musicale della Rai, Adriano Mazzoletti, che ha conosciuto ed ammirato le esibizioni di Sal Nistico, in diversi concerti in America ed in Italia, ha detto che gli italiani hanno avuto un ruolo di primo piano nell’invenzione della musica jazz. Tant’è che l’italo americano Domenico La Rocca, figlio di un garibaldino, è stato il primo a pronunciare la parola jazz. Mazzoletti a conclusione del suo intervento, ha auspicato la creazione di un grande archivio musicale, nazionale, mentre si è compiaciuto per l’iniziativa del sindaco Staglianò di intitolare, primo caso al mondo, una via del paese al più grande sassofonista, di razza bianca. Nel ringraziare gli intervenuti ed i promotori della manifestazione, la figlia di Sal Nisitco, Miriam, visibilmente emozionata, si è detta felice di aver visto, finalmente, la casa dei suoi antenati.

Chiaravalle, grandi applausi per Sageer Khan e Rashmi Bhatt

rashmisageerUna delle immagini più belle dell'estate a Chiaravalle Centrale: il concerto “Per la Pace” con i maestri indiani Sageer Khan e Rashmi Bhatt e il coro degli “Amici di San Francesco”. Uno straordinario incontro tra culture e popoli diversi, uniti dal linguaggio universale della musica. In uno scenario d'eccezione. Il Convento dei Padri Cappuccini di Rione Cona, con i suoi 500 anni di storia, ha infatti ospitato l'applaudita e partecipata esibizione, patrocinata dall'Ambasciata dell'India a Roma e inserita nel contesto delle celebrazioni per i 70 anni delle relazioni diplomatiche tra il Paese asiatico e l'Italia. La manifestazione, presentata da Teresa Tino, è stata introdotta dalla lettura recitata del Cantico delle Creature di San Francesco d'Assisi nella toccante interpretazione di Caterina Menichini. Gli splendidi canti del coro diretto da Renzo Catricalà hanno fatto da apripista agli ospiti internazionali. Sageer Khan, con il suo Sitar, ha esibito un talento fuori dal comune, confermandosi come uno dei più grandi maestri viventi nel maneggiare il tipico strumento a corde della musica classica indiana. Rashmi Bhatt, alle percussioni (tabla), ha colpito per la precisione ritmica, l'originalità nell'esecuzione, le capacità di improvvisazione. Qualità che lo rendono uno dei più ricercati compagni di viaggio da parte dei big della musica pop mondiale. Insieme hanno dato vita ad una performance molto suggestiva e coinvolgente. L'edificio sacro, gremito di spettatori, ha così celebrato un entusiasmante momento di festa e di dialogo interculturale. Viva soddisfazione è stata espressa dal sindaco, Mimmo Donato, dal vicesindaco, Pina Rizzo, dal guardiano del Convento, fra Giovanni Loria, e dal provinciale dell'Ordine, fra Pietro Ammendola. Ad arricchire la serata, una bellissima mostra di opere di arte sacra e paesaggistica realizzata da Nando Catrambone e Paolo Macrì, ospitata all'interno del Chiostro.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa