Il ministro Toninelli in visita a Catanzaro e Soverato
Menu

Il ministro Toninelli in visita a Catanzaro e Soverato

toninelliCATANZARO – “Per noi questo territorio ha la massima priorita’, l’Italia non puo’ crescere senza la Calabria e il Sud. Il Viadotto Morandi di Catanzaro e’ un’infrastruttura che risale agli anni ’50 e oggi e’ in costante manutenzione, dobbiamo ottenere l’obiettivo di non limitarne il traffico. La dirigenza di Anas ci dice che entro un anno, un anno e mezzo, dovremmo tornare alla viabilita’ ordinaria. Lo stesso obiettivo riguarda tutti i ponti strategici che necessitano di interventi in questa regione”. Lo ha detto il ministro alle Infrastrutture, Danilo Toninelli, che ha tenuto stamattina un sopralluogo a Catanzaro nell’ambito di una due giorni programmata di visite in Calabria. “La SS 106 – ha sottolineato – desta molte preoccupazioni, dispiace che si sia andati cosi’ avanti negli anni, ma sappiamo quanto il territorio e le attivita’ commerciali ne abbiano bisogno. Gli stanziamenti sono stati effettuati, e’ fondamentale fare tutto in legalita’ e nel rispetto dell’ambiente. E’ importante velocizzare anche sulla trasversale delle Serre, perche’ i tempi sostenuti non sono accettabili. I cittadini pagano tanti contributi e non sempre hanno un ritorno in termini di servizi efficienti. Cerchiamo, quindi, di migliorare la situazione a fronte delle tante segnalazioni ricevute in questi primi sei mesi di ministero. Il governo e’ presente, gli investimenti in infrastrutture ci sono e ci saranno anche di piu’.
Visitero’ in questi due giorni molti cantieri e chiedero’ agli enti preposti e alle societa’ di Stato che indirizzo e controllo di fare di piu’ rispetto a quanto e’ stato fatto finora”. Toninelli ha poi evidenziato il ruolo centrale del Porto di Gioia Tauro: “Il 40 per cento dell’economia calabrese passa da questa struttura – ha detto – ma ogni anno diminuisce il trasporto delle merci via container. Le potenzialita’ di crescita sono straordinarie, ma il porto e’ stato gestito male finora. Abbiamo su questo punto aperto diversi tavoli a Roma e incontrero’ tutti gli interlocutori necessari per rilanciare e trovare soluzioni anche estreme. Medesimo obiettivo riguarda la A2 se vogliamo collegare tutta l’Italia fino a Reggio. Non ho visto miei predecessori andare a visitare cantieri, cosa che ritengo importante anche per portare le priorita’ nei Consigli dei ministri”. Toninelli cita, quindi, l’esempio del ponte Morandi di Genova: “Soldi, poteri speciali, la demolizione e a fine marzo la ricostruzione. Dopo esempi di tragedie con sfollati rimasti nelle baracche o per strada, oggi i cittadini di Genova hanno i soldi per comprare casa e un ponte che ha impalcature per avviare la ricostruzione. E’ quello che abbiamo voluto portare avanti con la manovra del cambiamento per rilanciare l’economia e trovare un accordo con Unione europea. Non ci sara’ solo il reddito cittadinanza e quota 100, ma anche un impegno importante sulle infrastrutture e sulla lotta al dissesto idrogeologico.Il ministro Toninelli ha, infine, espresso il suo commento a margine sull’indagine che ha coinvolto il presidente della Regione Calabria, Oliverio: “Spero possa chiarire la sua posizione – ha detto – ma in questa terra una manovra importante e’ quella della legalita’. Usare male o illegittimamente soldi pubblici significa non dare servizi ai cittadini. Questo Governo portera’ una ventata di legalita’”.(ITALPRESS).

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa