On. Wanda Ferro (FDI): tutti i bluff di Oliverio
Menu

On. Wanda Ferro (FDI): tutti i bluff di Oliverio

Wanda Ferro 4CATANZARO -  Di seguito una dichiarazione del deputato di Fratelli d'Italia Wanda Ferro:
“Che ancora oggi, a pochi mesi dalla fine della legislatura, il presidente Oliverio prepari l’apertura di una “nuova fase”, l’ennesima, in un settore come la Sanità, lascia esterrefatti. Oliverio è al timone della Regione da quasi quattro anni, e questa lunga prima fase di gestione delle Politiche della salute è stata dedicata esclusivamente ad alimentare un farsesco scontro con il Commissario, sul quale si è continuato a scaricare ogni responsabilità, distogliendo l’opinione pubblica dal ruolo di gestione diretta delle aziende sanitarie e ospedaliere che la Regione esercita attraverso i direttori generali scelti e nominati dal governatore, che in qualche caso è stato così convinto della propria scelta da prorogare il commissariamento in attesa di far maturare i requisiti per la nomina a dg. Abbiamo dovuto attendere che la Calabria tornasse alla ribalta delle cronache nazionali per vicende che non basta definire di mala sanità, ma di sanità surreale, perché Oliverio decidesse di incontrare i direttori generali, per avere “importanti indicazioni e riflessioni”. Ma per far cosa? Forse l’emozione di cui recentemente è facile preda, tanto da farlo esultare per i dati Svimez che certificano lo disperata fuga dalla Calabria di migliaia di giovani, ha fatto dimenticare al governatore che il tempo è scaduto. Fino ad oggi Oliverio non ha mosso un dito per evitare che a Reggio si fasciassero le fratture con gli scatoli di cartone, secondo quanto riportato da autorevoli organi di stampa, o che a Soverato si chiudesse l’ortopedia, o che a Locri l’ospedale finisse al collasso come quelli di Vibo, Castrovillari, Soveria Mannelli e tutti gli altri. Il commissario Scura è stato fino ad oggi il comodo paravento dietro cui nascondere l’irresponsabile immobilismo del centrosinistra, ora si chiede ai direttori generali di costruire percorsi concertati e “una forte impostazione sinergica”, un “nuovo percorso” che finisce prima ancora di nascere. Una riunione, insomma, che suona come l’ennesima presa in giro verso i calabresi".

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa