Comunali Chiaravalle Centrale: la “scelta responsabile” di Salvatore Donato
Menu

Comunali Chiaravalle Centrale: la “scelta responsabile” di Salvatore Donato

Comunali Chiaravalle Centrale: la “scelta responsabile” di Salvatore Donato - 3.4 su 5 basato su 5 voti

Salvatore DonatoUna scelta chiara e netta, quella di Salvatore Donato, in vista delle elezioni comunali del 5 giugno a Chiaravalle. Lui, giovane e affermato professionista, con una militanza attiva nel Movimento 5 Stelle e una candidatura alla Regione sulle spalle, ha scelto il progetto politico che propone la coalizione di Giuseppe Maida per la carica di primo cittadino. “Mi colloco in una lista che rispecchia la mia formazione culturale” ribadisce con convinzione. Donato non dimentica affatto le sue radici “grilline”. Anzi, ricorda “di aver tentato di percorrere, già da tempi non sospetti, una strada di piena autonomia anche per le amministrative”.

Un proposito che si è scontrato con la realtà di un territorio “ancora non maturo per rivoluzioni culturali di questo tipo, ma predisposto favorevolmente solo alla semplice protesta ”. “Ma le idee di cambiamento che sto portando avanti da anni, con riconosciuta coerenza idelogica - sottolinea Salvatore Donato - hanno trovato grande spazio nella coalizione di centrosinistra”. “Per la gravità della situazione in cui ci troviamo - spiega - non potevo stare a guardare dalla finestra. Sentivo il dovere morale di fare qualcosa, anche perché la data del 5 giugno sembra essere l’ultimo treno per il nostro paese”. Ed è arrivato l'incontro con Maida. Per certi versi, del tutto inatteso. “Avevo un'immagine un po' stereotipata del nostro candidato a sindaco che risaliva a venti anni fa, quando Maida era un leone ruggente - confessa Donato. - Ho trovato invece, una persona totalmente cambiata, un uomo dai capelli bianchi, molto disponibile all'ascolto, predisposto all’equilibrio ed alla saggezza, che ha capito che la forza di una lista è frutto di un lavoro sinergico e di squadra e non delle ambizioni personali di un singolo”. “Attorno a lui è stata costruita una squadra di validi giovani - continua - il cui obiettivo comune è il bene della città, fra i quali si è subito instaurato un clima di lavoro sereno ed armonioso”.

Adesso che la campagna elettorale è entrata nel vivo, è arrivato il momento di agire, di lavorare sui problemi concreti di Chiaravalle, a cominciare dalla situazione di dissesto delle casse comunali. “Ma il vero degrado che mi preoccupa non è legato ai soldi - attacca il candidato a consigliere. - Qui c'è un pesante degrado del tessuto sociale e culturale, creato ad arte da oscuri personaggi che amano sguazzare in queste situazioni per affermare i propri interessi personali. Personaggi disposti a tutto, anche a seminare odio nel cuore delle famiglie, la cosa più sacra che possa esistere. Bene, io dico: ripartiamo, invece, proprio dai legami familiari per ricostruire un nuovo progetto per Chiaravalle. Bisogna recuperare quello spirito di coesione per guardare al futuro con fiducia”. “A mio avviso - continua - c'è speranza. Viviamo un momento in cui c'è l'idea tangibile di avere toccato il fondo. Ebbene, proprio in queste situazioni nascono le grandi rivoluzioni. Da qui si riparte, con degli input di sviluppo ben precisi”. Agricoltura e turismo sono le due cifre qualificanti del programma che Salvatore Donato si sente di portare avanti con il proprio impegno. “E' grave, però - sostiene - che lo strumento principe che regola la vita di una comunità, ossia il Piano Strutturale, sia rimasto per anni chiuso in un cassetto a prendere polvere”.

La chiusura è dedicata ai cittadini, invitati “a partecipare più attivamente, da protagonisti, alla vita amministrativa del paese e, soprattutto, alle future iniziative culturali”. E un pensiero finale va “all'amico Salvatore Garito, con cui c'è piena sintonia sul bisogno di cambiamento che c'è a Chiaravalle”. “Non a caso - conclude - lui stesso ha ceduto il passo alle nuove generazioni, sostenendomi in questa mia decisione di scendere in campo”.

Francesco Pungitore

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa