Il Consiglio regionale vara il "Piano Casa 2012"
Menu

Il Consiglio regionale vara il "Piano Casa 2012"

logo regione_calabriaREGGIO CALABRIA - Dopo l’approvazione da parte della IV Commissione consiliare della Regione Calabria, anche il Consiglio Regionale, in conclusione dei suoi lavori, ha approvato a maggioranza il nuovo "Piano Casa", di cui è stato relatore il presidente della commissione, Alfonso Dattolo. La proposta normativa, ora avente forza di legge regionale, modifica ed integra la legge regionale dell’11 agosto 2010 n.21 (“Piano casa”) e inoltre consente di aggiornare la legge adeguandola al quadro normativo nazionale. In particolare, essendo la Calabria un territorio ad alto rischio, sono stati rafforzati i principi di salvaguardia della sicurezza geologica e idrologica, che devono essere assolutamente rispettati in ogni intervento di riqualificazione, ampliamento, ricostruzione e demolizione degli edifici. La legge favorisce gli interventi edilizi mirati a migliorare la sicurezza, la compatibilità geologica ed ambientale, l’efficienza energetica e la fruibilità degli spazi per le persone disabili, anche con l’obiettivo di favorire il rilancio dell’attività edilizia e migliorare il patrimonio immobiliare anche sotto l’aspetto estetico-qualitativo. Per quanto riguarda i Piani Strutturali Comunali (PSC), è stato approvato un emendamento alla Legge Urbanistica che prevede un’ulteriore proroga ai Comuni per l’adozione degli strumenti e che garantisce, fino a quella data, la vigenza degli strumenti attuali. Tuttavia l’iniziativa si è scontrata con il parere dei partiti, il PD ha votato in maniera contraria e in particolare l’Italia dei Valori, secondo cui tale legge non apporterà profitto alla rivitalizzazione dell’economia calabrese. L’assemblea ha approvato anche tre ordini del giorno, nel primo dei quali si esprime solidarietà nei confronti del sacerdote don Ennio Stamile, parroco della chiesa di San Benedetto di Cetraro, vittima di due intimidazioni in cinque giorni. Con lo stesso ordine del giorno il Consiglio ha impegnato il presidente e la Giunta regionale ad attivarsi per un intervento straordinario in favore della Chiesa di San Bruno, nel comune di Sorianello, affinchè sia ripristinata e restituita al culto dei fedeli. La chiesa era stata oggetto di un atto vandalico incendiario che ne aveva irrimediabilmente danneggiato la struttura. Il Consiglio ha votato, inoltre, un ulteriore ordine del giorno con cui si chiede alla Giunta regionale di fare gli opportuni passi nei confronti del Governo ai fini del rispetto dell’investimento deciso a suo tempo dalla Regione per quel che riguarda la realizzazione di una centrale solare a ciclo termodinamico nel territorio della provincia di Crotone, commissionando in tempi brevi il necessario studio di fattibilità. Con l’ultimo ordine del giorno, infine, il Consiglio ha impegnato la Giunta regionale a disciplinare in via definitiva il sistema dell’istruzione e della formazione professionale con percorsi di durata triennale e quadriennale finalizzati, rispettivamente, al conseguimento della qualifica professionale e del diploma professionale da realizzare, in via ordinaria, dalle istituzioni formative accreditate dalla Regione. In allegato il progetto di legge approvato dall'assemblea.

La Redazione

 

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa