Sacal, dichiarazione del presidente Bruno e dell'avvocato Pignatelli
Menu

Sacal, dichiarazione del presidente Bruno e dell'avvocato Pignatelli

Enzo Bruno 1CATANZARO – “Prima che le parole determino un clima di sospetti intorno all’intero sistema Sacal riteniamo che sia indifferibile convocare un consiglio d’amministrazione per chiarire, ove possibile, definitivamente cosa sta avvenendo in questi giorni intorno alla governance della società”. E’ quanto affermano il presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, e l’avvocato Gaetano Pignanelli, componenti del Consiglio d’amministrazione della Sacal in rappresentanza, rispettivamente, di Provincia di Catanzaro e Regione Calabria. “Premesso che bene ha fatto la magistratura a rilevare quanto ha evidenziato, e premesso che nessuno è colpevole fino a sentenza definitiva, non si può continuare come se niente fosse successo – affermano Bruno e Pignanelli -. Urge che un Consiglio d’amministrazione appositamente convocato decida il da farsi per evitare di arrecare danni all'immagine della società che in questo periodo ha necessità più che mai di "mente fredda" e coesione tra le varie componenti pubbliche e private per superare i momenti di possibili criticità e rilanciare l’aeroporto attraverso le nuove opere vedi costruzione aerostazione ed attraverso le strategie di collegamento tra i vari sistemi di trasporto che in Lamezia vedranno l’Hub di riferimento non solo regionale – concludono Bruno e Pignanelli -. Certo è che non si può continuare a governare senza una svolta concreta che fughi i dubbi che in questi giorni si alimentano sui giornali da varie forze politiche: nell’evidenziare il fatto che siamo componenti del CdA solo da qualche mese – concludono Bruno e Pignanelli - riteniamo che dobbiamo lavorare per il rilancio della società, nell’interesse della Calabria e delle persone che ci lavorano e che hanno bisogno di sicurezza nel futuro. Per cui chiediamo che si convochi immediatamente il Cda per un cambio di passo concreto e al fine di dare il giusto impulso al rilancio di questa importante struttura”.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa