Politica Soverato
Menu

Politica Soverato

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Giovane coppia arrestata per il reato di detenzione di hashish ai fini di spaccio

Polizia auto 1Nel pomeriggio di ieri gli Agenti durante un servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto una ragazza ed un ragazzo, trovati in possesso di un panetto da 99,22 grammi di sostanza stupefacente, e due dosi già pronte alla vendita del peso rispettivo di 5,70 grammi e 0,35 grammi, tutto del tipo hashish.
I due, già noti alle forze dell’ordine, sono stati visti dagli operatori in atteggiamento sospetto all’interno di una Volkswaghen parcheggiata in prossimità di via Marincola Pistoia.
I poliziotti si sono insospettiti dal comportamento agitato dei due giovani e dal fatto che la ragazza non appena accortasi della loro presenza, si fosse abbassata all’interno dell’abitacolo per raccogliere qualcosa al disotto del volante e pertanto hanno deciso di procedere al controllo.
Coadiuvati dall’aiuto di un’ altra pattuglia composta anche da personale femminile, l’attività è proseguita con una perquisizione presso il loro domicilio che ha dato esito positivo. Difatti, all’interno del bagno, la ragazza ha spontaneamente consegnato un panetto contenente della droga, che aveva occultato nei suoi slip.
Gli Agenti, inoltre, hanno rinvenuto all’interno di un comodino della camera da letto, nascosto in mezzo alla biancheria, un bilancino di precisione con la presenza di tracce di droga, e sopra una mensola un secondo bilancino con un piccolo pezzo di stupefacente.
I due, entrambi catanzaresi, identificati per R.C. una ventunenne, e B.N. un ventiseienne di etnia rom, sono stati accompagnati presso gli Uffici della Questura per le attività di rito ed al termine sono stati tratti in arresto per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente di tipo hashish, come acclarato in seguito alle analisi svolte da personale del Gabinetto Provinciale della Polizia Scientifica. Tutto lo stupefacente è stato posto sotto sequestro.
L’Autorità Giudiziaria procedente, in attesa del rito di convalida, ha disposto l’applicazione degli arresti domiciliari.
Quello di ieri è un altro risultato, che si aggiunge a quelli realizzati di recente, messo a segno dalla Polizia di Stato nel corso dei servizi di controllo del territorio e delle operazioni di prevenzione e repressione delle fenomenologie delittuose connesse allo spaccio di sostanza stupefacente.

Al via la causa di beatificazione di Natuzza Evolo

Natuzza EvoloSi terra’ il prossimo 6 aprile alle ore 17.00 nella Basilica Cattedrale di Mileto la funzione che sancira’ ufficialmente l’apertura della causa di beatificazione della mistica di Paravati, Natuzza Evolo, deceduta il primo novembre del 2009. Soddisfazione per l’avvio della causa di beatificazione in Vaticano viene espressa dalla Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime, presieduta da Pasquale Anastasi, dopo la pubblicazione dell’editto vescovile per l’apertura della causa di beatificazione che servira’ per alla Chiesa per conoscere le opere e le virtu’ dell’umile donna calabrese. Natuzza si e’ spenta all’alba della festa di Ognissanti nel centro anziani “mons. Pasquale Colloca”, annesso alla Fondazione, all’eta’ di 85 anni. La mistica di Paravati ha fatto della sua vita un’offerta continua a Dio mediante la preghiera, l’accoglienza, la fiducia in Gesu’ e Maria, l’accettazione delle sofferenze. Sul suo corpo per tutta la vita la mistica ha portato i segni di misteriosi fenomeni (ferite sanguinanti e stimmate) che non hanno mai trovato alcuna spiegazione scientifica.

Santa Caterina dello Ionio, persiste la carenza idrica

pozzo monaciNel comune di Santa Caterina dello Ionio persiste il problema dell’approvvigionamento idrico per il quale, da diversi anni, i lavori sono affidati con “procedura d’urgenza” e i servizi di gestione prorogati “nelle more” di un regolare appalto. Il rammarico cresce ancora di più poiché, nonostante le ingenti risorse pubbliche spese ogni anno, i cittadini di questo comune continuano a subire carenza idrica e nella migliore delle ipotesi acqua non potabile. Nel 2001 la giunta guidata dal Sindaco Giuseppe Leto ha dato indicazioni per la realizzazione di un Pozzo in località BUTULLI e nel 2013 un nuovo Pozzo in località MONACI. Nonostante il fallimento delle scelte politiche operate dalla precedente amministrazione per ciò che riguarda tale problematica, oggi anche l’attuale maggioranza reitera tali preferenze in modo autonomo e senza alcun apparente studio preventivo al fine di capire più in generale l’origine del problema idrico nel centro capoluogo. Infatti l’attuale Sindaco pro tempore, Francesco Severino ha chiesto l’autorizzazione per la ricerca di acque e scavo di un pozzo, sempre nella medesima Località MONACI dove, già esiste il pozzo sopra citato e per il quale sono stati spese diverse migliaia di euro per lavori di somme urgenza riguardante in particolare la sostituzione delle pompe di tiraggio senza aver risolto il problema approvvigionamento. Ancora una volta assistiamo a scelte destinate più a curare il sintomo che non la malattia con conseguente sperpero di denaro pubblico utilizzato per fini propagandistici e con effetti negativi e limitati nel tempo. Si rimane al quanto sorpresi perché nonostante la necessità di acqua potabile, il Sindaco chiede l’autorizzazione per la realizzazione di un pozzo ad uso irriguo verde pubblico come se la sua presunta “vocazione agricola” lo spingesse a considerare i cittadini di Santa Caterina come degli ortaggi tipo cavoli cappuccio ai quali necessita acqua irrigua per svilupparsi. Ulteriormente basiti si rimane se si pensa al fatto che nel predisporre gli atti di Gara per “Ripristino rete idrica a servizio del serbatoio in loc. Vatrò della Marina di Santa Caterina dello Ionio e del tratto di rete adduttrice del centro capoluogo” per un importo a base d’asta di circa 80.000,00 Euro, si impone alla eventuale ditta aggiudicataria una miglioria, “regalo al comune”, riguardante la trivellazione esplorativa per l’individuazione di falde acquifere e realizzazione a regola d’arte di un pozzo per la captazione dell’acqua. Considerate le spese già sostenute per gli stessi interventi sempre in località MONACI, l’importo della miglioria richiesta, non sembra essere inferiore a circa 60.000,00 Euro. Rimaniamo in attesa quindi di conoscere le ditte che saranno così generose di accettare l’aggiudicazione dei lavori a base d’asta per circa 80.000,00 e regalarne altri 60.000,00 circa al comune di Santa Caterina in quanto condizione imprescindibile per poter partecipare all’appalto. Sulle problematiche dell’approvvigionamento idrico e potabilità dell’acqua, ritorneremo nei prossimi giorni poiché si tratta di un servizio basilare per ogni comunità e per il quale il comune di Santa Caterina, da diversi anni spende ingenti risorse pubbliche senza mai risolvere il problema.

Raffaele Pilato – Capogruppo Cambiamo Santa Caterina
Stella Criniti – Capogruppo Apertamente

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa