Il Consiglio comunale di Soverato approva la “rottamazione delle cartelle”
Menu

Il Consiglio comunale di Soverato approva la “rottamazione delle cartelle”

Cons com 28 febb 2017SOVERATO – Si è tenuto questo pomeriggio nella sala consiliare “B. Manti” di Palazzo di Città il Consiglio comunale di Soverato convocato in sessione “straordinaria e urgente” con un solo punto all’ordine del giorno, ovvero quello riguardante il "Regolamento relativo alla definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento ex decreto legge n. 193 del 2016. Approvazione."

Presenti tutti i consiglieri comunali. In apertura dei lavori ha preso la parola il consigliere comunale (e provinciale) Francesco Severino, il quale ha comunicato che “dopo quasi due anni in questo Consiglio comunale nel gruppo consiliare ‘PD-Oltre’, e dopo dopo una riflessione con il dirigente locale del partito – ha affermato – costituisco il gruppo consiliare del PD. Inoltre, sempre adoperandomi per il bene della città – ha annunciato – presto terremo un convegno in città con il presidente della Regione Oliverio per affrontare i problemi riguardanti il comprensorio di Soverato.”

Successivamente è intervenuto il consigliere Giulio Moraca: “Alla luce della dichiarazione del consigliere Severino – ha detto – a questo punto il gruppo da me rappresentato cambia denominazione e diventa ‘Oltre’ e faremo parte io e la consigliera Altamura.” Il consigliere Salvatore Riccio invece, già da tempo, aveva costituito il gruppo consiliare Udc.

Successivamente ha preso la parola il sindaco Alecci, in quanto, su sollecitazione del consigliere Moraca che ha chiesto alcuni chiarimenti, ha voluto riassumente la vicenda del Supercinema. “In virtù del fatto – ha detto Alecci – che uno dei proprietari dei locali del Supercinema denunciava lo stato fatiscente degli stessi, vedendo che dopo poche settimane il cinema è stato riaperto, ci siamo adoperati per verificare, attraverso la Polizia Municipale e i tecnici, lo stato di sicurezza. In assenza di una delle certificazioni richieste, è stata fatta un'ordinanza di chiusura che però non è stata ancora notificata ai proprietari. Nel frattempo comunque – ha spiegato Alecci - sono stati presentati i certificati per le norme di sicurezza e la Commissione di Pubblico Spettacolo si riunirà a breve. Dopodiché, se tutto sarà in regola potrà rimanere aperto e, a quel punto, si potrebbe revocare l'ordinanza. Logicamente, in attesa che si pronunci la Commissione di pubblico spettacolo, il supercinema potrebbe rimanere aperto previa assunzione di responsabilità dell’ente comunale.”

Si è passati poi alla discussione dell’unico punto all’ordine del giorno, ovvero quello del "Regolamento relativo alla definizione agevolata delle ingiunzioni di pagamento ex decreto legge n. 193 del 2016. Approvazione."
Il consigliere con delega ai tributi Christian Castanò, ha dato lettura della prima parte del regolamento, spiegando poi che il Comune ha aderito alla ‘rottamazione delle cartelle’ (riguardanti Tarsu, servizio idrico, Ici, Imu, Cosap, Cimp e multe) sturmento messo a disposizione dalla legge, “perché pensiamo – ha detto - sia anche un'opportunità per chi vuole mettersi in regola, togliendo gli interessi di mora e le sanzioni. C'è la possibilità – ha spiegato - di pagare in un'unica rata che deve essere minimo di 100 euro o in più rate e, precisamente, tre nel 2017 e due nel 2018. Chi non rispetta la scadenza delle rate perde però la possibilità di usufruire di questa misura.”

Il consigliere Moraca ha chiesto lumi su una possibile quantificazione e il sindaco Alecci, intervenendo ha affermato che “potrebbe sembrare un paradosso perché magari chi ha pagato sempre puntuale adesso vede questa misura per chi non paga, è anche vero – ha proseguito - che da amministratore ho potuto constatare che ci sono persone che non sono riuscite a pagare perché in difficoltà. È un dovere di un amministratore riscuotere i tributi e un dovere del cittadino quello di pagarli. Abbiamo deciso di aderire a questa misura per amministrare anche il corrente con più liquidità per via del bilancio armonizzato a cui ci dobbiamo attenere”.

In merito alla richiesta di Moraca è intervenuto anche il responsabile finanziario, dott. Macrina, affermando che bisogna attendere prima di sapere quanti aderiranno a questa misura e “comunque – ha detto – il monte ingiunzioni complessivo ammonta a circa 800-900 mila euro e l'impatto potrebbe essere di circa 100 mila euro. Ricordo inoltre che, per quanto riguarda il servizio idrico, non ci sono sanzioni ma solo interessi di mora e le ingiunzioni di cui si parla, riguardano, per gran parte, proprio quelle del servizio idrico. Comunque, questa misura, riguarda gli atti di ingiunzione di pagamento compresi fino a tutto il 2016.”
Il provvedimento è stato approvato con i voti favorevoli di tutti i consiglieri comunali.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa