Squillace, replica del sindaco Muccari sulla vicenda rifiuti urbani
Menu

Squillace, replica del sindaco Muccari sulla vicenda rifiuti urbani

conferenza stampa muccari su rifiuti nov2017SQUILLACE - Arriva a stretto giro di posta la replica del sindaco di Squillace dopo la notizia, pubblicata anche da soveratiamo.com, del blitz dei funzionari della Digos in municipio teso ad acquisire le “carte” riferite alla gestione del servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Il sindaco Pasquale Muccari ha convocato una conferenza stampa nella sala consiliare del municipio squillacese, a cui hanno preso parte anche gli assessori comunali Franco Caccia e Rosetta Talotta e il responsabile dell’ufficio tecnico comunale Gregorio Talotta. E’ stato chiarito, in particolare, un fatto: «se la precedente gara non fosse stata un fallimento, oggi non si sarebbe avuto l’accesso dell’autorità giudiziaria». E a frenare l’emanazione del nuovo bando di gara del servizio rifiuti è stata la complessità delle leggi che regolano il settore e una serie di eventi che hanno reso difficoltoso l’iter. Muccari ha precisato che il servizio di raccolta rifiuti con il sistema “porta a porta” era gestito prima da una ditta che aveva ottenuto l’affidamento nel 2009 con regolare bando di gara, prorogato per ben cinque anni fino all’insediamento della nuova amministrazione. La problematica poi è stata affrontata in maniera soddisfacente, tanto che si è registrato anche il raggiungimento di alte percentuali di differenziata, fino al 70% annuo. Poi ci sono state criticità con la ditta “Ecoservizi”, per cui, ha detto Muccari, «abbiamo dovuto sopportare un contenzioso in sede giudiziaria, conclusosi con la corresponsione delle sole spese vive». «A ferragosto 2015 – ha aggiunto il sindaco – abbiamo corso seri rischi di carattere igienico-sanitario per la presenza di tanti rifiuti sul territorio. Ho, quindi, dovuto emettere la mia prima ordinanza affidando alla ditta “Sieco” l’incarico di rimuovere tonnellate di spazzatura. La “Ecoservizi” poi comunicò l’interruzione del servizio a partire dal 1. settembre. Con la seconda ordinanza abbiamo affidato il servizio alla “Sieco”, fino all’espletamento del nuovo bando. La procedura per bandire la nuova gara ha avuto la sua fase conclusiva nell’ultima riunione del consiglio comunale con l’approvazione del relativo progetto e il bando è stato già inviato alla stazione unica appaltante». Per il sindaco Muccari, quindi, «non c’è stata alcuna inerzia da parte della mia amministrazione, ma ritengo ampiamente giustificati i mesi di ritardo nell’avvio del bando di gara sul servizio rifiuti».

Carmela Commodaro

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa