Squillace Lido, revocata delibera di proroga convenzione della lottizzazione turistica
Menu

Squillace Lido, revocata delibera di proroga convenzione della lottizzazione turistica

squillace lidoSQUILLACE - Il commissario prefettizio del Comune di Squillace, Giuseppe Belpanno, ha revocato la delibera con la quale aveva prorogato la convenzione della lottizzazione di un terreno, situato a ridosso della spiaggia di Squillace, dove la società “Rive del Principe s.r.l.” intende realizzare una struttura turistica. Sulla questione era intervenuto, nei giorni scorsi, l’ex sindaco di Squillace Pasquale Muccari, il quale aveva chiesto al commissario di revocare in autotutela quella delibera, che prorogava la validità della convenzione per altri cinque anni, fino al 2024. Oggi, dopo l’intervento di mercoledì, è tornato sull’argomento anche il deputato del M5s Paolo Parentela. «Apprendo con piacere – scrive in una nota - dell’immediata revoca della deliberazione con cui il commissario del Comune di Squillace aveva prorogato la convenzione urbanistica di lottizzazione di un terreno a ridosso della spiaggia locale. Nella nuova deliberazione di revoca della precedente, lo stesso commissario ha riconosciuto la necessità di approfondimenti sul caso. Proprio ieri avevo ricordato pubblicamente che secondo la giurisprudenza amministrativa sono illegittimi i piani di lottizzazione-convenzione urbanistica privi di valutazione ambientale strategica (Vas). Inoltre, avevo rammentato che la normativa vigente prevede che si debba verificare l’assoggettabilità alla Vas, con riferimento a piani e programmi che determinino l’uso di piccole aree a livello locale e per modifiche di piani già sottoposti a questo tipo di valutazione. A questo punto è bene, però, che il commissario chiarisca alla comunità le ragioni che lo hanno spinto prima a deliberare la proroga in questione e poi a revocarla nella stessa giornata del 20 febbraio scorso, in quanto ciò è strano e non c’entra, evidentemente, con gli interventi di soggetti politici che, ignorando i tempi della vicenda, ora si attribuiscono i meriti per la retromarcia del Comune di Squillace». Parentela, concludendo, rileva che «il M5s continuerà a difendere l’ambiente e il paesaggio della zona e dell’intera Calabria, impedendo la cementificazione selvaggia che ha distrutto posti meravigliosi e scenari naturali di altissimo valore».

Carmela Commodaro

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa