Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Volley Soverato,trasferta in quel di Martignacco

Volley Soverato logoAncora una gara lontano dal “ Pala Scoppa” per il Volley Soverato che, dopo la brillante e schiacciante vittoria nel turno precedente in quel di Caserta, si appresta a disputare la sua seconda trasferta consecutiva del campionato. Le ragazze di coach Napolitano, che guidano a punteggio pieno il girone B con Orvieto, giocheranno domenica contro la compagine dell' Itas C. Fiera Martignacco che, proprio alla prima giornata di campionato ha regolato per tre set a zero la Volalto Caserta, mentre la scorsa settimana la squadra guidata da coach Gazzotti ha osservato il suo turno di riposo. Si tratta di un importante esame per capitan Aricò e compagne chiamate a confermarsi dopo l’ avvio positivo di stagione. In questi primi due turni si è visto un Soverato battagliero e determinato che merita i sei punti in classifica; un gruppo che migliora con il passare del tempo, che certamente potrá fare bene in questa stagione difficile e lunga. Tormenti e compagne partiranno sabato pomeriggio per raggiungere la sede del ritiro. Sul prossimo impegno delle biancorosso, abbiamo ascoltato le impressioni di coach Bruno Napolitano:” Partita non semplice, contro una squadra che ha fatto un'ottima prestazione contro Caserta al debutto; una squadra equilibrata che fa della battuta e della difesa le sue armi migliori con un buon opposto mancino in grado di dare fastidio. Non dobbiamo commettere l'errore di sottovalutare l'avversario soprattutto dopo la buona prova di Caserta; dunque, massima attenzione e concentrazione per fare le cose bene senza eccessiva pressione”. Fischio d'inizio domenica pomeriggio alle ore 17.

Giornata europea sulla depressione: convegno a Catanzaro

La Giornata Europea sulla DepressioneCATANZARO - “Depressione e pregiudizi. Luce sul male oscuro” è il tema del convegno che si terrà a Catanzaro, al palazzo della Provincia, sabato 20 ottobre alle ore 9.30. L’iniziativa è dell’associazione italiana sulla depressione “Eda Italia Onlus”, in collaborazione con il centro antiviolenza “Attivamente coinvolte Onlus” e con il patrocinio del Ministero della Salute e il supporto di “Cen.Stu.Psi.”. Il 20 ottobre, infatti, è la data ufficiale per l’Italia della quindicesima edizione della “Giornata Europea sulla Depressione”. Essa nasce con lo scopo principale di essere un primo passo verso una piena divulgazione che porti a dare informazioni corrette sulla natura della malattia depressiva e dei disturbi dell'umore in genere: malattie molto diffuse, spesso subdole nella loro evoluzione, che coinvolgono tutte le età e con esordio frequentemente in età giovanile. Dopo i saluti, la psicologa e psicoterapeuta Maria Rosaria Juli interverrà sulla giornata europea sulla depressione. Seguirà la relazione della presidente di “Attivamente Coinvolte Onlus”, avvocato Stefania Figliuzzi sul pregiudizio nelle donne vittima di violenza. “Le barriere invisibili” sarà il tema dell’intervento della presidente di “Ave-Ama” e “Casm” Ninetta Cristallo. Luana Maurotti, presidente dell’associazione “Cal.M.A.” si soffermerà sulle passioni nemiche della depressione, mentre Luigi Cuomo, presidente “Anmil” sul pregiudizio nelle vittime degli incidenti sul lavoro. Concluderà lo psichiatra Luigi Juli, dell’associazione “Greca Dca”, che parlerà del pregiudizio nei disturbi della condotta alimentare. Il dibattito sarà moderato da Benedetta Garofalo, addetta stampa del Centro Servizi per il Volontariato di Catanzaro.

Carmela Commodaro

Squillace, il circolo PD interviene nel dibattito politico locale

enzo zofreaSQUILLACE - Anche il circolo “Sandro Pertini” del Partito Democratico di Squillace si prepara in vista delle elezioni comunali della prossima primavera. Il direttivo sezionale interviene ufficialmente nel dibattito politico partendo dal fatto che «attraverso i social arrivano una serie di segnalazioni da parte di alcuni cittadini sullo stato di degrado di alcune zone della città a causa delle carenze dell'impianto di illuminazione pubblica». Come reso noto dal segretario del circolo Pd, Enzo Zofrea, «tutto ciò ci offre lo spunto per avviare un ragionamento in vista della prossima campagna elettorale che alcuni hanno già aperto». «Rispetto al degrado denunciato – afferma - si possono avere due atteggiamenti. Quello solito per cui si dà la colpa agli altri per la loro incapacità oppure quello che indica come ci si dovrebbe muovere per risolvere il problema. Una volta che ci si è resi conto che i danni causati da chi prima non ha fatto, sono enormi, a poco serve continuare a piangersi addosso o a fare voli pindarici rimanendo nell'ovvio». Secondo il Pd, infatti, ai cittadini interessa sapere come si intende agire per rendere migliore la loro esistenza partendo dall'illuminare la strada davanti alla loro casa. «Con buona pace delle liti personali, dei programmi copia e incolla, delle dispute anagrafiche, dei pupi e dei pupari, dell’incapacità di chi c'era prima e delle occasioni perdute», aggiunge. «Sbaglia – prosegue ancora il comunicato - chi sta facendo della prossima campagna elettorale un palco per rivincite personali. Squillace è più importante dei desideri di rivincita, della volontà unica e cieca di rifarsi. Lo diciamo senza polemica. Sbaglia chi fa promesse su tutto e il contrario di tutto. Ci vuole responsabilità. Bisogna dire la verità. E la verità è che lo sviluppo, le possibilità di favorire la nascita di nuove attività produttive, il sostegno alle famiglie e a chi cerca un lavoro sono obiettivi sui quali non bastano le belle parole, qualche promessa lanciata senza sapere nemmeno di cosa si sta parlando. Sono obiettivi su cui bisogna lavorare tutti insieme, uniti, da comunità vera, con una programmazione ponderata e realistica. Nella consapevolezza che non esiste una soluzione ai problemi senza le competenze e i talenti di un gruppo di persone e non esiste un gruppo se non esiste un soggetto che faccia sintesi. Questo soggetto non può venire dopo, ma ci deve essere prima e deve camminare avanti come - per usare una espressione utilizzata da Tom Benetollo, un dirigente politico degli anni Ottanta - “I lampadieri che durante il Medioevo camminando davanti tenevano la pertica con la lampada rivolta all’indietro, appoggiata sulla spalla con il lume in cima, permettendo a chi stava dietro di camminare più sicuro, non per eroismo o narcisismo, ma per sentirsi dalla parte buona della vita.” Come Circolo Pd intendiamo fare la nostra parte e la faremo fino in fondo».

Carmela Commodaro

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa