Redazione
Menu

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Squillace, “Il mondo visto con gli occhi di un albero”

progetto albero scuola squillaceSQUILLACE - Si è svolta nel giardino di una coppia di professionisti di Squillace una tappa del progetto nazionale di educazione ambientale denominato “Il mondo visto con gli occhi di un albero”, promosso dal Raggruppamento Carabinieri Biodiversità. Vi sono impegnati gli alunni di quarta e quinta classe della scuola primaria di Squillace Centro, che si sono recati nella proprietà della famiglia Gagliardi, dove insiste un antico ulivo. Guidati dai loro insegnanti Marianna Ziparo, Miriam Comito, Anna Sia e dall’educatore Fabio Quadro, i ragazzi hanno assistito ad una vera e propria lezione di botanica impartita dall’esperto Carmine Lupia, che è anche direttore della riserva naturale regionale delle Valli Cupe. L’ulivo secolare dei Gagliardi è un albero monumentale con una circonferenza di 7 metri e potrebbe avere da 8 a 10 secoli d’età. «Potrebbe essere, infatti – ha detto Lupia - l’albero più antico della provincia di Catanzaro». Nelle vicinanze vi sono due zone archeologiche, dove un tempo erano situati i conventi dei Cappuccini e dell’Osservanza, quindi può essere che i monaci del tempo abbiano apportato un innesto di albero maschio su uno esistente. L’albero produce olive di due diverse qualità, nere e verdi. «Un vero e proprio ecosistema vivente – ha aggiunto Lupia - che convive bene con le intemperie e le malattie». Gli alunni hanno posto tante domande all’esperto, anche sull’olio, sull’ambiente, sull’ecosistema e naturalmente sull’ulivo secolare, sul quale produrranno una serie di elaborati con cui parteciperanno al concorso nazionale legato al progetto. Al termine, la famiglia Gagliardi ha offerto un rinfresco a tutti, a base di dolci e gelati.

Carmela Commodaro

Soverato, Tiani tenta la strada delle Regionali

udc soverato e1514388305605In netto anticipo rispetto ai convenzionali e ormai obsoleti proclami, il dottor Giancarlo Tiani, fortemente incoraggiato anche dai dirigenti locali dell’UDC di Soverato ( partito di cui fa parte ormai da diversi mesi), annuncia anzitempo la sua decisione di candidarsi alle prossime elezioni regionali sotto le fila dello Scudocrociato. Una decisione maturata in stretto riserbo e mossa dalla volontà di tentare di cambiare radicalmente il volto del territorio calabrese. Il dottor Tiani noto medico pediatra di famiglia, per cinque anni già presidente del consiglio comunale di Soverato, spinto dalla sua esperienza professionale e dalla conoscenza del sistema sanitario regionale, arricchita quest’ ultima dall’attività di lungo corso di sindacalista come segretario provinciale Simpef (Sindacato Italiano Medici Pediatri di Famiglia), ha ben chiare le gravi problematiche della Sanità calabrese e gli strumenti necessari per risolverle. Sanità calabrese che da diversi anni occupa ormai tristemente gli ultimi posti, in termini di qualità dell’offerta sanitaria, nella graduatoria non solo italiana ma addirittura europea dei servizi sanitari regionali. Non solo sanità ma anche viabilità, lavoro e rilancio del turismo, saranno i principali settori di interesse del candidato che si propone come punto di riferimento dell’ intero territorio del soveratese e le cui istanze intende portare avanti. Quella del dottor Tiani è una candidatura fortemente voluta e sostenuta dall’ UDC che, schierato nel centro destra, ha ottime possibilità di affermarsi alle prossime elezioni regionali, come testimoniato dalle recenti performance elettorali conseguite in Abruzzo e in Sardegna, con l’ elezione di propri rappresentanti in seno ai Consigli regionali. A tal proposito presto i vertici del partito, sia il Segretario Nazionale Lorenzo Cesa, che quello Regionale Francesco Talarico saranno in territorio soveratese per annunciare a tutti gli iscritti,sostenitori e simpatizzanti gli impegni e la strada da percorrere in vista dei prossimi appuntamenti elettorali, ciò sarà occasione per ufficializzare la candidatura del dottor Giancarlo Tiani.

Squillace, presentata la lista "Tuttinsieme per Squillace" guidata da Oldani Mesoraca

lista oldani mesoraca2SQUILLACE - «Gli allarmismi creati in questi giorni non hanno alcun fondamento». Lo ha affermato Oldani Mesoraca, candidato a sindaco alle prossime elezioni comunali di Squillace, presentando ieri la sua lista “Tuttinsieme per Squillace”. «Ci risulta – ha aggiunto - che il dissesto non sarà concluso in negativo e nei prossimi giorni il commissario licenzierà il bilancio di previsione». Poi ha proceduto alla presentazione dei primi dieci candidati a consigliere. Si tratta di Pina La Luna, Daniela Lioi, Concetta Sinopoli, Mimmo Albanese, Tonino Facciolo, Francesco Lioi, Sandro Mauro, Claudio Panaia, Saverio Settembrino, Enzo Zofrea. Due posti sono ancora liberi, per dare spazio a new entry. Mesoraca ha anche mostrato il simbolo della lista che è composto da tre icone con i capisaldi del suo programma: Cassiodoro, un manufatto ceramico e il mare, a significare che grande attenzione l’amministrazione rivolgerà proprio alla cultura, alla ceramica e al turismo. Mesoraca ha illustrato il programma a grandi linee, riservandosi di entrare nei dettagli durante la campagna elettorale. Innanzitutto il turismo, con la valorizzazione della piazza, del castello, dei monumenti, la collaborazione con la Pro loco, la realizzazione di punti informativi sul territorio, una piattaforma online, l’incentivazione dell’ospitalità diffusa, un ostello della gioventù, ma anche il lungomare, la rivisitazione del piano spiaggia, la pineta, un collegamento su gomma tra centro storico e marina, la rete museale, un premio culturale. Anche l’istruzione sarà attenzionata con interventi per la valorizzazione del liceo artistico, l’asilo nido di Squillace Lido, la messa in sicurezza degli edifici scolastici. Naturalmente, la ceramica, che avrà tutta l’attenzione dell’amministrazione comunale in fatto di promozione nazionale e internazionale. Si punterà molto sull’ambiente e sul decoro urbano, l’illuminazione pubblica, le reti viaria, fognaria e idrica, il cimitero, i quartieri periferici. Non mancherà l’impegno per le politiche sociali, giovanili e sportive. Altri obiettivi sono la riduzione dei tributi comunali, il bilancio partecipato e trasparente, consigli comunali aperti alla partecipazione dei cittadini e soprattutto l’istituzione di un ufficio dedicato alla progettazione europea, «visto che Squillace – ha rilevato Mesoraca – non ha partecipato ai bandi fin qui emanati dalla Regione».

Carmela Commodaro

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa