Girifalco, grande successo della due giorni Ri_Vedi il centro storico
Menu

Girifalco, grande successo della due giorni Ri_Vedi il centro storico

dibattito prima serata con cappiGIRIFALCO – E’ nell’abbraccio fiero di una bimba al suo papà, protagonista dello sketch con i Pagliacci Clandestini, tutta la magia di Ri_Vedi il centro storico. In quelle piccole braccia tese ci sono l’amore e la bellezza, i due ingredienti di una manifestazione unica. dibattito seconda serataStraordinaria. La terza edizione della kermesse, organizzata dall’Amministrazione Comunale su input del presidente del Consiglio, Elisabetta Ferraina, si è conclusa sabato con grandissimo successo. Questo grazie all’impegno dei tanti che hanno sostenuto il Comune: associazioni, sponsor, ospiti, pubblico, residenti della piazzetta e supporter. Accanto all’Ente, per questa terza edizione, ci sono stati il Gal Serre Calabresi, l’associazione #lacalabriacherema, Prociv, Pro Loco, Fv Music in the World, Ecocentrica, la Felce, l’Associazione Teatro Popolare Girifalcese e il Centro Riuso e Riciclo. La manifestazione si è sviluppata in due giorni, venerdì e sabato, ed è stata allietata da diversi momenti e interventi come l’arredo di riciclo creativo a cura di Gianfranco Fiato e l’intervento artistico in piazza Maiuri a cura di Claudio Morne raffigurante le mani di una donna anziana che ricama. Un’immagine, perfettamente, in tema con il libro “La Lettera che non ti ho mai scritto” presentato dall’autrice Barbara Cappi (scrittrice, sceneggiatrice e autrice, negli ultimi anni di tanti programmi di Maria De Filippi) nel suggestivo scenario di Borg@rte. A conversare con la travolgente scrittrice – che ha scelto come protagonista del suo romanzo Annina, una sartina originaria di Girifalco - è stata la giornalista Giulia Zampina. A Girifalco la scrittrice ha, inoltre, annunciato l’uscita a breve del suo secondo romanzo sempre incentrato sulla figura di Annina, la sarta di Girifalco. La presentazione del libro è stata allietata dalla splendida voce di Sofia Burdino che con il pagliacci clandestinisuo talento è arrivata sino a Sanremo. Alla giovane artista girifalcese, l’amministrazione comunale ha consegnato un attestato di merito. Mentre alla scrittrice, Barbara Cappi, è stato donato un cesto di prodotti tipici offerti dal Gal Serre Calabresi. Nella splendida e antica cornice è stato possibile ammirare i lavori del gruppo di Girifalco – Laboratorio artigianale Aeffecreations di Angela Maria Feroleto. Ad accompagnare il pubblico precedendo il momento dedicato al teatro con la rappresentazione “Partecipazione di nozze” a cura dell’associazione Teatro Popolare Girifalcese, sono state le bolle di sapone giganti dei #pagliassi.it e la proiezione del video Borg@rte – prima serata borgarteE l’amore verrà realizzato da Geosin di Pasquale Antonio. Nel corso delle due serate è stato possibile contribuire all’Art Bonus, acquistando una bottiglia di vino messa in vendita dal Parco Monte Covello ciascun acquirente ha donato un euro per la riqualificazione dei luoghi di cultura inseriti dall’amministrazione comunale nella misura promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. La due giorni è stata trasmessa in diretta streaming da Tele Pepè a cui va un caloroso ringraziamento. Il giorno dopo – sabato 29 luglio - la manifestazione si è spostata nelle “rughe”, precisamente a piazzetta Maiuri. Qui è stato possibile ammirare le pipe di Vitaliano Posella e i lavori di Emanuele Bianco e Barbara Olivadoti. In tanti hanno, inoltre, potuto ammirare i “piccoli- grandi” capolavori di Domenico De Giorgio. Ospiti del dibattito “Centri storici: la grande bellezza”, moderato dal giornalista Ugo Floro, sono stati Wanda Ferro, consigliere regionale, Daniele Rossi, presidente de #lacalabriacherema, e Nicola Fiorita, docente Unical. Prima del dibattito, accompagnati dal sindaco Pietrantonio Cristofaro, dal vicesindaco Maurizio Siniscalco e dal presidente del Consiglio Comunale, Elisabetta Ferraina, gli ospiti hanno visitato Borg@rte. Nel corso del dibattito, oltre agli amministratori, ha preso la parola anche l’architetto Domenico Conaci – tra i promotori dell’iniziativa. Agli ospiti è stata donata una tela con una fotografia di Borg@rte vista dall’alto con sopra una frase tratta dall’ultimo libro di Domenico Dara, Appunti di Meccanica Celeste. A Wanda Ferro sono, inoltre, stati donati degli orecchini realizzati da Gianfranco Fiato con materiale di riciclo. La serata è proseguita con la musica della Junior Band e la magia del teatro di strada “Clown Fofo”, #pagliacciclandestini. Soddisfatto della riuscita della manifestazione si è detto, in particolare, il presidente del Consiglio Comunale, Elisabetta Ferraina che, interpretando il sentimento dell’Amministrazione e del sindaco, ha dichiarato: “Nell’anno dei Borghi, Ri_Vedi ha aperto l’estate girifalcese in due serate ed un programma in cui il centro storico è stato assoluto protagonista portando in scena l’amore a Borg@rte e la bellezza in piazzetta Maiuri. Arte, cultura, riciclo creativo e spettacolo: questi gli elementi utilizzati per raccontare delle storie e per riempire il contenitore – il tessuto urbano esistente – di unicità regalando ai tanti visitatori nuovi punti di vista. La valorizzazione dei nostri luoghi passa anche e, soprattutto, da iniziative come questa pensate per innescare una corrispondenza biunivoca tra il carattere del nostro territorio e la partecipazione attiva di tutti coloro i quali si sentono parte di una grande festa che si arricchisce edizione dopo edizione. Tutto questo e molto altro è Ri_vedi”.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa