Grande successo per il "Satriantella Festival"
Menu

Grande successo per il "Satriantella Festival"

Grande successo per il "Satriantella Festival" - 5.0 su 5 basato su 2 voti

Satriantella seconda serataSATRIANO - Boom di partecipazione al "Satriantella festival" edizione 2012. Una due giorni di grande festa, sulle note della musica popolare. Più di quattromila persone hanno aperto le danze della prima serata. Una quarta edizione rinnovata con un nuovo logo, e un nuovo team organizzativo. Questa volta la dirigenza è stata affidata a Kalabria Indye sound, associazione in grande ascesa formata da giovani musicisti ed artisti calabresi, e al cni music (Compagnia Nuove Indyestorica), una casa discografica romana che da oltre 20 anni produce, promuove e distribuisce la migliore musica popolare made in Italy. Entrambi coadiuvati dall'amministrazione comunale, in particolare all'assessorato al turismo sport e spettacolo rappresentato dall'assessore Alessandro Catalano, hanno investito tanto facendo in modo che anche il "Satriantella Festival" entrasse nel circuito dei grandi festival quale quello di Caulonia e di Spadola. Una prima serata dicevamo di gran successo con piazza Monumento stracolma di gente venuta da tutto il comprensorio, emigranti, e anche qualche turista. In apertura della manifestazione, ci sono stati "Anna Invidia", voce pugliese dei pubblico Satriantella seconda serataMalicanti e gli "Anima Partenopea", gruppo campano che basa il suo sound sulla rivisitazione del cosiddetto "classico napoletano". Alle 23.30 è stata la volta di Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea che insieme ai "Tarantaproject" hanno chiuso la serata facendo ballare tutti sino a tarda notte. Nella seconda serata, in una piazza Monumento che ancora una volta ha ospitato circa quattromila persone, è stata la volta degli "Skunchiuruti", una band proveniente da Cataforio e a seguire i "Lisarusa" di Guardavalle. Subito dopo il folto pubblico ha assistito alle performance musicali dell'organetto di Antonio Grosso e a quelle etno-coreutiche delle quattro ragazze, che hanno provveduto a dare una cornice all'esibizione. La chiusura della serata è stata affidata ai "Parafonè" che hanno anche presentato il loro ultimo cd "diperanza". Nei pomeriggi della due giorni di festa, per prepararsi al meglio a ballare e a suonare fino a tarda notte, molti ragazzi, e non solo, hanno assistito alle lezioni di danza e strumenti tradizionali, di Zampogna, di Tamburello e di Organetto, tenuti dai componenti dell'associazione "Radici del Suono". E non solo, perché ad ornare di più la piazza del centro storico ci sono state le bancarelle e gli stand gastronomici che hanno distribuito panini, arancini, prodotti tipici locali e anche vino e birra. Dunque "una edizione rinnovata non solo dal punto di vista tecnico, operativo, ma anche dal punto di vista dell'organizzazione, dello spirito, considerato che  - afferma l'assessore Catalano - già nel pomeriggio durante la preparazione della prima serata, soprattutto, si sentiva un'aria diversa e alquanto nuova. Appuntamento quindi all'edizione 2013."


Maria Teresa Battaglia

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa