Soverato ha ospitato l'ottava edizione del festival “Jonio Danza”
Menu

Soverato ha ospitato l'ottava edizione del festival “Jonio Danza”

danzaIl teatro comunale di Soverato ha ospitato l'ottava edizione del festival “Jonio Danza”. Un evento tra i più importanti del Mezzogiorno per numero di partecipanti, qualità delle performance e nomi in giuria. Quest'anno sono state presentate oltre centocinquanta esibizioni, di diversa concezione artistica, frutto della sapiente direzione di Pierluigi Galati che si è avvalso della collaborazione del maestro Michele Villanova, primo ballerino alla Scala di Milano e coreografo molto noto al grande pubblico. Eccellenze anche tra i giurati. Artisti di fama internazionale chiamati ad assegnare borse di studio e premi ai concorrenti e alle migliori prestazioni in tutte le discipline. Un vero e proprio parterre di professionisti della danza, impegnati a valutare le esibizioni artistiche degli allievi di ben trentaquattro scuole attive nel Sud Italia. Tra i nomi dei componenti della giuria, capitanata da Villanova: Little Phil (reduce dal tour di Justin Timberlake), Mauro Astolfi (fondatore dello Spellbound Contemporary Ballet e direttore artistico del dipartimento moderno-contemporaneo del Centro D.A.F. - Dance Arts Faculty - Progetto Internazionale di Danza e Arti Performative - a Roma), Rocco Greco (direttore artistico “Tauriadance” e altre importanti produzioni). Ad inaugurare l'edizione 2018, una anteprima di lezioni, con una intensa giornata di stage che ha visto come location il Mirabeau Park Hotel e il suggestivo panorama di Gasperina. “Una grande opportunità - ha commentato Pierluigi Galati - per i numerosi giovani e giovanissimi allievi provenienti da ogni angolo della regione di incontrarsi e confrontarsi con altri coetanei con cui condividono la passione per la danza. Ma anche l'occasione di apprendere tecniche di danza da insegnanti di solida preparazione artistica”. A tenere le lezioni uno staff di insegnanti di altissimo livello: Passanti, Biuso, Ivo, Piro, Mc Collin, Altomare, Anais e Concy. Nel corso della lunga giornata si sono alternate lezioni di danza di classica, moderna, hip hop e contemporanea. Un bellissimo momento di condivisione sociale che ha messo al centro le emozioni, la disciplina, l’impegno e la vivacità della danza. Il festival dà già appuntamento alla prossima edizione con l’intento di ampliare ulteriormente le sue prospettive.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa