Un travolgente Nek “infiamma” la Summer Arena, grande successo a Soverato
Menu

Un travolgente Nek “infiamma” la Summer Arena, grande successo a Soverato

FOTO ARTICOLOSOVERATO - Ennesima serata da incorniciare per la “Summer Arena” di Soverato, teatro della riuscitissima esibizione di Filippo Neviani, in arte Nek, andata in scena ieri sera. Prima dell’inizio del concerto Nek è stato premiato dall’amministrazione comunale soveratese con un ippocampo d’oro, creato dall’orafo Lea Urzino, e consegnato da lei stessa insieme al Sindaco Alecci. Altra bella nota da segnalare è l’incontro del cantante con una sua speciale fan, Ilenia una ragazza disabile, giunta appositamente da Modena con la sua famiglia, anche se le sue origine sono di Soverato. Molto emozionante l’incontro con Nek, che è stato disponibilissimo e cortese come sempre aprendo le sue braccia alla specialissima ammiratrice. L’artista emiliano non delude le attese regalando ai circa 2500 spettatori due ore bellissime, ricche di musica e di tanto divertimento. Nek coinvolge tutti, anche a livello emotivo, nella sua unica tappa calabrese del suo “Unici Tour” ; Neviani fa della semplicità la sua forza, piace a tutti anche e soprattutto per questo, così anche lo spettacolo di ieri sera è composto da un mix di energia e romanticismo. L’amore è il tema dominante dei suoi brani; “Uno di questi giorni” riscalda subito i fans, poi Nek, che si presenta indossando jeans e t-shirt, si scatena con “Se una regola c'è “ e “Lascia che io sia”, hit del passato che hanno contribuito a renderlo uno dei più amati cantanti del panorama musicale italiano. Il musicista parla del suo ultimo album, arricchendolo anche con poesie (“Questo so di me”) e nuovi suoni, sul palco si cimenta anche con strumenti per lui insoliti, come il pianoforte, sulle note di “Differente”, uno dei pezzi clou del suo ultimo lavoro, si concede uno spazio tutto per lui e per la sua chitarra perché “Voce e chitarra danno un po' di rilassatezza” dice, riscuotendo applausi, intonando “Se non ami” e “Sto con te”. Sforna altri successi, tra cui “La voglia che non vorrei”, “Hey Dio!”, “Dimmi cos’è”, “Sul treno”, “Sei grande”, “Ci sei tu” e il pezzo del momento, “Freud”. L’arena soveratese, a un certo punto, si trasforma in una discoteca grazie alla sorpresa che Nek, mentre canta “Almeno stavolta”, regala a tutti, scendendo dal palco per mescolarsi tra il pubblico, tutti impazziscono per lui che, divertito, poi ringrazia. Tutti in piedi quindi per il rush finale dove arrivano i pezzi che lo hanno reso una celebrità, ecco l’attesissima “Unici”, poi “Laura non c'è”, al suo ventesimo “compleanno”, viene festeggiata a dovere, di seguito arrivano “E da qui”, le recenti “Se telefonando” e “Fatti avanti amore” e si chiude con “Se io non avessi te”, tributo finale al pubblico che da parte sua, con applausi scroscianti, risponde e accoglie il saluto di Nek sperando che possa tornare presto a Soverato per rivivere, assieme a lui, un'altra serata magica. In coda all’articolo la ricca foto-gallery della serata.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa