Un amore di teatro: al via la stagione al Teatro del Grillo di Soverato
Menu

Un amore di teatro: al via la stagione al Teatro del Grillo di Soverato

20181203 183211“Un amore di teatro” è lo slogan della stagione 2018/ 2019 del Teatro del Grillo a Soverato. Il riferimento - spiega il Direttore Claudio Rombolà - è “sia alla bellezza del teatro, definito da Renzo Franco Bandera come uno dei dieci piccoli teatri più belli d’Italia, sia alla stagione teatrale” legata dal fil rouge dell’amore. Dieci spettacoli a far data dal 9 dicembre p.v. più l’undicesimo della compagnia del Grillo appassioneranno i tanti spettatori. Un pubblico, anche quest’anno costituito dai fedelissimi, che ormai rinnovano l’abbonamento senza quasi guardare il cartellone, stante la fiducia piena nel luogo e nella professionalità dimostrata nel tempo da chi lo ha fatto nascere e vivere, e da tanti altri che hanno conosciuto più recentemente la magia del Grillo. Da sempre ci si chiede se a teatro sia più importante il testo, l’attore o la regia, ma “tutto questo è importante se qualcuno partecipa” - chiarisce Claudio Rombolà con occhi illuminati da passione ponendo l’accento sull’idea di comunità. Data la struttura di questo teatro che consente la stretta prossimità dello spettatore rispetto all’attore, si realizza maggiormente quanto affermava Silvio D’Amico “Il dramma è la comunione di un pubblico con uno spettacolo vibrante”. Una delle caratteristiche della stagione alle porte è determinata dal fatto che gli spettacoli attengono al teatro del contemporaneo; si tratta inoltre di rappresentazioni che hanno debuttato da poco o devono debuttare, e questo denota una scelta coraggiosa perché ci si affida a delle novità con tutti i rischi che esse comportano. Tra tutti un unico monologo il 27 gennaio “Preziosa” con Francesca Inaudi su testo di Maria Teresa Venditti e regia di Luca Di Bei. L’apertura il 9 dicembre è affidata, invece, ad una rilettura del Moby Dick di Melville a cura e regia di Davide Sacco, la chiusura a “Prima di andar via” il 17 marzo; in mezzo tanto e tanto da scoprire. Il Teatro del Grillo anche quest’anno ha scelto di coinvolgere le scuole, nello specifico le scuole medie inferiori di Soverato, Montauro, Gasperina, Stalettì e Vallefiorita, nell’ottica dell’importanza della formazione dei giovani e del loro avvicinamento a questa forma artistica e di vita nella vita. Il 13 dicembre nella Sala Polivalente di Montauro e il 14 dicembre presso l’Istituto Laura Vicuña di Soverato, in occasione dell’80° anniversario della firma delle leggi razziali, verrà proiettato il film d’animazione “La stella di Andra e Tati”, una produzione Rai e Larcadate in collaborazione con il MIUR. A seguire lo spettacolo interattivo “Quando ci regalarono una scuola” di Natalia Magni che lo interpreta con Roberto Baldassari. Ed ancora per valorizzare il Complesso della Grangia di Montauro un concorso alla ricerca delle migliori idee a cui parteciperanno le scuole medie inferiori coinvolte in precedenza con la proiezione del film. Dunque non resta che andare al Teatro del Grillo e lasciarsi trasportare dalla logica dell’amore che tutto può tranne trovare la cura per questa dolce malattia: l’amore per il teatro.

Daniela Rabia

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa