Successi per la "Long Dao Academy": in Sicilia conquista dieci medaglie e la finale di Coppa Italia
Menu

Successi per la "Long Dao Academy": in Sicilia conquista dieci medaglie e la finale di Coppa Italia

medagliere log taoCon la conquista di ben dieci medaglie, targate “Long Dao Academy”, la Calabria del kung fu vola in finale. E’ l’eccezionale notizia proveniente dalla “Coppa Sicilia di wushu kung fu Acsi/Amado”, svoltasi nei giorni scorsi al PalaCannizzaro di Aci Catello (Catania), valevole per il campionato nazionale assoluto e aperto a tutte le società sportive d'Italia. L'evento, promosso dalla maestra Rosaria Catania, ha visto confrontarsi decine di società sportive, con la partecipazione di oltre 150 atleti. Tra questi non sono mancati i ragazzi della scuola “Long Dao Academy”, che in questa tappa hanno portato a casa ben dieci medaglie, qualificandosi per la finale del campionato assoluto italiano che si terrà a Viterbo il 9 e il 10 giugno. Gli atleti della “Long Dao Academy”, che già avevano riportato ottimi risultati nella precedente tappa di Napoli con otto medaglie all'attivo (2 ori, 3 argenti e 3 bronzi), hanno implementato il medagliere di due trofei e questa volta quattro sono state le medaglie d'oro, tre quelle d'argento e tre quelle di bronzo, per un totale, in entrambe le tappe, di 18 medaglie e la qualifica ufficiale per la finale di Coppa Italia. A conquistare la medaglia d'oro nella categoria di “forme kung fu individuale a mani nude 8-10 anni”, Raffaele Bertucci, di 8 anni, mentre il bronzo è andato a Miriam Minasi, di 8 anni. Per le categorie “taolu-kung fu individuale a mani nude under e over 18 anni”, una tripletta di medaglie d'oro è stata conquistata da Sofia Salerno (di 16 anni), Maria Chiara Mezzatesta (di 20 anni) e Valerio De Francesco (di 26 anni), mentre Domenico Liotti (di 25 anni) e Bruno Mezzatesta (di 17 anni) si sono posizionati rispettivamente al secondo e terzo gradino del podio, portando a casa una medaglia d'argento e una di bronzo. Nelle categorie di combattimento “sanda light”, altre tre medaglie: due d'argento per Nazzareno Andreacchi (di 22 anni) e Rosanna Roti (di 17 anni) e una di bronzo per Maria Chiara Mezzatesta (di 20 anni). Al termine delle gare, il maestro Lino Perlongo, caposcuola della “Long Dao Academy”, ha dichiarato che «i risultati conseguiti dai nostri atleti non fanno altro che confermare la qualità del lavoro e l'alta formazione che la nostra accademia, a livello nazionale ed internazionale, riesce a fornire. Nella speranza che questo possa essere solo il principio di una lunga serie di avvenimenti per la crescita della cultura tradizionale cinese nella pratica del kung fu, ancora oggi poco capito, e il riscatto dell'immagine della Calabria in Italia e nel mondo». La “Long Dao Academy”, infatti, oltre ad avere duplice sede in Calabria, a Catanzaro e Serra San Bruno, ha una sede a Pisa, un punto di contatto su Bergamo e Milano e svariati collegamenti diretti con la Cina, a Pechino, Shangai e Hong Kong. I corsi dell'accademia “Long Dao” sono coordinati dalla maestra Angela Palaia e spaziano dal kung fu per bambini e ragazzi, al “combat sanda”, fino al “tai-chi chuan”. Una scuola di arti marziali cinesi tradizionali, quindi, a 360 gradi, che può vantare un eccellente team di preparatori atletici ed un prestigio maturato in ambito nazionale e internazionale grazie al maestro caposcuola Perlongo, che di recente ha ricevuto in Spagna il titolo di kung fu “Master of the year 2017 - Gold category” e a fine maggio sarà presente a Roma all'International Budo Master.

Carmela Commodaro

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa