Soverato Calcio a 5
Menu

Soverato Calcio a 5

Francesco Gioffrè

"Soverato Battle Beach" 2017, a luglio la quarta edizione

Battle Beach 2017 1SOVERATO - Dopo gli ottimi successi riscontrati nelle precedenti tre edizioni, si propone per il quarto anno consecutivo la "Soverato Battle Beach 2017", la sfida tra portieri che anima i primi giorni dell'estate soveratese di tutti gli appassionati del Numero Uno calcistico. Anche questa edizione sarà organizzata dall'associazione "Portiering" di Nino Riso con il patrocinio del Comune di Soverato, la novità rispetto al passato è rappresentata da una durata di tre giorni, dunque più lunga, considerando la partecipazione che si preannuncia superiore e, soprattutto, una parte dell'evento che sarà riservata ai piccoli portieri di diverse Scuole Calcio.

La sfida uno contro uno tra portieri di tutte le età e provenienti da tutta la Calabria (e non solo) è programmata dal 7 al 9 luglio, resta ancora da stabilire la location anche se Battle Beach 2017 2si pensa ad uno svolgimento in spiaggia. Dunque, ancora una volta il divertimento è assicurato per gli amanti del ruolo del portiere e, certamente, ne gioverà anche lo spettacolo. L'organizzazione fa sapere che, in seguito, saranno comunicate nel dettaglio ulteriori informazioni.

Francesco Gioffrè

Lega Pro: Catanzaro raggiunto su rigore nel recupero dalla Juve Stabia

Juve Stabia CZ CASTELLAMMARE DI STABIA - Pari che sa di beffa per il Catanzaro nel match esterno contro la quarta in classifica Juve Stabia. Al “Romeo Menti” finisce 2-2 una partita poco spettacolare, ma allo stesso tempo molto “animata” vista l'importanza della posta in palio specialmente per le “Aquile” di Alessandro Erra, in quanto era vitale una vittoria che, invece, è sfumata sul più bello per un’ingenuità clamorosa e sicuramente evitabile. Match vibrante fin dalle prime battute, la Juve Stabia segna a freddo, ma viene subito ripresa dalla risposta del Catanzaro che, prima della fine del primo tempo, riesce addirittura a passare davanti ai propri avversari dopo averli contenuti molto bene.

Nella seconda parte di gara a farla da protagonista è il nervosismo, troppo per una partita di calcio, mentre in campo i padroni di casa insistono fino a che non si guadagnano in pieno recupero il penalty del pareggio finale. Così i calabresi tornano a casa con un punto che li porta a -1 dal Taranto, oggi non sceso in campo dopo i violenti fatti di questa settimana, e guardano al match di domenica prossima al Catania con l'obiettivo di vincere per compiere il passo decisivo verso la salvezza.

Cronaca partita - Carboni schiera la sua Juve Stabia con il 3-4-1-2 e recupera l’ex Parma Paponi in attacco, al suo fianco Cutolo con Kanoute alle spalle; molta esperienza in squadra con Santacroce in difesa e Capodaglio e Lisi a centrocampo. Erra, d'altra parte, sceglie il classico 4-4-2 e non convoca Icardi e Carcione, al loro posto Mancosu e Van Ransbeeck, Giovinco-Sarao coppia d’attacco. È un avvio shock per i giallorossi, ad un minuto dal via infatti le “Vespe” campane passano subito in vantaggio con Paponi che, con un “piattone” su assist di Lisi, beffa la difesa calabra. I gialloblù si illudono di poter dominare, ma non fanno i conti con Sarao che, all’8’, riporta il match in parità con una conclusione precisa a fil di palo imprendibile per Russo; nell'azione il centravanti è bravo nell’anticipo sul marcatore sul lancio di Mancosu. In questa gara equilibrata i padroni di casa spingono di più, ma senza sfondare dopo il ritorno dell’equilibrio. E alla mezz'ora c'è anche spazio per la moviola, Lisi finisce a terra sulla sinistra dell’area dopo un presunto contatto con Mancosu, l'arbitro lascia correre tra le proteste generali. Le azioni scarseggiano nonostante il pressing stabiese che sbatte sul muro difensivo delle “Aquile”, ma nel finale proprio gli ospiti osano di più e colpiscono; quarantesimo minuto, Prestia stacca benissimo di testa su cross da punizione trovando però la miracolosa respinta di Russo. Il centrale del Catanzaro tuttavia si riscatta poco dopo, Giovinco mette il pallone in area dalla bandierina e questa volta la capocciata del numero 15 non lascia scampo al portiere stabiese, palo-gol e squadre al riposo sull’1-2.

Ritmi blandi in avvio di ripresa e sostituzioni che rendono il Catanzaro più coperto e pronto, al contempo, a partire in contropiede ; la Juve Stabia, a trazione anteriore con gli ingressi in campo di Liviero e Marotta, cerca spiragli, ci prova al 60’ con una conclusione debole di Cutolo bloccata a terra da De Lucia. Gli animi si accendono negli ultimi venti minuti con continue scaramucce tra i giocatori (molte le ammonizioni) e la Juve Stabia, spinta dai propri tifosi, continua a premere senza però creare grossi problemi a Prestia e compagni. Nei minuti conclusivi gli attacchi dei locali si fanno sempre più insistenti, De Lucia fa venire i brividi ai tifosi giallorossi con uscite un po' troppo avventate e all’86’ ci pensa Matute, dalla distanza, a sfiorare il pareggio. Proprio nel recupero, sciocchezza enorme di Maita che tocca la palla con il braccio in area di rigore su cross di Cancellotti, è rigore e segna Kanoute. Finale bruttissimo con rissa tra giocatori ed espulsione per Liviero.

Francesco Gioffrè

 

JUVE STABIA 2

CATANZARO 2

JUVE STABIA: Russo, Cancellotti, Santacroce, Morero, Camigliano (65’ Marotta), Matute, Capodaglio, Lisi, Kanoute, Cutolo (82’ Manari), Paponi (59’ Liviero). In panchina Bacci, Tabaglio, Giron, Salvi, Izzillo, Allievi, Esposito, Mastalli, Rosafio. All. Carboni.

CATANZARO: De Lucia, Pasqualoni, Prestia, Sirri, Sabato, Van Ransbeeck (75’ Bensaja), Maita, Mancosu, Cunzi (87’ Basrak), Giovinco (61’ Patti), Sarao. In panchina Svedkauskas, Gomez, Leone, Campagna, Cedric, Imperiale. All. Erra.

ARBITRO: Capone di Palermo (Notarangelo di Cassino e Trasciatti di Foligno).

MARCATORI: 1’ Paponi, 8’ Sarao, 42’ Prestia, 90’+2 su rig. Kanoute

NOTE: Spettatori 1200 circa con rappresentanza ospite. Espulso Liviero nei minuti di recupero. Ammoniti Camigliano, Van Ransbeeck, Mancosu, Sabato, Santacroce, Cunzi, Cancellotti, Capodaglio, Sarao. Recupero 0’ pt, 4’ st.

 

RISULTATI 31.a GIORNATA: Casertana-Cosenza 1-1, Catania-Foggia 0-1, Lecce-Fondi 2-0, Melfi-Akragas 0-0, Siracusa-Reggina 1-1, Vibonese-Fidelis Andria 1-0, Juve Stabia-Catanzaro 2-2, Matera-Messina 5-1, Monopoli-Virtus Francavilla 1-1.
RINVIATA Taranto-Paganese.

CLASSIFICA (*partita in meno): Foggia 68, Lecce 64, Matera 55, Juve Stabia 53, Francavilla 49, Siracusa 48, Cosenza e Casertana 44, Andria 41, Fondi e Paganese* 40, Catania 39, Messina 34, Monopoli 32, Akragas 30, Taranto*, Catanzaro e Reggina 29, Melfi 27, Vibonese 26.

Nuovo Basket Soverato chiude bene la regular season, battuta la forte Mayor Paola

Nbs Paola 1 SANT’ANDREA SULLO JONIO - Con il risultato finale di 57-53 il Nuovo Basket Soverato centra il suo quarto successo di fila chiudendo nel migliore dei modi la regular season della Serie D calabrese. Al “Pala S.Andrea” i “Cagnacci” di coach Federica Sbrissa superano la Mayor Paola dopo una sfida ricca di emozioni e particolarmente intensa sul piano agonistico.

Si trovavano di fronte due tra le più forti squadre del campionato e ne è uscito un confronto molto equilibratoNbs Paola 2 risoltosi solo negli ultimi secondi di gara. I due quintetti giocano subito a viso aperto, molto “combattimento” in campo e punteggio basso con i cosentini di coach Nino Furfari (ex Soverato) avanti 6-10. Nel secondo quarto il duello continua e i padroni di casa reagiscono riuscendo ad andare al riposo in vantaggio di un punto (20-19).

Le due difese hanno la meglio sui rispettivi attacchi ma, nella seconda parte di gara, i soveratesi spingono sull’acceleratore con le solite grandi giocate di Billy Fall ed i punti determinanti di Fabio Ippolito che valgono il 41-37. Nell’ultimo periodo Mayor Paola, spinto da un grande Giannotta, cerca la rimonta avvicinandosi al Soverato che resiste e, grazie alla grande compattezza di tutta la squadra, riesce ad aggiudicarsi i due pesanti punti chiudendo 57-53. Il Nuovo Basket Soverato chiude con 26 punti e, momentaneamente, è in posizione di vantaggio per la fase ad orologio che inizierà nelle prossime settimane.

La classifica definitiva però, si conoscerà dopo le gare in programma domani e dopo il recupero di alcuni match, ma, di certo, Fall e compagni diranno la loro fino alla fine per aggiudicarsi quella che sarebbe una meravigliosa promozione in Serie C. Tutto si deciderà, dunque, nel “secondo campionato” che vedrà protagoniste tutte le nove squadre della Serie D; si giocheranno però gare di sola andata sul campo della squadra meglio classificata e, al termine, la somma dei punti totali tra regular season e fase ad orologio decreterà promozione e retrocessioni.

Francesco Gioffrè

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa