Soverato Calcio a 5
Menu

Soverato Calcio a 5

Redazione

Segui Redazione su

Segui Redazione su

Davoli: quote rosa, la nota del Pd

logo PDNei giorni scorsi, il Tar della Calabria- Catanzaro ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dai consiglieri di minoranza Cosimo Femia e Antonio Corasaniti sul l’applicazione della Legge Del Rio con riguardo alla parità di genere nella composizione dell’esecutivo dell’Ente -Comune. All’epoca della presentazione della domanda giudiziaria, il Partito Democratico di Davoli ha assunto una chiara presa di posizione in merito, avvertendo sul fatto che si trattava di una vicenda da poco normata e, pertanto, dibattuta giurisprudenzialmente. Del resto, l’approfondita istruttoria compiuta dal Sindaco Papaleo nella ricerca e nell’individuazione di donne disponibili a ricoprire l’incarico assessoriale non lasciava alcun dubbio sulla totale correttezza e trasparenza del modus operandi della maggioranza amministrativa. Sennonché, su tale vicenda, si è incentrato il protervioso atteggiamento della minoranza consiliare che, anziché concentrarsi sui problemi seri che affliggono la nostra comunità, ha tentato di innescare artatamente nella comunità una distorsione politico- mediatica della vicenda. La sentenza di pochi giorni orsono, non solo dimostra che il Sindaco Papaleo ha operato nella piena legalità, ma soprattutto condanna in maniera esemplare e senza alcun alibi l’atteggiamento demagogico e populista di un’opposizione che tende a distogliere l’attenzione dei cittadini dai disastri consumati dalle vecchie dirigenze comunali ed ereditate dall’amministrazione Papaleo. Nonostante questi regali non richiesti, l’amministrazione, di cui ci onoriamo di rappresentare il Sindaco Papaleo, prosegue nel suo ottimo lavoro mirato a risanare una situazione economica compromessa e mettere in campo una vera e propria rivoluzione culturale nel modo di gestire la “cosa pubblica”, prendendosi cura dei veri problemi davolesi. Capiamo lo stato d’animo delle minoranze. Dopo quasi tre anni di opposizione inconcludente, non sarà stato sicuramente piacevole incamerare l’ennesima sconfitta. Per tale motivo, invitiamo la minoranza consiliare ,oltre ad evitare figuracce di dilettantismo politico e giuridico nella predisposizione dei ricorsi, di farsi carico realmente delle vere istanze dei cittadini che, oramai, sono pienamente capaci di discernere la buona e sana politica portata avanti dall’Ammininstrazione Papaleo da chi invece porta ancora avanti rancoroso istanze sterili e pretestuose.

Volley Soverato; mercoledì nuova trasferta. Match clou a Trento

Volley Soverato logoNon si ferma la Samsung Galaxy Volley Cup A2. E’ previsto infatti mercoledì sera un nuovo turno infrasettimanale dopo quello di due settimane fa. Il Volley Soverato è atteso dalla seconda trasferta consecutiva nel giorno di tre giorni con le calabresi di Barbieri che faranno visita al forte Delta Informatica Trentino in un match di alta classifica visto che le due squadre, Soverato secondo con ventinove punti e Trentino appena un punto dietro, stanno svolgendo un campionato importante. Entrambe le compagini sono reduci da una vittoria esterna per tre a zero; a Caserta le biancorosse ioniche e a Marsala le ragazze di coach Nicole Negro. Ci si aspetta, dunque, un bel match giocato al massimo dalle due squadre che cercheranno punti importanti per proseguire la marcia in classifica. Capitan Donà e compagne sono già al lavoro per preparare questo match nonostante il poco tempo a disposizione visto che martedì è prevista la partenza per la sede del ritiro. E’ importante recuperare sia a livello fisico che mentale vista la vicinanza delle partite in questa fase di stagione e quelle che porteranno fino alla fine del girone di andata da qui alla fine dell’anno. A Caserta il Soverato ha giocato bene e dettato i ritmi sin dalle prime battute, nonostante i ritorni delle padrone di casa che, soprattutto nelle parti finali dei set, hanno cercato di riagganciare le avversarie. La Delta Informatica Trentini ha un organico di tutto rispetto, dove spicca sicuramente l’opposto Kiosi, migliore in campo domenica a Marsala, e le schiacciatrici Michieletto e Degradi, senza dimenticare l’ex alzatrice del Soverato Moncada. Soverato sta dimostrando in questo campionato di migliorare di gara in gara, e contro tutte le squadre ha sempre messo in evidenza la forza del gruppo e il grande carattere. Mercoledì servirà come sempre massima concentrazione dall’inizio del match, cercando di impostare il proprio gioco e tenere alti i ritmi. Dopo avere raggiunto la sede del ritiro, le biancorosse del presidente Matozzo sosterranno la rifinitura mercoledì mattina al “Sanbapolis” dove il fischio d’inizio è previsto alle ore 20:30. Arbitri di turno la coppia Serafin Denis – Laghi Marco.

Badolato, il 15 dicembre "Spartacu Strit Viù" Teatro Comunale

badolato spettacolo 15Una scrittura scenica elaborata ed interpretata dal giovane artista calabrese Francesco Gallelli, che realizza questo secondo studio sul testo, passando dalla pagina scritta alla messa in scena, potendo avvalersi della collaborazione e del tutoraggio artistico di Luca Michienzi ed Anna Maria De Luca. Una performance resa possibile grazie alla Residenza Teatrale “MigraMenti Off”, diretta dal Teatro del Carro, che ha creduto nel progetto di Gallelli, ospitando lo studio in una permanenza artistica presso il Teatro Comunale di Badolato per un periodo di oltre 60 giorni.
Un progetto che ha debuttato il 4 novembre 2017 all’interno della “VI Giornata Nazionale dell’Attore”, giornata che il Teatro del Carro ha istituito e promosso per ricordare e commemorare Pino Michienzi, suo indimenticabile fondatore e direttore artistico. Progetto che ha chiuso sei anni di duro, ma gratificante lavoro della residenza “MigraMenti”, nella città di Badolato. Lo spettacolo è anche sostenuto dalle Associazioni Riviera Borgo degli Angeli di Badolato e Basta vittime sulla 106. 

Presentazione spettacolo:  Conosciamo la strada che percorriamo tutti i giorni? E la strada di oggi è uguale a quella di ieri? E’ possibile che un mito della storia antica, come Spartacus, abbia in comune con uomini e donne del nostro tempo luoghi, aneddoti, oggetti, amicizie, morti? E’ impensabile affermare che la parabola umana e di lotta di Spartacus sia simile a quella di tanti nostri contemporanei, se non di noi stessi? Il carattere di queste domande potrebbe proseguire all’infinito, aprendo tentativi di risposta inimmaginabili. E allora, scendiamo sulla strada. Non una strada qualunque, ma la strada: la strada della morte, la SS 106 Jonica, che collega Reggio Calabria a Taranto. Una strada che diventa il pretesto per parlare di schiavitù, di sogni, di incontri umani, di paesaggi, di incidenti, di Beautiful, di mar Jonio, di lotta e di politica. La strada che il nostro Spartacu si trova a percorrere ogni giorno per andare a guadagnare quei pochi denari che gli occorrono per sperare di costruirsi un futuro e una famiglia. Sa che il suo destino è legato a questo viaggio quotidiano, che costantemente compie, sin da quando è piccolo, perché lui su questa strada ci è nato e per questa strada si batterà tutta la vita. Ed ecco così che la storia dell’eroe romano, che la leggenda vuole abbia compiuto imprese mirabili proprio qui in Calabria, si intreccia con quella dell’uomo d’oggi. Una storia strettamente legata alla vita e alla lotta di Franco Nisticò, politico calabrese, originario di Badolato, che, dopo essersi battuto con ogni mezzo per il miglioramento e l’ammodernamento della 106, per difendere i diritti di chi questa strada è costretto a farla ogni giorno, perde la vita al termine di un ultimo comizio tenutosi a Villa San Giovanni nel 2009. Un racconto drammaturgico questo di “Spartacu Strit Viù”, dove non esistono personaggi, ma solo storie universali, storie che accomunano i giovani e gli anziani, i classici e i moderni, il passato e il futuro. La vita e la morte. Sulla strada.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa