Royal Lamezia, il pareggio lucano su un rigore contestato dalle lametine
Menu

Royal Lamezia, il pareggio lucano su un rigore contestato dalle lametine

Royal a sx schierata a RioneroPrimo inopinato stop stagionale per la Royal Team, a dimostrazione che in questo torneo non esistono gare abbordabili né tantomeno avversari più agevoli. La squadra di mister Ragona passa in vantaggio con Primavera, tra le poche note liete di giornata vista la personale tripletta, ma cammin facendo si smarrisce dimostrando che c’è ancora tanto da lavorare. Il pareggio lucano (1-1) arriva dopo un contrasto tra il portiere Ceravolo che, in uscita aerea su un attaccante locale, rinvia il pallone ma ovviamente viene a contatto con lo stesso avversario. Per l’arbitro è rigore tra l’incredulità e le proteste della Royal. Dal dischetto pareggia Di Sanza, tra le migliori delle sue e autrice anche lei di una tripletta. Da lì in poi la Royal, schierata inizialmente con Ceravolo, Fragola, Losurdo, Primavera e Linza, non trova il bandolo della matassa. Sia per proprie lacune e sia per la bravura delle avversarie abituate maggiormente alla propria struttura, alquanto piccola e simile ad un palestrone, un po’ come a Cosenza. Non vogliono ovviamente queste essere attenuanti per la Royal che, si è già detto in premessa, deve evidentemente lavorare ancora tanto e di più per mettersi al passo del gruppo di testa. La gara prosegue col Rionero che approfitta di lacune difensive lametine segnando con Quarta e Huchitu e chiudendo così il primo tempo sul 3-1. Nella ripresa il clichè non cambia: ancora Di Sanza porta Rionero sul 4-1, ma da qui in poi si vede la vera Royal con Ragona che getta nella mischia il 5° di movimento, prima Linza e poi Bagnato. A proposito di Linza brutto infortunio ad una costola e, a fine gara, anche visita in ospedale con un mese circa di prognosi per la sfortunata calcettista lametina. Da lì in poi inizia il riscatto della Royal, che segna con Primavera e Losurdo per il 4-3. Rimonta possibile, ma subentra anche un pizzico di sfortuna con i pali colpiti da Losurdo e Pota (nel primo tempo una deviazione di Fragola finiva contro il palo su attacco locale), e così ne approfitta ancora Rionero che dilaga con il 5-3 di Quarta a segno da lontano a porta vuota (in campo c’era il quinto di movimento), e il 6-3 con Di Sanza ancora. La Royal non demorde e realizza con Primavera per il 6-4. Pota ha l’occasione per l’incredibile rimonta, ma tira alto da ottima posizione e la partita finisce lì. A fine gara molta delusione in casa-Royal, ma evidentemente è anche questo il prezzo da pagare alla ricerca dei giusti sincronismi ed amalgama di squadra. Una giornata opaca, condita dall’iniziale episodio arbitrale ma evidentemente occorre tempo per evitare tali prestazioni e migliorare l0intesa complessiva, tecnica e mentale. Intanto incombe il doppio turno che, nel volgere di tre giorni, vedrà la Royal ospitare Martina domenica e poi Palermo fuori il Primo novembre.

TABELLINO 6-4.
RIONERO: Martino, Corleto, Carlucci, Carrubba, Schiro, Petta, Huchitu, Agneta, Laluce, Alcibiade, Quarta, Di Sanza. All. Tolla
ROYAL: Ceravolo, Fucile, Marrazzo, Leone, Fragola, Corrao, Primavera, Linza, Losurdo, Bagnato, De Sarro, Pota.
ARBITRI: Ricco di Barletta e D’Addato di Verona. Crono: Tomasulo di Venosa.
RETI: 1t Primavera, Di Sanza (R – rig.), Quarta (R). Huchitu (R). 2t Di Sanza (R), Primavera, Losurdo, Quarta (R), Di Sanza (R), Primavera.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa