Antonio Mauro
Menu

Antonio Mauro

Seminario sulle certificazioni ECDL all’IIS Guarasci-Calabretta di Soverato

seminario ecdl 5dic 2Si è parlato dell’importanza di certificazioni informatiche in generale e specificatamente della Nuova ECDL Full Standard nel corso di seminario organizzato dall’I.I.S. “Guarasci – Calabretta” di Soverato che si è tenuto il 5 dicembre 2018 nella rinnovata sala conferenze della sede dell’I.T.E. “A. Calabretta” gremita di allievi del triennio e di docenti. Il Prof. Antonio Colacino, Animatore Digitale e Supervisore AICA (Associazione Italiana per l’Informatica ed il Calcolo Automatico) presso l’I.I.S. “Guarasci – Calabretta”, oltre ad evidenziare che l’I.T.E. “A. Calabretta” con il proprio Test Center AICA rappresenta ormai uno dei più longevi centri a livello nazionale per l’organizzazione, la gestione e la sorveglianza degli esami per l’acquisizione delle certificazioni informatiche, ha illustrato l’offerta formativa, proposta dall’Istituzione Scolastica anche per il corrente anno scolastico, e riguardante l’avvio dei corsi di formazione per il conseguimento della certificazione di abilità e competenze informatiche di base. E’ stato tra l’altro ricordato che, la certificazione ECDL (European Computer Driving Licence) Full Standard ha ottenuto nel 2014 il riconoscimento di ACCREDIA, l’Ente Nazionale preposto a validare i processi di certificazione delle persone a seguito del Decreto Legislativo n.13 del 16 gennaio 2013 e che pertanto, l’ECDL Full Standard è divenuta l’unica certificazione di competenze digitali accreditata con valore riconosciuto in almeno 150 Paesi nel mondo. Al seminario ha preso parte anche l’Ing. Giuseppe Baffo in qualità di Ispettore AICA e Vicepresidente della sezione territoriale Calabria di AICA, il quale ha relazionato sull’importanza dell’acquisizione da parte dei giovani in formazione scolastica di competenze informatiche certificate poiché non si può prescindere, sia nella scuola che nel mondo del lavoro, dal saper usare in modo appropriato il personal computer, i dispositivi mobili ed il web. L’acquisizione di una certificazione di competenze informatiche di base, determina per gli studenti, significativi vantaggi ai fini del riconoscimento sia a livello di crediti scolastici (triennio ed Esame di Stato) che di crediti formativi universitari (CFU) con l’esonero parziale o intero dell’eventuale prova di esame riguardante argomenti di Informatica di base. E’ stata inoltre evidenziata l’importanza del riconoscimento da parte dell’Istituzione Scolastica della validità, nel percorso di Alternanza Scuola Lavoro degli allievi, della certificazione ECDL Full Standard mediante la possibile attribuzione, secondo le indicazioni AICA, di 91 ore di attività formativa. L’attività formativa, indirizzata a tutti e proposta presso la sede I.T.E. “A. Calabretta” per il conseguimento della certificazione delle competenze digitali di uso del computer ECDL Full Standard e da svolgersi in orario pomeridiano con due incontri settimanali, riguarderà sette moduli : “Computer Essential”, “Online Essentials”, “Word Processing”, “Spreadsheets”, “Presentation”, “Online Collaboration”, “IT Security”, i docenti indicati saranno tutti interni all'istituzione scolastica, con esami da svolgersi, in modalità CBT su database AICA sistema ATES a conclusione di ogni modulo, sempre presso il Test Center AICA dell’I.I.S. “Guarasci-Calabretta”.

Salvatore Moio

Torna a Catanzaro la rassegna “Cori polifonici della Calabria” promossa dall’associazione “Aurorae”

Foto di archivio riferita alla prima edizione della rassegna Cori polifinici della CalabriaCatanzaro – Quattro date per quattro eventi, ideati per il periodo natalizio dall’associazione culturale-musicale “Aurorae”. Sabato 15 dicembre, nella città di Catanzaro, si parte con il primo evento: la seconda edizione della rassegna “Cori polifonici della Calabria”, inserita quest’anno nel cartellone “Sarà tre volte Natale” promosso dall’amministrazione comunale. Cinque gruppi corali, uno per ogni provincia, si esibiranno a partire dalle ore 19,00 nella chiesa di Santa Maria del Carmine, luogo di culto di struttura seicentesca nel quartiere della “Grecìa”, cuore storico di Catanzaro. Le altre date. A questo primo appuntamento, ne seguono altri: tre concerti del coro polifonico “Aurorae” di Catanzaro, la compagine da cui prende il nome l’associazione presieduta dal maestro Roberto Nadiani, che dirige lo stesso gruppo corale. Il 16 dicembre, dalle ore 19,00, “Aurorae” sarà infatti di scena nella chiesa del Santissimo Rosario, nel centro storico cittadino; il 22 dicembre, dalle ore 19,00, nella chiesa di Santa Maria Assunta, nel quartiere di Gagliano; il 5 gennaio, sempre dalle ore, 19,00, nella chiesa del Monte dei Morti, nel centro storico di Catanzaro. Si tratta di appuntamenti pensati per recuperare un importante patrimonio musicale nato attraverso i secoli e ispirato alla spiritualità del Natale e non solo. L’evento del 5 gennaio, inoltre, è incluso nel programma “Sarà tre volte Natale”. I cori polifonici della rassegna. Per quanto riguarda, invece, la rassegna del 15 dicembre, questi i cori che si esibiranno: “Aurorae”, diretto da Roberto Nadiani, per la provincia di Catanzaro; “Ars Suprema”, diretto da Giuseppe Fusaro, per Cosenza; “Magnificat”, diretto da Pascal Mascaro, per Crotone; “Musica Nova”, diretto da Alessandra Montenero, per Reggio Calabria; “Don Giosuè Macrì”, diretto da Vincenzo Laganà, per Vibo Valentia. La rassegna “Cori polifonici della Calabria”. “Incoraggiati dal successo ottenuto con la prima edizione nel 2017, “Aurorae” propone una nuova edizione della rassegna “Cori polifonici della Calabria” sempre con lo scopo di riunire diverse realtà corali calabresi peculiari per stile e repertorio”, dichiara Roberto Nadiani. “Il repertorio di questa seconda edizione - prosegue il presidente di “Aurorae” - comprende soprattutto classici brani di Natale creati da famosi compositori e la rivisitazione di brani appartenenti alla tradizione popolare natalizia anche contemporanea. I cori si esibiranno “a cappella” e con accompagnamento musicale favoriti dalla meravigliosa acustica e dalla bellezza ispiratrice della chiesa di Santa Maria del Carmine”. “La serata - continua Nadiani - sarà presentata dalla giornalista Rossella Galati, che ringraziamo per la sua presenza. Un “grazie” dall’associazione va inoltre all’amministrazione comunale di Catanzaro che ha inserito l’evento del 15 dicembre e quello del 5 gennaio nel cartellone “Sarà tre volte Natale”, ma anche agli sponsor per il loro contributo e a tutti coloro che ci hanno sostenuto nella fase organizzativa per questa iniziativa e per gli altri eventi natalizi. In più - conclude Nadiani - ringraziamo le ragazze e i ragazzi dell’Istituto d’istruzione superiore “Petrucci-Ferraris-Maresca” di Catanzaro che nell’ambito dell’attività di alternanza scuola-lavoro ci daranno una mano ad accogliere i gruppi corali provenienti da fuori città”.

Chiaravalle Centrale, l'assessore Foti: verifiche su tutte le lottizzazioni

DonatoFoti 326x245L'assessore comunale con delega all'Urbanistica, Claudio Foti, accende i riflettori sui piani di lottizzazione. L'esponente della giunta Donato “da tempo, per le vie brevi, aveva sollecitato il responsabile del settore tecnico al fine di avviare un'attività ricognitiva per conoscere nel dettaglio lo stato di fatto”. Una esigenza scaturita “dalle lamentele di alcuni cittadini per problematiche di viabilità”. “Da lì - prosegue la nota - si è poi scoperto che dette aree non erano mai state trasferite al Comune”. L'assessore ha, quindi, invitato l'ufficio tecnico “ad avviare le procedure necessarie e propedeutiche per poter acquisire le aree al patrimonio dell'ente”. Non avendo ricevuto alcun esito, Foti ha, pertanto, formalizzato “una specifica richiesta all'attenzione del responsabile del settore tecnico per definire la situazione e far sì che l'amministrazione possa dare seguito alle procedure consequenziali”. Secondo l'assessore Foti “è necessario comprendere le condizioni delle aree destinate a standard urbanistici, in che condizioni sono, se occupate abusivamente, se recintate abusivamente”. È stato altresì invitato l'ufficio a verificare le superfici ed i relativi confini: quali i motivi della non consegna al Comune; quali attività sono state avviate dal Comune nel tempo. Insomma “una ricognizione generale per affrontare una problematica che si presenta in stato di abbandono e che la politica del passato, a quanto pare, e non si sa per quali ragioni non ha mai ritenuto di affrontare”.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa