Catanzaro Calcio, si pensa al Rende dopo la vittoria sull’Akragas
Menu

Catanzaro Calcio, si pensa al Rende dopo la vittoria sull’Akragas

cz akagras us sitoCATANZARO - Il ritorno alla vittoria in campionato del Catanzaro ieri sera sull’Akragas, dopo la disfatta subita dal Lecce due settimane fa, non è stato pienamente goduto dalla maggior parte di tifosi e critica. Il motivo è semplice; la squadra allenata da Alessandro Erra, ieri sera, ha deciso di complicarsi la vita dopo un inizio folgorante e straordinario per quanto si stava vedendo in campo. La squadra era aggressiva, ricordava molto quello spirito guerriero che tanto aveva incantato nel match d’esordio contro la Casertana, e infatti dopo nemmeno venti minuti di gioco il risultato era di 2-0 in favore dei giallorossi, merito del rigore di Letizia e dell’ incornata di Riggio su corner. È invece successo che, forti del raddoppio, Nordi e compagni si sono un po' adagiati sugli “allori”, i siciliani così hanno pian piano preso terreno, hanno iniziato a creare più di qualche apprensione alla difesa locale finendo per riaprire una gara che pareva decisamente chiusa. Il tecnico catanzarese ha così deciso di apportare qualche modifica tattica perché era oramai palese che l’undici siculo insisteva, come un’ape, nel punzecchiare la formazione di casa. Cambio modulo e baricentro arretrato per la disapprovazione dei presenti, ma per sua fortuna la scelta si è rivelata questa volta azzeccata, l'ingresso di Infantino (al rientro dopo un lungo stop) ha fatto la differenza, è grazie a lui infatti che il vantaggio è aumentato nei minuti finali, con la sua fuga sulla destra e l’assist al bacio per un altro neo-entrato, Cunzi, che come al solito ci mette “anima ‘e core” quando ha addosso la maglia giallorossa, pallonetto pregevole a scavalcare Vono e corsa liberatoria sotto la ancora una volta fantastica Curva “Massimo Capraro”. Alla fine tutto è bene ciò che finisce bene, sono arrivati tre punti per il Catanzaro che così può preparare il derby di Rende con maggiore tranquillità; è però indubbio che qualcosa ancora non va, Erra dovrà dunque lavorare anche sulla concentrazione della squadra e, soprattutto, non dovrà mantenere l’atteggiamento di chi teme di essere rincorso dall’avversario di turno, a partire dalla gara del “Lorenzon” in programma sabato sera.

Francesco Gioffrè

(Foto ROMANA MONTEVERDE - Us Catanzaro 1929)

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa