Il Catanzaro batte di misura il Bisceglie, decide una ‘capocciata’ di Infantino
Menu

Il Catanzaro batte di misura il Bisceglie, decide una ‘capocciata’ di Infantino

CATANZARO-BISCEGLIE 1-0
CATANZARO: Nordi, Di Nunzio, Gambaretti, Sabato, De Giorgi, Maita (84' Van Ransbeeck), Onescu, Sepe (84' Nicoletti), Falcone (70' Spighi), Letizia (77' Cunzi), Infantino (70' Corado). In panchina Marcantognini, Cason, Zanini, Riggio, Badjie, Ielo, Puntoriere. All. Dionigi
BISCEGLIE: Crispino, Delvino (77' D'Ancora), Petta, Markic, Jurkic, Risolo, Vrdojak (67' Toskic), Migliavacca (77' Giron), Partipilo (66' Montinaro), Azzi (55' Ayina), Jovanovic. In panchina Vassallo, Alberga, Giron, Diallo. All. Zavettieri
ARBITRO: Marchetti di Ostia (Ass. Caso di Nocera Inf. e Montagnani di Salerno.
MARCATORE: 32' Infantino
NOTE: presenti circa 2000 spettatori. Ammoniti Giron, De Giorgi, Nordi. Recupero 0' pt, 5' st


Us Catanzaro logoCATANZARO - Il Catanzaro è fuori dal tunnel. È da tre punti la prima gara interna del 2018, 1-0 sul Bisceglie e vittoria che porta a quota 28 punti (a -2 dalla zona playoff) la squadra del capoluogo calabrese, attesa domenica prossima dalla difficilissima trasferta di Lecce contro l'attuale capolista. Era fondamentale ritrovare la vittoria per l'undici catanzarese dopo gli ultimi risultati poco convincenti, escluso il buon pari scorso contro la Juve Stabia, e vittoria è stata per la gioia di tutto l’ambiente che finalmente può gioire. Nei primi quarantacinque minuti di gioco regna l'equilibrio, ma il Catanzaro ha più fame e riesce a passare davanti al Bisceglie prima del riposo grazie al suo centravanti Infantino che finalmente ritrova il sorriso dopo i tormenti causati dalle sue condizioni fisiche che, di tanto in tanto, “decidono” di non essere buone. Ripresa molto simile, nonostante la spinta offensiva tuttavia gli ospiti non colpiscono, così i padroni di casa possono festeggiare e guardare avanti con più serenità.
Nel classico 3-5-2 Dionigi lancia dall’inizio De Giorgi e Sepe, gli esterni giunti a Catanzaro in questa finestra invernale di calciomercato, Onescu e Maita a centrocampo con Falcone subito dietro alle due punte Infantino e Letizia. Novità anche nel trio difensivo dove assieme a Gambaretti resiste la conferma di Sabato, poi Di Nunzio. Bisceglie in campo con il 4-2-3-1, squadra pugliese ricca di balcanici con Markic e Jurkic in difesa, il croato Vrdojak a centrocampo ed il serbo Jovanovic con Azzi in avanti. È buono l'approccio dei giallorossi alla gara, entrati sul manto erboso del “Nicola Ceravolo” con chiare intenzioni di vittoria, si vede il giusto atteggiamento dei giocatori anche se, per la prima parte di match, non vi sono particolari azioni degne di nota. Dal ventesimo in poi i primi squilli, ci provano prima De Giorgi con un tiro che sfiora il palo della porta difesa da Crispino, poi anche i nerazzurri ospiti con Azzi e Petta (questo con un colpo di testa di poco a lato). Punteggio sbloccato al 32' da Infantino, il suo terzo centro stagionale arriva con una bella ‘incornata’ su cross perfetto di Falcone, la Curva “Capraro” esulta per il vantaggio del Catanzaro con cui si conclude la prima parte dell'incontro. La ripresa è subito vibrante, i pugliesi hanno due occasioni ravvicinate, Partipilo costringe Nordi al grande intervento con un fendente rasoterra al 48' e Petta, otto minuti più tardi, è impreciso nella girata volante su tiro dalla bandierina. Passata la paura le ‘Aquile’ si riaffacciano dalle parti di Crispino mancando il raddoppio per un niente al 57', Infantino si smarca benissimo dopo aver agganciato l'assist al bacio fornito da Letizia, al momento clou però la sua conclusione acrobatica a pochi passi dalla porta termina sopra la traversa . Poco dopo ci prova anche Letizia su calcio piazzato da fuori area, sfera fuori per una questione di centimetri. Girandola di sostituzioni da ambo le parti, esordio per il neo arrivato Corado che si fa subito notare con un potente destro che però finisce fuori. Gli ospiti, imbottiti di attaccanti dal tecnico Zavettieri, cercano di trovare spunti per provare a pareggiare, i calabresi però non concedono spazi riuscendo a gestire il vantaggio fino al fischio finale per la gioia dei tifosi giallorossi.

Francesco Gioffrè

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa