Serie C: Catanzaro bloccato dall’Andria e dalle troppe assenze
Menu

Serie C: Catanzaro bloccato dall’Andria e dalle troppe assenze

CATANZARO-FIDELIS ANDRIA 0-0

CATANZARO : Nordi, Riggio (67’ Sirri), Di Nunzio, Gambaretti, Zanini, Benedetti, Marin, Imperiale (67’ Nicoletti), Onescu, Cunzi (15’ Kanis) Puntoriere (73’ Lukanovic). In panchina Marcantognini, Pellegrino, Marchetti. All. Dionigi

FIDELIS ANDRIA : Maurantonio, Pipoli (76’ Tiritiello), Rada, De Giorgi, Curcio, Esposito, Quinto, Matera, Celli, Scaringella (89’ Milicucci), Lattanzio (69’ Nadarevic). In panchina Cilli, Allegrini, Barisic, Colella, Paolillo, Ippedico, Bottalico, Di Cosmo, Piccinni, Croce. All. Loseto

ARBITRO : Garofalo di Torre del Greco (Ass. D'Apice e Somma di Castellammare di Stabia)

NOTE : serata mite. Presenti 3672 spettatori con rappresentanza ospite. Ammoniti Maurantonio, Kanis, Matera, Di Nunzio, De Giorgi. Angoli 5-7 . Recupero 3’ pt, 4’ st

cz andriaCATANZARO - Reti bianche tra Catanzaro e Fidelis Andria nell’undicesimo turno del girone C di Serie C. Rimandato dunque l’appuntamento tra Dionigi e la sua prima vittoria da allenatore giallorosso, una vittoria che non arriva nemmeno se i calabresi ricevevano in casa il fanalino di coda del girone. Oltre alla compattezza della compagine ospite, ben messa in campo dal tecnico Loseto e brava a non concedere nulla (e sfiorando addirittura la vittoria), i locali sono stati incapaci di costruire gioco e azioni degne di questo nome. Unico alibi le troppe assenze per infortunio (ultimo in ordine di tempo Letizia), la squadra vista in campo necessita però di lavorare ancora per tornare a fare bene come nelle prime giornate. Al “Ceravolo” partita brutta, scialba la prima parte di gara, periodo di match in cui però, ancora una volta, la sfortuna si accanisce contro le “Aquile” e in particolare con Cunzi, titolare dopo lo stop forzato per infortunio e costretto a lasciare il campo per un’altra noia fisica causata da un intervento abbastanza pericoloso del portiere ospite Maurantonio. In campo però accade ben poco, un vero spunto per parte e stop. Copione analogo nella ripresa dove però la Fidelis Andria, specialmente nei primi venti minuti, ha avuto le sue occasioni prontamente sventate, però, da un attento e bravo Nordi. Così finisce con un altro pari, dopo quello di Trapani, per il Catanzaro, atteso sabato prossimo dalla trasferta di Francavilla.

La partita : Emergenza infortuni nel Catanzaro, nell’undici titolare non c'è Letizia, al suo posto Cunzi che fa compagnia a Puntoriere in attacco. Nell’Andria di mister Loseto l’unica novità rispetto alla vigilia è l’impiego di Scaringella a fianco di Lattanzio nel tandem offensivo e di Celli in luogo di Nadarevic.
Fase di studio nei primi minuti di gara, primo evento da segnalare l’ennesimo infortunio giallorosso; Cunzi al 9’ viene letteralmente travolto da un’uscita a valanga di Maurantonio ai 30 metri, portiere ammonito e numero 10 sostituito da Kanis dopo appena un quarto d'ora dal via. La squadra di casa è spaesata dall’episodio e inizia a subire le offensive ospiti, è il 17’ quando dalla destra De Giorgi costringe Nordi ad allungarsi per metter in corner una conclusione sul secondo palo, sul seguente tiro dalla bandierina capocciata di Rada alta sopra la traversa. Il Catanzaro però si scuote subito, Imperiale ha la prima occasione da rete calciando col collo sinistro da buona posizione, sfera di poco a lato. Primo tempo tutto qua, ritmi alquanto lenti e di altre azioni degne di nota neppure l’ombra, al riposo si va sullo 0-0. Ripresa partita con pericolo andriese dalle parti di Nordi, al 49’ Scaringella raccoglie al volo uno spiovente sfiorando l’esterno della rete. Ancora l’attaccante bianco blu protagonista in altre due occasioni, il suo primo tiro viene messo in angolo dai rimpalli della difesa giallorossa, il secondo da una gran parata di Nordi. Catanzaro spuntato, si, ma comunque in sofferenza anche con l'ultima in classifica, c'è solo la Fidelis in campo come lo dimostra l’ennesimo tentativo a rete, portato avanti da De Giorgi sulla sinistra al 65’ e nuovamente respinto dal capitano-portiere di casa. L'intensità continua a latitare, Dionigi cambia con le sostituzioni e gli ospiti arretrano il baricentro. Negli ultimi dieci minuti però finalmente il Catanzaro torna a farsi vivo, Kanis fa la barba al palo col sinistro dal limite, poi l'aggressività cresce anche nei contrasti e il pubblico si fa sentire. Poca roba però, al Catanzaro manca la concretezza e, soprattutto, mancano troppi giocatori, risultato finale un noioso, ma giusto, 0-0.

Francesco Gioffrè

RISULTATI 11.a GIORNATA: Paganese-Monopoli 0-1, Sicula Leonzio-Akragas 2-0, Siracusa-Virtus Francavilla 1-0, Bisceglie-Trapani 0-3, Catanzaro-Fidelis Andria 0-0, Juve Stabia-Rende1-0, ore 20.30 Fondi-Casertana e Reggina-Catania. 30/10 ore 20.45 Lecce-Cosenza

CLASSIFICA: Lecce 23, Monopoli 22, Siracusa 20, Catania 19, Trapani 18, Matera 16, Francavilla e J. Stabia 15, Rende 14, Reggina 13, Bisceglie, S.Leonzio e Catanzaro 12, Akragas 9, Cosenza e Fondi 8, Casertana, Andria e Paganese 7

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa