Volley Soverato, successo al torneo "Chapeau 3.0"
Menu

Volley Soverato, successo al torneo "Chapeau 3.0"

chapeau 1E’ del Volley Soverato la terza edizione del torneo “Chapeau 3.0” che si è tenuto mercoledì e giovedì a Camigliatello Silano e Cosenza. Le ragazze di coach Napolitano hanno sperato nella finale disputata al “Pala Ferraro” di via Popilia la P2P Givova Baronissi per tre set a due dopo che, in semifinale, avevano vinto nettamente contro Palmi. Le altre due compagine erano infatti Palmi e Ferraro Lamezia. La semifinale contro Palmi ha visto i seguenti parziali: 25/19; 25/17; 25/17 con Napodano e compagne che hanno vinto senza particolari problemi contro le reggine. Una gara dalla quale coach Napolitano ha potuto trarre importanti spunti con le biancorosse mostrano miglioramenti di partita in partita, tenendo conto che si è ancora sotto preparazione in vista del campionato. Nella finalissima contro le campane di coach Dino Guadalupi, le calabresi hanno rimontato il match che le vedeva sotto per due set a uno, e vinto 15-6 il quinto e decisivo parziale, mentre gli altri sono terminati: 25/21; 24/26; 24/26; 25/20. Vittoria del torneo a parte, è stata sicuramente una due giorni importante per il Volley Soverato del presidente Matozzo che svolge questi allenamenti congiunti con il massimo impegno e con l’obiettivo di vincere anche queste partite pre campionato. A fine torneo abbiamo ascoltato le impressioni di coach Bruno Napolitano che si è anche soffermato sullo stato attuale della preparazione con le ragazze che già in questo fine settimana affronteranno un latro allenamento congiunto, questa volta in Puglia contro Cuore di Mamma Cutrofiano:” Abbiamo lavorato tanto in questi due giorni durante il torneo; oltre alle partite abbiamo svolto anche sedute in sala pesi a San Giovanni in Fiore presso la “Fitnes Point”. E’ andata bene tutta la squadra e, risultato a parte, ho fatto ruotare tutte le giocatrici ottenendo sempre le risposte che cercavo e delle buone indicazioni; la nostra è una squadra molto giovane che ha bisogno di allenarsi molto oltre a giocare per acquisire il ritmo partita. Non abbiamo molto tempo e trovare il giusto compromesso non è semplice e comunque questo torneo è servito sicuramente a molto e ci ha fatto bene”.

Torna in alto

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie leggi l'informativa estesa sui cookie. All'interno del sito c'è sempre un link all'informativa estesa. Cliccando sull'apposito tasto oppure su un qualsiasi elemento della pagina sottostante acconsenti all'uso dei cookie. Questo avviso ti verrà riproposto tra 12 mesi. Informativa estesa