Coltivare bonsai di melograno: consigli indispensabili da seguire

Coltivare bonsai di melograno: consigli indispensabili da seguire

Novembre 22, 2021 Off Di Facchini

Il bonsai di melograno è una pianta fuori dal comune, meraviglia chiunque la osservi per la sua bellezza ma soprattutto per i suoi frutti, quest’ultimi un vero e proprio toccasana per la salute. Questa pianta, può essere coltivata in giardino sottoforma di arbusto o albero e negli ultimi anni ci sono state delle novità in questo campo, difatti, essa può essere coltivata anche come bonsai.

Il melograno è un frutto sin dalle origini apprezzato dall’essere umano, esistono diverse tipologie ognuna di esse con una specifica caratteristica, ed è proprio questo particolare a rendere unico questa pianta. Come ogni pianta, anche il bonsai di melograno necessita delle dovute cure e attenzioni, quindi vediamo alcune semplici regole da seguire.

Bonsai di melograno: da talea

La domanda più frequente fra gli amanti di questa pianta è sicuramente: come si può riprodurre il bonsai di melograno? è possibile farlo sia attraverso seme, ma la strada più facile è sicuramente la riproduzione per talea: consigliato nel periodo che va dal mese di Marzo al mese di Giugno. Il procedimento è molto semplice: basterà munirsi di un ramo già fiorito, ma dell’anno precedente, in un secondo momento sulla parte della talea va effettuato un taglio orizzontale per facilitare la nascita delle radici. Il fogliame va rigorosamente eliminato, soprattutto le foglie posizionate vicino al terreno.

Nonostante il melograno abbia una capacità innata di radicare autonomamente è consigliato utilizzare degli ormoni radicanti. Dopo aver effettuato questa serie di passaggi, è importante individuare un ambiente che abbia la temperatura ideale per il bonsai di melograno: necessita di una zona abbastanza luminosa, evitando il contatto diretto con la luce e con il vento. In una seconda fase, il melograno necessiterà gradualmente di maggiore luce ed è proprio in questo periodo che sarà possibile anche aumentare la concimazione. Dopo aver effettuato questa serie di operazioni, fino alla prossima primavera non saranno necessari ulteriori interventi, trascorso questo periodo il bonsai sarà pronto per il trapianto in vaso per incentivare ancora di più il suo percorso di formazione.

Bonsai di melograno: potatura e pinzatura

La potatura è una fase di vita molto importante per una pianta, soprattutto per il bonsai di melograno. In questo caso, è consigliato svolgere la potatura durante il periodo primaverile che corrisponde con al risveglio vegetativo della pianta. Scegliere di potare il proprio bonsai di melograno prima di questo periodo, implica il rischio di ottenere il ritiro di linfa, un evento molto frequente in questa tipologia di pianta. Al contrario, la pinzatura è un’ulteriore tecnica attraverso la quale si eliminano i rametti, stando attenti a selezionare solo quelli in eccesso perché il bonsai di melograno essendo una pianta da frutto, eliminando eccessivamente tutti i rami si correrebbe il rischio di non ottenere mai di fiori e di conseguenza si bloccherebbe la nascita dai melograni.

Bonsai di melograno: rinvaso

Un’ulteriore tecnica importante che consente al melograno di godere di ottima salute è il rinvaso: si effettua ogni paio di anni, per consentire alla piante di rigenerarsi e solitamente è un passaggio da effettuare trascorsi cinque giorni dal risveglio vegetativo. Questa operazione è suddivisa in varie fasi:

  • pulizia delle radici: eliminare rigorosamente quelle grosse. Nel caso di una pianta giovane è possibile eliminare anche il 50% delle radici, viceversa, nel caso di una pianta anziana è consigliato eliminare solo il 30% delle radici.
  • terricci: quello nuovo dovrà essere composto da vari elementi: torba, pozzolana secca e akadama.

Il bonsai di melograno (www.bioges.it/2020/01/28/bonsai-melograno-scheda-di-coltivazione-segui-i-consigli-di-doctor-bioges/) non preferisce gli ambienti umidi, avendo origini mediterranee propende per zone soleggiate. Insomma, anche se per molti è una semplice pianta, in realtà necessita di molte cure e attenzioni per permettergli di sfoggiare la sua massima bellezza.